InGenere Cinema

SCEGLI IL DVD! #01 [con Paolo Di Orazio]

SCEGLI IL DVD! #01 [con Paolo Di Orazio]

Prendete la redazione di InGenereCinema.com... Fatto? OK. Ora prendere la libreria carica di film in DVD e Blu-Ray che si trova in redazione. Bene. Manca un ospite... un ospite eccellente invitato in…
SCEGLI IL DVD! #01 [con Paolo Di Orazio]
Star Trek: PICARD

Star Trek: PICARD [creata da Alex Kurtzman, M…

Nel 1987, quando iniziarono le riprese della serie Star Trek: The Next Generation, primo spin-off della saga di Star Trek, i colleghi appesero sulla porta della roulotte di Patrick Stewart,…
Star Trek: PICARD [creata da Alex Kurtzman, M…
CALEB: Rilasciato il trailer del vampire movie di Roberto D’Antona

CALEB: Rilasciato il trailer del vampire movi…

Il nuovo film scritto e diretto da Roberto D’Antona e prodotto da L/D Production Company è Caleb, un vampire movie che l'autore promette sarà un horror gotico e angosciante! A pochi mesi…
CALEB: Rilasciato il trailer del vampire movi…
1917 di Sam Mendes

1917 di Sam Mendes

Già vincitore di due Golden Globe e candidato a dieci Oscar, 1917 è l’ultima fatica [e che fatica!] del britannico Sam Mendes, che ci ha già dato prova di grandi…
1917 di Sam Mendes
FIGLI di Mattia Torre

FIGLI di Mattia Torre

Sara e Nicola sono sposati e innamorati. Hanno una bambina di sei anni, Anna, e una vita felice. L’arrivo del secondo figlio, Pietro, sconvolge gli equilibri di tutta la famiglia dando…
FIGLI di Mattia Torre
THE LODGE di Severin Fiala e Veronika Franz

THE LODGE di Severin Fiala e Veronika Franz

Ancora una famiglia in difficoltà all’origine del thriller del momento. Due adulti in lotta: lui pretende il divorzio perché ha già trovato un nuovo amore; lei non accetta che la…
THE LODGE di Severin Fiala e Veronika Franz
JOJO RABBIT di Taika Waititi

JOJO RABBIT di Taika Waititi

“Lascia che tutto ti accada: bellezza e terrore. Si deve sempre andare: nessun sentire è mai troppo lontano…” Si conclude così, con questa splendida citazione del poeta austriaco Rainer Maria Rilke,…
JOJO RABBIT di Taika Waititi
JOJO RABBIT – La Video-Recensione

JOJO RABBIT – La Video-Recensione

Jojo, un bambino cresciuto dalla sola madre, ha come unico alleato il suo amico immaginario Adolf Hitler. Il suo ingenuo patriottismo viene però messo alla prova quando incontra una ragazzina…
JOJO RABBIT – La Video-Recensione
RICHARD JEWELL di Clint Eastwood

RICHARD JEWELL di Clint Eastwood

Durante le Olimpiadi estive di Atlanta del 1996, Richard Jewell, una guardia di sicurezza, trova casualmente uno zaino contenente un ordigno. Il suo intervento tempestivo salva numerose vite, rendendolo un…
RICHARD JEWELL di Clint Eastwood
30 anni di “Primi Delitti”: Intervista a Paolo Di Orazio

30 anni di “Primi Delitti”: Intervista a Paol…

La prima novità di questo curioso 2020 per InGenereCinema.com è Intervista del Vampiro! Una video-rubrica con cui continueremo a raccontare le opere più meritevoli, curiose e interessanti dei nostri Generi preferiti,…
30 anni di “Primi Delitti”: Intervista a Paol…
PreviousNext

SCEGLI IL DVD! #01 [con Paolo Di Orazio]

Prendete la redazione di InGenereCinema.com… Fatto?

OK. Ora prendere la libreria carica di film in DVD e Blu-Ray che si trova in redazione. Bene.

