Home / Recensioni / In sala / X-MEN: GIORNI DI UN FUTURO PASSATO di Bryan Singer

X-MEN: GIORNI DI UN FUTURO PASSATO di Bryan Singer

x-men-giorni-futuro-passato-1Col settimo capitolo, la saga cinematografica degli X-Men torna nelle mani di Bryan Singer, dopo i capitoli di partenza X-Men [2000] e X-Men 2 [2003], con l’intenzione di essere in qualche modo collegato sia ai capitoli da lui firmati, sia con quelli che andavano a ricercare nel passato degli eroi mutanti, essendo parallelamente sequel e prequel, e prosieguo, in qualche modo, sia dell’X-Men Conflitto finale che di X-Men – L’inizio, a  seconda del momento temporale sotto cui lo si guarda.

La trama di X-Men: Giorni di un futuro passato è sospesa tra il 1973 e il 2023, e richiama in campo tutti i mutanti passati in rassegna nei capitoli precedenti, affiancandoli ad una sfilza di nuovi personaggi tirati fuori dalle pagine del comics: Wolverine [Hugh Jackman], Charles Xavier [Patrick Stewart e, nella versione giovane James McAvoy], Magneto [Ian McKellen e, per la versione da giovane, Michael Fassbender], Tempesta [Halle Berry] e Mystica [Jennifer Lawrence], oltre a  Bestia [Nicholas Hoult], Quicksilver [Evan Peters], Uomo Ghiaccio [Shawn Ashmore], Shadowcat [Ellen Page], Colosso [Daniel Cudmore], Alfiere [Omar Sy], Warpath [Booboo Stewart], Blink [Fan Bingbing], Sunspot [Adan Canto] e Havok [Lucas Til].

Giorni di un futuro passato ruota attorno ad un avvenimento avvenuto nel ’73, che, se non cancellato dalla storia potrebbe condizionare in negativo la storia degli X-Men.

x-men-giorni-futuro-passato-2Proprio all’inizio degli anni ’70, infatti, il professor Bolivar Stark [il Peter Dinklage di Trono di spade], ossessionato dalla possibile presa di potere degli Homo Superior [i mutanti] nei confronti degli Homo Sapiens, ha ideato un esercito di adroidi, chiamati sentinelle, capaci di riconoscere gli X-Men e di eliminarli senza problemi.

Il progetto di Stark, inizialmente non preso in considerazione dal governo degli Stati Uniti, era, invece, stato messo in cantiere proprio dopo l’omicidio dello stesso professore ad opera di Mystica, decisa a tutto, pur di mettere a tacere un nemico così potenzialmente pericoloso.

Nel 2023, Xavier e i suoi, sanno che l’operato della mutante trasformista avrebbe solo peggiorato la situazione portando la loro razza quasi all’estinzione: la soluzione è una sola, riportare la mente di Wolverine [il più resistente tra loro] indietro nel tempo, per farlo risvegliare nel suo corpo di 50 anni prima e tentare in tutti i modi di fermare Mystica, con l’aiuto dei giovani Xavier e Magneto.

x-men-giorni-futuro-passato-3Bryan Singer torna al timone di un cinecomix che ha il gusto di un colossal, con un budget di 250 milioni di dollari. La punta di più grande interesse di Giorni di un futuro passato sta proprio nell’idea del viaggio nel tempo, che rimanda sì ad una sottotrama reale ritrovabile nella saga fumettistica, ma che cinematograficamente rimanda ad una sequela di sci-fi cult che insaporiscono ancor più le vicende raccontate.

In X-Men – Giorni di un futuro passato, poi, al comix e allo sci-fi, si mescola anche un po’ di fanta-politica, non solo tirando fuori l’omicidio di JFK tentando di rileggerlo in chiave X, ma anche mostrando tutta la ragnatela di poteri forti che, dal ’73 al 2023, potrebbero portare all’affermazione del progetto Sentinelle e alla successiva totale eliminazione degli X-Men.

x-men-giorni-futuro-passato-5L’alternanza passato-futuro funziona alla grande, supportata da Hugh Jackman che, con l’umorismo caustico del suo rude personaggio, fa da collante tra i giovani e i vecchi mutanti, corroborati anche da apparizioni ad hoc di altri eccezionali mutanti, come il Quicksilver di Evan Peters [il personaggio sarà ripreso anche nel prossimo Avengers: Age of Ultron di Whendon, interpretato, però, da Aaron Taylor-Johnson], protagonista di un’eccezionale scena di evasione, e da tutta una sequela di altri eroi che, però, confondono un po’ la visione di chi non è padrone di tutta la mitologia del comix, che può però lasciarsi piacevolmente trasportare dalla sovra-trama sci-fi e ‘70ies, più che da quella futuribile del fumetto.

Attenti alla scena post-titoli di coda, che, con un balzo in un passato remoto, annuncia l’ingresso in scena, nel prossimo X-Men, di uno dei personaggi più temibili della saga…

Luca Ruocco

X-MEN: GIORNI DI UN FUTURO PASSATO

3.5 Teschi

Regia: Bryan Singer

Con: Hugh Jackman, Patrick Stewart, Ian McKellen, Halle Berry, James McAvoy, Michael Fassbender, Jennifer Lawrence, Nicholas Hoult

Uscita in sala in Italia: giovedì 22 maggio 2014

Sceneggiatura: Simon Kinberg

Produzione: Marvel Studios, Dune Entertainment, The Donner’s Company, Bad Hat Harry Productions, Seed Productions

Distribuzione: 20th Century Fox

Anno: 2014

Durata: 130’

InGenere Cinema

x

Check Also

ELVIS di Baz Luhrmann

Dopo l’uscita a giugno 2022, tanto pubblicizzata ma poco vittoriosa in termini ...