Home / Rubriche / Restricted Movies

Restricted Movies

FASTER, PUSSYCAT! KILL! KILL! di Russ Meyer

“Signore e signori, benvenuti alla violenza. Sebbene la violenza si mascheri dietro un’infinità di pretesti, il sesso resta ancora oggi uno dei suoi pretesti preferiti.” Queste le parole pronunciate dalla voce narrante [rigorosamente femminile] che apre le danze alla pellicola ...

Leggi Articolo »

IL BOSCO 1 di Andrea Marfori

Ed eccoci a parlare di uno dei titoli horror più [S]cult di tutti gli anni Ottanta: Il bosco 1. Nel tempo la pellicola di Andrea Marfori è infatti diventata una sorta di reliquia per ogni cultore del trash&gore. La vicenda ...

Leggi Articolo »

ONIBABA – LE ASSASSINE di Kaneto Shindo

Siamo nel Giappone medioevale: una giovane donna rimasta vedova e sua suocera vivono in una capanna in riva ad un fiume, circondate da un’alta e fittissima vegetazione [il miscanthus sinensis, che può raggiungere alcuni metri di altezza]. Per sopravvivere ad ...

Leggi Articolo »

COMBAT SHOCK di Buddy Giovinazzo

Frankie è un reduce del Vietnam irrimediabilmente sconvolto dalle atrocità inflitte e subite. Adesso vive nella periferia più degradata di New York, in un fatiscente appartamento che condivide con la moglie e il figlio, un neonato idrocefalo a causa dei ...

Leggi Articolo »

ANTROPOPHAGUS di Joe D’Amato

Menzionare un titolo come Antropophagus significa riportare alla memoria uno dei must per eccellenza del compianto Aristide Massaccesi, alias Joe D’Amato. Un cineasta [ma anche produttore e direttore della fotografia] dalla filmografia sconfinata che, grazie soprattutto a pellicole come questa, ...

Leggi Articolo »

RE-ANIMATOR di Stuart Gordon

Tratto [molto liberamente] dal racconto Herbert West-Reanimator del sommo H.P. Lovecraft, questo titolo rappresenta il cult per eccellenza dell’allora neonata Empire Pictures di Charles Band e Brian Yuzna [e proprio quest’ultimo prenderà le redini della saga dirigendo il secondo e ...

Leggi Articolo »

CRASH di David Cronenberg

Il film che scandalizzò la quarantanovesima edizione del Festival di Cannes [siamo nel 1996], pur aggiudicandosi il Premio della Giuria. Probabilmente l’opera più malsana, filosofica, anarchica e distruttiva firmata dal genio di David Cronenberg. Il cineasta canadese parte dal romanzo ...

Leggi Articolo »

VOGLIO LA TESTA DI GARCIA di Sam Peckinpah

Che Sam Peckinpah sia stato uno dei più grandi autori dell’intera storia del cinema americano [e non solo] è qualcosa che pare futile anche rimarcare. Personaggio scomodo, anarchico, alcolizzato, drogato e con una visione del mondo antieroica e nichilista, il ...

Leggi Articolo »