Manca un ospite… un ospite eccellente invitato in redazione per scegliere tra i tanti tre film importanti per la sua formazione o per la sua vita… e poi raccontarci il motivo della scelta!

Di cosa parliamo? Ma di Scegli il DVD! il nuovo format di InGenereCinema.com. L’ospite del primo episodio è lo scrittore Paolo Di Orazio, curatore delle riviste cult della Acme Splatter, Mostri e Nosferatu, autore di racconti e romanzi da Primi Delitti a Debbi [la strana] e le avventure oltranziste nel ventre della balena Ginger, e precursore dello splatterpunk made in Italy!

Che film avrà scelto? Scopritelo dopo il salto!

Continua a leggere

Star Trek: PICARD [creata da Alex Kurtzman, Michael Chabon, Kirsten Beyer, Akiva Goldsman]

Nel 1987, quando iniziarono le riprese della serie Star Trek: The Next Generation, primo spin-off della saga di Star Trek, i colleghi appesero sulla porta della roulotte di Patrick Stewart, che interpretava il capitano Picard, un cartello con su scritto: “Attenzione! Attore shakespeariano britannico sconosciuto!”.

Infatti questo era l’appellativo che gli era stato dato dalla stampa dell’epoca, quando appunto tutto quello che si poteva dire di Patrick Stewart era che fosse un attore shakespeariano, che fosse nato in Inghilterra e che di fatto era ancora uno sconosciuto al grande pubblico.

In verità Stewart aveva già oltre 20 anni di carriera alle spalle, con parti anche in Excalibur [1981, dove interpretava Re Leondegrance], Dune [1984] di David Lynch e Space Vampires [1985], ma sarebbe stato proprio quel personaggio, il capitano Picard della U.S.S. Enterprise, che gli avrebbe dato fama mondiale.

Malgrado una partenza molto zoppicante, The Next Generration infatti vide crescere i suoi indici d’ascolto anno dopo anno, raggiungendo record di share tutt’ora imbattuti per una serie di Star Trek, e conquistando la prima posizione nelle classifiche di preferenza degli appassionati.

Continua a leggere

CALEB: Rilasciato il trailer del vampire movie di Roberto D’Antona

Il nuovo film scritto e diretto da Roberto D’Antona e prodotto da L/D Production Company è Caleb, un vampire movie che l’autore promette sarà un horror gotico e angosciante!
A pochi mesi dall’uscita del fantasy The Last Heroes: Gli Ultimi Eroi, L/D Production Company ha già rilasciato il primo teaser trailer del nuovo progetto: una pellicola che rappresenta un ritorno alle origini, per il giovane attore-regista, che all’horror è legato sin dai primi cortometraggi e che per Caleb dichiara di essersi ispirato alle sensazioni di angoscia, erotismo ed eleganza presenti nei grandi film cult come Dracula di Bram Stoker diretto Francis Ford Coppola e Intervista col Vampiro diretto da Neil Jordan.
Nel primo trailer vediamo un assaggio di quello che sarà il film, stando alle parole del regista, un film “visionario, spaventoso e angosciante, ma che allo stesso tempo saprà farvi emozionare” e viene presentata “Timere”, un borgo immaginario geograficamente situato sulle Alpi ai confini con la Svizzera, ricreato grazie ai due bellissimi comuni piemontesi Vogogna [VB] e Oleggio [NO].

Continua a leggere

1917 di Sam Mendes

Già vincitore di due Golden Globe e candidato a dieci Oscar, 1917 è l’ultima fatica [e che fatica!] del britannico Sam Mendes, che ci ha già dato prova di grandi regie con i suoi, per citarne due, American Beauty e Revolutionary Road.

Questa volta, Mendes si cimenta in una pellicola sulla Prima Guerra Mondiale ispirandosi a una storia molto vicina al suo cuore: quella di suo nonno Alfred H. Mendes, a cui il film è dedicato. Alfred, che nel 1917 aveva solo 19 anni, era arruolato nell’Esercito Britannico e il suo essere alto poco più di un metro e sessanta fece sì che venisse scelto come messaggero del Fronte Occidentale. Al giovane e agilissimo Alfred spettava lo scellerato compito di correre attraverso la Terra di Nessuno [un territorio indefinito situato fra gli Alleati e le Trincee nemiche] cercando di non farsi vedere per recapitare i messaggi dei generali da un accampamento all’altro.

