InGenere Cinema

RUDI – La serie web: Intervista al regista Lillo Venezia

[Tutte le foto sono di Carlo Foschi]

La storia del cinema di Genere ha da sempre trovato proprio nella figura dello zombi una sorta di utile specchio deformante su cui riflettere le proprie storture, rendendole ancora più visibili e plateali.

E’ successo qualcosa di simile anche con altri mostri, ma con i morti viventi è successo molto di più e molto meglio. Con i living dead che, affrantisi grazie a George A. Romero dalle tradizioni popolari haitiane, diventano i ritornanti [è il caso di dirlo] di un lungo discorso fatto di cinema, incubi, analisi sociale e politica.

Di questi cadaveri viventi abbiamo esempi illustri anche in Italia e su più livelli, anche nel cinema indipendente. E ora fuoriesce dal loculo anche una webserie, Rudi, che ha per protagonista proprio un morto vivente perfettamente senziente e quasi piacevole alla vista, se non si bada troppo ai rivoli di sangue che, di tanto in tanto vengo giù da due bubboni che gli sporgono dalla fronte.

Continua a leggere

CG Entertainement presenta CG DIGITAL!

CG Entertainment inaugura il proprio servizio di Video On Demand, integrando così l’offerta di Dvd e Blu-Ray sulla piattaforma cgentertainment.it con il noleggio e l’acquisto digitale. CG Digital debutta sul mercato con una proposta editoriale appositamente pensata per gli appassionati di cinema: film inediti, grandi classici, anteprime, documentari, horror, sci-fi e il meglio della produzione indipendente italiana ed internazionale. Una piattaforma pensata per chi vuole recuperare film persi in sala, trovare cult dimenticati e per chi vuole proporre film mai distribuiti in Italia.

LA PROPOSTA

Per lo spettatore è sempre più difficile trovare un prodotto altro che incontri i propri gusti senza perdersi nella sovrabbondanza di film e serie offerte. Quella di CG è una proposta ragionata, frutto di un’accurata selezione di titoli e supportata da un attento progetto editoriale. “In questo modo cerchiamo di soddisfare gli spettatori più esigenti, come abbiamo sempre fatto anche con il supporto fisico in oltre vent’anni di attività” ha dichiarato Ferrari Ardicini.

Continua a leggere

LA PICCOLA BOTTEGA DEGLI ORRORI, regia di Piero di Blasio

Al Teatro Sala Umberto dal 3 al 22 dicembre torna in scena quello che è conosciuto per essere stato nei lontani anni 80 il primo musical italiano: La piccola bottega degli orrori, testo made in USA del 1982 ispirato al film del 1960 Little shop of horror, da cui a sua volta è stato tratto l’omonimo remake del 1986.

Una storia così affascinante da essere stata affrontata in tutte le salse quella che vede protagonista il semplice fioraio Seymour [un Giampiero Ingrassia che torna a interpretarlo a trent’anni esatti dal suo debutto nel musical] alle prese con una pianta carnivora decisamente fuori dagli schemi [interpretata qui dalla splendida Vekma K, drag queen italiana di fama internazionale].

Per chi non conoscesse la trama: siamo negli anni ’60 e Seymour lavora nel negozio di fiori del signor Mushnik insieme ad Audrey, la sua giovane collega. Quando Mushnik decide di chiudere il negozio per la poca clientela, Audrey gli consiglia di esporre la strana piantina che possiede Seymour. La pianta attira nuovi clienti, ma presto si scoprirà che si nutre esclusivamente di sangue e corpi umani per vivere e crescere. Il povero Seymour si troverà di fronte a un dilemma: uccidere la gente per nutrire la pianta e diventare ricco e famoso oppure rimanere una nullità per il resto dei suoi giorni mantenendosi la coscienza pulita?

Continua a leggere

CENA CON DELITTO di Rian Johnson

Rian Johnson, dopo aver acceso le più disparate polemiche con Star Wars VIII, torna sul grande schermo con una storia radicalmente diversa, un omaggio alla regina del crimine Agatha Christie.

Cena con Delitto è infatti un mistery movie dal sapore tanto classico quanto attuale, capace di magnetizzare l’attenzione dello spettatore dall’inizio alla fine. Come ogni giallo che si rispetti, si parte da una premessa piuttosto semplice: la disfunzionale e variopinta famiglia Thrombey nasconde moltissimi segreti e il più grande di tutti riguarda proprio la morte del loro capofamiglia, il machiavellico romanziere Harlan. L’uomo viene trovato morto, in circostanze misteriose, la mattina dopo la festa per il suo compleanno. Mentre la polizia archivia l’accaduto come suicidio, il celebre detective Benoit Blanc [Daniel Craig], parlando proprio con la famiglia, si convince sempre più che si tratti di omicidio. Quando i Thrombey si riuniranno per la lettura del testamento e farà la sua apparizione anche Marta, la giovane e gentile infermiera del romanziere, appare chiaro che nessuno dei loro pesanti segreti potrà rimanere al sicuro a lungo.

Continua a leggere

IL CARDELLINO di John Crowley

C’è un’ambizione che separa il cinema dalla letteratura. E ce n’è un’altra che lo accomuna a essa. La prima è la necessità di raccontare tutto, ogni cosa che riempie e scuote un istante. Dettagli, particolari e frammenti che fermano il tempo e superano la caducità della vita, diventando poesia. Questa è prerogativa della letteratura che può riempire la narrazione fino a farla diventare carica e aulica. La seconda è lo svelamento dell’animo umano: come e perché gli uomini e le donne agiscono. Dove le loro azioni li hanno condotti e cosa hanno provato nello scoprire che sono ciò che sono in seguito a quelle scelte. Questo è compito del cinema quanto della letteratura, ma non lo scopriamo certo oggi. Tuttavia, se ci fosse un film tratto da un grande romanzo che volesse ingenuamente perseguire e realizzare quell’ambizione così propria della pagina scritta, sarebbe un’operazione così sbagliata?

