Home / Recensioni / Animazione / PINOCCHIO di Enzo d’Alò

PINOCCHIO di Enzo d’Alò

pinocchio1Avevamo lasciato, cinematograficamente parlando, Enzo d’Alò, nel 2003, quando uscì al cinema Opopomoz. Ed eccolo finalmente di ritorno, con un nuovo film d’animazione: Pinocchio.

Le avventure di Pinocchio di Collodi ha goduto di diverse trasposizioni. I più nostalgici ricorderanno il film d’animazione Disney, ma soprattutto lo sceneggiato televisivo di Luigi Comencini, 1972, e con un po’ di stizza quello di Benigni, del 2002.

Il Pinocchio di d’Alò è un Pinocchio molto intimo. Non si può negare quanto sia forte la personalità del regista all’interno del film, e il fatto che, al di là del giudizio che si potrà avere sul film, non sia comunque paragonabile, né semplicemente ricondurre, ai suoi predecessori.

Il cinema d’animazione di d’Alò è un cinema particolare, completo, attento e semplice. Sì, perché i film di d’Alò, pensiamo ad esempio ai due capolavori La freccia azzurra [1996] e La gabbianella e il gatto [1998], si distinguono proprio per una genuinità di fondo che non ha bisogno di espedienti o stratagemmi per intrattenere il pubblico.

d’Alò è abile nell’incantare lo spettatore perché va alla ricerca degli elementi base: sceneggiatura, disegno, colore, musica.

foto pezzo Alessandra Magliaro Pinocchio di Enzo d'Alòd’Alò ha sempre tratto le sue trasposizioni cinematografiche da scritti di autori di alto livello: Gianni Rodari per La freccia azzurra, Luis Sepùlveda per La gabbianella e il gatto, o Michael Ende [autore de La storia infinita] per Momo alla conquista del tempo, mescolando le storie di altri alla sua visionarietà.

Nei suoi film, poi, c’è una particolare attenzione per la musica, che è davvero la coprotagonista, come anche in questo Pinocchio.

Se il regista ha goduto delle collaborazioni, in passato, di Paolo Conte, David Rhodes, Gianna Nannini o Pino Daniele, stavolta ha avuto il prezioso consenso del compianto Lucio Dalla, che presta la voce [come non riconoscerla], oltre ad aver composto musiche e testi, al Pescatore Verde, e che canta la canzone finale del film. Brano che il musicista non fece in tempo ad ultimare e che, per volontà di d’Alò, è stata portata a compimento da Marco Alemanno, che ha voluto completare la canzone con un coro di bambini, per renderla più gioiosa.

pinocchio2Pinocchio, scritto dallo stesso d’Alò con Umberto Marino, suo assiduo collaboratore [La freccia azzurra; La gabbianella e il gatto; …], è disegnato dal fumettista Lorenzo Mattotti, che ama giocare con le ombre, le lunghezze e le larghezze creando strane forme e dimensioni sbilenche [la volpe più alta del gatto, la larghezza del cane Alidoro, o la larga bocca della balena].

Di questo Pinocchio, che è certamente un film tradizionale, anche se girato con tecnologie moderne, affascinano particolarmente i colori, spesso vivacissimi e intensi, un vero spettacolo per gli occhi, insomma, come quelli dell’albero sul quale si arrampica Pinocchio per sfuggire al gatto e alla volpe, che non ha riconosciuto perché mascherati, o le scene ambientate nel paese dei balocchi, con tanto di barche luminose, l’opposto dei sotterranei, scuri e dai colori freddi.

pinocchio6Ma il Pinocchio di d’Alò lascia addosso un senso di fretta, di velocità,  che arriva a far  “snobbare” la figura del grillo parlante, il moralista, e di Lucignolo, che in realtà è ridotto a comparsa. Si ha come la sensazione che tutto sia un po’ troppo compresso, e che manchi quella cattiveria che avrebbe dovuto caratterizzare alcuni personaggi del film. Questo, però, non toglie comunque la validità di questo progetto, che ha richiesto oltre tre anni di lavoro, e che si contraddistingue per una delicatezza che è tipica del suo autore.

Gilda Signoretti

PINOCCHIO

2.5 Teschi

Regia: Enzo d’Alò

Con: Gabriele Caprio, Mino Caprio, Rocco Papaleo, Lucio Dalla, Paolo Ruffini, Maurizio Micheli, Maricla Affatato

Uscita in sala in Italia: giovedì 21 febbraio 2013

Sceneggiatura: Enzo d’Alò, Umberto Marino

Produzione: Cometafilm, Iris Productions, Walking the Dog, 2D-3D Animation

Distribuzione: Lucky Red

Anno: 2013

Durata: 84’

InGenere Cinema

x

Check Also

CRIMES OF THE FUTURE: dal 24 agosto al cinema con Lucky Red

Entra nel catalogo Lucky Red Crimes of the Future di David Cronenberg, ...