Ed è proprio questo che i nostri protagonisti, i Caporali Blake e Shofield [interpretati rispettivamente da due straordinari e poco più che novelli Dean Charles-Chapman e George McKay] sono costretti a fare: attraversare la Terra di Nessuno e il territorio nemico per recapitare entro ventiquattr’ore un messaggio che potrebbe salvare la vita di migliaia di soldati alleati.

Continua a leggere

POP BLACK POSTA: dal 21 gennaio in anteprima on demand!

Pop Black Posta, il thriller/black comedy di Marco Pollini con Antonia Truppo, Denny Mendez, Annalisa Favetti, Stefano Ambrogi, Enzo Garramone, Alessandro Bressanello, Hassani Shapi, Aaron T. Maccarthy, Pino Ammendola, Luca Lobina, Noemi Maria Cognigni e Luca Romano, sarà disponibile in anteprima digitale dal 21 Gennaio 2020 grazie a  CG Digital, il servizio di Video On Demand di CG Entertainment. Gli spettatori potranno noleggiare o scaricare il film sui propri device da questo indirizzo :

https://www.cgentertainment.it/film-dvd/pop-black-posta/f60035/

Pop Black Posta è ambientato in un luogo piuttosto inusuale: un ufficio postale. L’ufficio postale è diventato, infatti, negli ultimi anni, un luogo stravagante, caratterizzato nell’immaginario collettivo da un servizio poco accurato, da lungaggini burocratiche, file interminabili, macchinari obsoleti, personale frustrato e, non ultimo, a rischio di rapine. All’interno del film viene ricreato questo luogo immaginario, ma non lontano dalla realtà e caratterizzato da un’atmosfera claustrofobica e decisamente sopra le righe.

Continua a leggere

L’ITALIA AGLI OSCAR: Racconti di un cronista impressionista impressionabile

I suoi sono racconti epici, paragonabili soltanto al grande Gianni Minà, del quale forse condivide l’agenda.

Parliamo del mostro sacro della cronaca cinematografica e musicale della TV: Vincenzo Mollica. Perché appunto è ineguagliabile lo stile semplice e la nonchalance con cui racconta la storia degli oscar nel suo ultimo libro: L’Italia agli Oscar, racconti di un cronista.

Di cerimonie degli Oscar lui ne ha larga esperienza; la prima volta che è stato a Los Angeles risale al 1989. Da qui un fiume di racconti e di ricordi, dalla dedica che Sorrentino fece a Fellini, ma anche a Maradona. E poi le cene con commensali speciali: Al Pacino e Tom Hanks; l’incontro a sorpresa tra Ennio Morricone e Clint Eastwood, protagonista di tutte le colonne sonore del grande compositore.

Supportato dal critico cinematografico Steve Della Casa, il cronista che ci racconta da quarant’anni i maggiori eventi della cultura musicale e cinematografica rende omaggio qui a quello che lui stesso definisce una “liturgia”, che è quella che accompagna in maniera metodica e costante la notte degli Oscar.

Continua a leggere

FIGLI di Mattia Torre

Sara e Nicola sono sposati e innamorati. Hanno una bambina di sei anni, Anna, e una vita felice.

L’arrivo del secondo figlio, Pietro, sconvolge gli equilibri di tutta la famiglia dando vita a situazioni tragicomiche.

Nonni stravaganti, amici sull’orlo di una crisi di nervi e improbabili baby-sitter non saranno loro d’aiuto. Tra attimi di felicità e situazioni di sconforto, Sara e Nicola riusciranno a resistere e a rimanere insieme?

“I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te. I figli ti invecchiano perché passi le giornate curvo su di loro e la colonna vertebrale prende per buona quella postura; perché parli lentamente affinché capiscano quel che dici e questo finisce per rallentare te; perché ti trasmettono malattie che il loro sistema immunitario sconfigge in pochi giorni e il tuo in settimane; perché ti tolgono il sonno per sempre. Assonnato e curvo, lento, acciaccato, sei nella terza età.”.