Ebbene, questo film è Il cardellino diretto da John Crowley, adattamento dell’omonimo libro Premio Pulizer del 2013. Tale ambizione è al contempo la forza e la debolezza di questa elegante e sovraccarica pellicola che uscirà solo in digitale su 13 piattaforme di streaming online.

Continua a leggere

I MORTI NON MUOIONO di Jim Jarmusch

Centreville è la tranquilla cittadina americana che fa da cornice alla commedia horror di Jim Jarmusch. I morti non muoiono, il titolo, chiarisce immediatamente argomento e campo d’azione: si tratta di morti viventi e, quindi, di zomedy, sotto-Genere orrorifico-grottesco che nel magma cinematografico di nuovo millennio è riuscito a ritagliarsi uno spazio non trascurabile, regalando negli anni anche qualche titolo non trascurabile.

In questa cittadina un po’ sui generis che sembra modellata sulla Twin Peaks di Lynch, ci sono tre poliziotti [il veterano interpretato da Bill Murray e i più giovani Adam Driver e Chloë Sevigny] e attorno a loro una serie di personaggi ancor più strampalati [la preparatrice di cadaveri con la fissa delle arti orientali Tilda Swinton, l’eremita Tom Waits o il neo morto vivente Iggy Pop].

Una commedia corale, quindi, ma in cui si ride davvero poco. Un horror che, invece, viene reso del tutto scevro dai funzionali meccanismi per scatenare il più piccolo accenno di paura. Dove vuol parare, allora, questo I morti non muoiono?

Continua a leggere

SAMUEL STERN in mostra a CArt Gallery

Da mercoledì 11 dicembre 2019 a venerdì 13 dicembre, CArt Gallery ospita la mostra collettiva di 29 autori dal titolo: Samuel Stern e i suoi demoni. Un progetto di esplorazione dell’Horror focalizzato sulla battaglia di Samuel Stern, il nuovo personaggio Bugs Comics, contro i demoni che popolano l’ombra dell’animo umano.
CArt Gallery è la prima galleria della Capitale dedicata esclusivamente all’esposizione e alla vendita di tavole originali e illustrazioni legate al mondo del Fumetto e non solo.
Dalle 10:00 alle 19:00 con ingresso libero in via del Gesù, 61 a Roma.

Continua a leggere

PRIMI DELITTI 30 YEARS: Torna negli store il primo libro di Paolo Di Orazio!

Independent Legions Publishing riporta negli store Primi Delitti, il primo libro dello scrittore Paolo Di Orazio, in un’edizione davvero speciale per il suo Trentesimo Anniversario!

Pubblicato nel dicembre 1989 dalla Acme, in allegato al mensile a fumetti «Splatter» , Primi Delitti provoca nel 1990 una interrogazione parlamentare per istigazione a delinquere. Si tratta del libro pioniere dello Splatterpunk italiano che ha ispirato scrittori, musicisti, fumettisti e illustratori di tutta Italia.

Presentato in anteprima a Roma a Profondo Rosso, la storica bottega dell’orrore di Dario Argento e Luigi Cozzi, il 1° dicembre 2019, il volume è disponibile sul sito di Independent Legions Publishing [qui].

Continua a leggere

“La Gazzetta dello Sport”: Bollettino uscite n.129

Appuntamento con le uscite editoriali distribuite da La Gazzetta dello Sport.

Questa settimana:

  • Albo 19 della collana Dylan Dog – Viaggio nell’incubo, “Sympathy for the Devil”;
  • Albo 140 della collana Marvel Super Eroi Classic, stavolta dedicata a Amazing Spider-Man Kingpin colpisce ancora!;
  • Albo 25 di X-Men – Le storie incredibili “Il processo di Magneto”;
  • Albo 34 della collana Alan Ford a colori, “Bluefarm”;
  • Albo 100 di Tex – 70 anni di un mito “Il segreto della città fantasma.

Sergio Bonelli Editore con La Gazzetta dello Sport e Corriere della Sera presentano: Dylan Dog – Viaggio nell’Incubo, la collana di fumetti dedicata all’antieroe nato dalla fantasia di Tiziano Sclavi. Un lungo viaggio tra le angosce, gli orrori, i mostri, le creature spaventose di oltre trent’anni di racconti a fumetti dylaniati.

Continua a leggere

INGENERECINEMA.COM – Avere 10 anni.

Amiche e amici di InGenereCinema.com, il sito su cui anche oggi state navigando per leggere le novità dal mondo della cultura horror e del fantastico, le recensione dei film in sala o dei libri appena usciti negli store, ha già 10 anni!

«Come passa il tempo!». «Ma davvero? Non li dimostra affatto!». «Tanti auguri!».

Un attimo, solo un attimo. Ci sembra davvero passato un attimo da quando, dopo aver maturato un po’ di esperienza sul primo piccolo sito web italiano dedicato al cinema horror indipendente [il fu Indie.Horror.it], pensai che mi sarebbe piaciuto provare ad avviare un portale che potesse abbracciare tutte le mie passioni e che dall’horror indipendente veleggiasse con destrezza verso quello mainstream, per poi superare i confini del Genere e parlare di cinema a 360°… e poi non solo di cinema, perché quello che mi interessava davvero era di occuparmi e di raccontare tutto ciò che avesse in sé anche un piccolo segno della “luccicanza” propria del non ordinario.

Continua a leggere