THOR: RAGNAROK di Taika Waititi

thor ragnarokCambiare tutto al fine che tutto resti uguale”. Bisogna scomodare il Gattopardo per questo Thor: Ragnarok, terzo capitolo della saga del dio con il martello, che prova ad indossare abiti inconsueti e nuovi per lui, ma fin troppo familiari per i Marvel Studios. I quali, a loro volta, non riescono a nascondere dietro lo sfrontato e moderno umorismo di Taika Waititi, lo spirito di conservazione e reiterazione che da sempre li muove e che, ahimé, li ha resi ricchi sfondati. Questa “nuova” confezione fa emergere l’allarmante necessità di passare a uno step successivo, realmente originale e nuovo, altrimenti a farne le spese non saranno solo i supereroi, ma tutto il cinema di Genere.

Per intervenire a difesa del pianeta Terra e dei suoi abitanti, il vanaglorioso principe di Asgard Thor ha messo da parte i nobili natali, la discendenza aliena e i conflitti familiari con Loki, atterrando puntualmente con un tonfo al fianco dei colleghi Avengers tutte le volte che ce n’è stato bisogno. Dopo averlo visto sfidare i componenti più forti della squadra a sollevare il leggendario Mjöllnir, e gongolare nella consapevolezza di essere il solo degno di brandirlo, un potente nemico in gonnella si fa avanti per raccogliere la sfida e disintegra il martello sotto gli increduli occhi del proprietario. La perfida Hela, tornata in libertà dopo millenni di prigionia, minaccia di scatenare la sua ira sul regno di Odino e l’unico guerriero in grado di fermarla e scongiurare il Ragnarok è disarmato e imprigionato dall’altra parte dell’universo. Indebolito dallo scontro con Hela, Thor è finito nelle mani del Gran Maestro, un avido burattinaio il cui passatempo preferito è far duellare forme di vita inferiori dentro un’arena intergalattica.

Ma l’avversario che la sorte riserva al dio del tuono è una vecchia conoscenza, lo scienziato Bruce Banner, nella versione più grossa e arrabbiata. Dopo qualche scaramuccia ai fini dello spettacolo, il “collega di lavoro” Hulk si rivelerà un alleato prezioso per salvare dalla distruzione l’intera civiltà asgardiana.

Thor: Ragnarok è come un organismo geneticamente modificato: alcune caratteristiche restano invariate, mentre altre trovano inspiegabilmente spazio, laddove spazio non dovrebbe esserci. La mitologia norrena, sul quale il fumetto ha basato ogni fortuna, sbiadisce – anche grazie ad un adattamento scellerato per il quale Hela sarebbe figlia di Odino!

Non aggiungiamo altro [sic!] – lasciando emergere un aspetto Sci-Fi anni ottanta tanto gradito ai dirigenti Marvel in questo periodo. Così il nostro eroe perde tutta la prosopopea e l’orgoglio tipico del suo personaggio e si trasforma magicamente in un compagnone dalla battuta pronta, come uno Star Lord qualsiasi. Da dio del tuono a “zio” del tuono, e questa è tra le battute più ricercate, badate bene. In fondo, è questo che i giovani vogliono, ha pensato qualche genio dello Studio, un Guardiani della Galassia con il martello e perché no, anche con l’incredibile Hulk. Già, perché non era sufficiente modificare e mortificare soltanto il personaggio di Thor, ma anche quello del gigante verde in questa pellicola fa una bruttissima fine. D’altronde, non sarebbe né moderno né nuovo se fosse coerente con la sua storia che lo vuole pericoloso, combattuto, controverso e imprevedibile. Macché. Queste cose non fanno ridere e non sono attuali. Meglio, anzi, molto meglio, trasformarlo in un grosso ebete che parla all’infinito e si comporta come un tredicenne indisciplinato, capace solo di menare le mani.

Un vero disastro, direte voi? Non esattamente. Difatti, il lavoro di Waititi è assolutamente rappresentativo del suo modo di intendere il cinema e se non ci fossero state figure così radicate nel nostro immaginario e in quello dei fumetti, il film sarebbe stata una piccola, scorretta ed entusiasmante commedia fantascientifica. Sfortunatamente, oggigiorno, il regista di What We Do in the Shadows, non avrebbe mai potuto fare un film del genere a Hollywood se non ci fossero stati i supereroi marveliani. Nessuno oggi concepisce il Genere al di fuori della rassicurante cornice del cinecomics.

Non c’è più spazio per soggetti originali di puro Genere fantastico, Horror o Sci-Fi. Piuttosto, si deve accettare il compromesso che ha condotto i Fratelli Russo a fare di Captain America una Spy story o James Gunn dei Guardiani della Galassia un nostalgico Fantasy anni ottanta. Bisogna accontentarsi, dunque, se invece di “Grosso Guaio nello Spazio Profondo” ci troviamo Thor – Ragnark. Poco importa se gli effetti speciali peggiorano a vista d’occhio e se una volta usciti dalla sala, ci si confonderà su quale film si sia appena visto – era Iron Man 2 o Thor? No, era I Guardiani della Galassia -. Ma è davvero questa la modernità che vogliamo? Quanto tempo ancora potrà durare questo modo pavido di fare intrattenimento e creare fantasia?

Meditate, gente. Meditate…

Paolo Gaudio

THOR: RAGNAROK

Regia: Taika Waititi

Con: Chris Hemsworth, Tom Hiddleston, Jaimie Alexander, Mark Ruffalo, Idris Elba, Cate Blanchett, Karl Urban, Anthony Hopkins, Tessa Thompson, Ray Stevenson, Sam Neill, Jeff Goldblum

Uscita sala in Italia: mercoledì 25 ottobre 2017

Sceneggiatura: Craig Kyle, Christopher Yost

Produzione: Marvel Entertainment, Marvel Studios

Distribuzione: Walt Disney Studios Motion Pictures Italia

Anno: 2017

Durata: 130’


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/comments/?ids=http://www.ingenerecinema.com/2017/10/27/thor-ragnarok-taika-waititi/): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /web/htdocs/www.ingenerecinema.com/home/wp-content/plugins/facebook-like-and-comment/comments.php on line 17

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ingenerecinema.com/home/wp-content/plugins/facebook-like-and-comment/comments.php on line 19
Segui [LR] su Facebook:
Post Facebook Più Recenti

FANTAFESTIVAL 2017: Il programma completo, su InGenere Cinema! InGenere Cinema

Fantafestival 2017: Il programma completo, su #InGenereCinema!

1 mi piace, 0 commenti2 giorni fa

GLI SDRAIATI di Francesca Archibugi, l’ultimo film di Francesca Archibugi. InGenere Cinema

#GliSdraiati di Francesca Archibugi, su #InGenereCinema [recensione di Giovanni Cosmo]

0 mi piace, 0 commenti2 giorni fa

Recensione del nuovo DC-Cinecomic JUSTICE LEAGUE di Zack Snyder! InGenere Cinema

#JusticeLeague: Paolo Gaudio parla del nuovo cinecomic #DC, su #InGenereCinema!

0 mi piace, 0 commenti6 giorni fa

STALKER di Andrei Tarkovskji in Blu-Ray per CG Entertainment InGenere Cinema

[home video]: #STALKER di Andrei Tarkovskji in Blu-Ray per CG Entertainment. Su #InGenereCinema la recensione di Luca Servini.

3 mi piace, 0 commenti6 giorni fa

www.ingenerecinema.com

La recensione di Gilda Signoretti del Blu-Ray di #IT di Tommy Lee Wallace, su #InGenereCinema!

0 mi piace, 0 commenti1 settimana fa