Questo è l’incipit di “Figli”, testo contenuto nella raccolta In mezzo al mare – sette atti comici di Mattia Torre, nucleo dal quale è scaturito l’omonimo film.

Continua a leggere

THE LODGE di Severin Fiala e Veronika Franz

Ancora una famiglia in difficoltà all’origine del thriller del momento. Due adulti in lotta: lui pretende il divorzio perché ha già trovato un nuovo amore; lei non accetta che la fine della loro relazione sia dettata dall’arrivo di un’altra donna e arriva per questo a negare il senso stesso della sua vita, cercando drammaticamente la morte.

Mia e Aiden, i loro due figli, si trovano orfani di madre e, in men che non si dica, costretti a passare le feste di Natale assieme al padre e alla sua strana nuova compagna Grace, una giovane donna che a sua volta si è da poco lasciata alle spalle un evento traumatico che ha a che fare con una setta di estremisti religiosi di cui aveva fatto parte per tanto tempo.

I due ragazzini imputano la colpa della morte della madre proprio a quella ragazza e l’idea di passare con lei diversi giorni all’interno della casa in montagna del padre, circondati dalla nebbia e lontani da ogni cosa, non è proprio un pensiero idilliaco, soprattutto quando l’uomo li avvisa del fatto che, per motivi di lavoro, dovrà assentarsi per 48 ore.

Continua a leggere

JOJO RABBIT di Taika Waititi

Lascia che tutto ti accada: bellezza e terrore. Si deve sempre andare: nessun sentire è mai troppo lontano…”

Si conclude così, con questa splendida citazione del poeta austriaco Rainer Maria Rilke, il nuovo film di Taika Waititi, Jojo Rabbit. Già trionfatore al Toronto Film Festival e vera rivelazione agli Oscar 2020, è una luce abbagliante che scalda il cuore. Recupera la lezione di Lubitsch e Chaplin e ride del terrore più profondo che l’essere umano è stato capace di realizzare. Con l’ironia, la fantasia e il coraggio vince sull’odio, la paura e la morte. Diverte lo spettatore con battute geniali e situazioni surreali e assurde degne del miglior Mel Brooks, per poi commuoverlo fino alle lacrime sulle note della versione tedesca di Heroes di David Bowie. Jojo Rabbit esorcizza fantasmi apparentemente sopiti, ma molto presenti nell’attualità e dona la speranza che solo un amico vero riesce a donare. Perché questo film è così: un amico da frequentare ogni volta si ha bisogno di ridere e celebrare la vita. Ogni volta che ci sentiamo perduti e che un peso insopportabile ci soffoca il cuore. Possiamo rivolgerci a questo film e tutto andrà bene.

Continua a leggere

LA TEMPESTA di Roberto Andò al Teatro Vascello

Ci sarà un motivo se da più di quattrocento anni continuiamo a mettere in scena le opere di William Shakespeare. Se non riusciamo proprio a liberarci da queste catene poetiche, da questo fardello immaginifico che ci impregna dalla nascita, che ce ne rendiamo conto oppure no.

I suoi temi sono i grandi temi dell’essere umano, la vita, la morte, il potere, l’amore [o ancora meglio, come dicevano i commedianti italiani del suo stesso tempo, il Potere dell’Amore e l’Amore per il Potere, suo doppio speculare] e le sue risposte le risposte universali che ci accomunano nella nostra cultura e formazione secolare.

Non sorprende quindi [anzi, per noi è sempre molto bello] andare a teatro nel 2020 e vedere un nuovo Shakespeare, attraverso la lettura della Tempesta operata dal maestro Roberto Andò. O per meglio dire, come è da subito evidente, un vecchio Shakespeare, che sfoggia una dichiarata aderenza al testo originale, praticamente integrale, costruendo una macchina scenica di quasi due ore e trenta.

Continua a leggere