Spezzano le ali al NUOVO CINEMA AQUILA

Nuovo-Cinema-Aquila[comunicato stampa]:

La mobilitazione dei lavoratori del Nuovo Cinema Aquila continua.

Giovedì 7 maggio ore 12.00 Conferenza Stampa. 

Il direttore del cinema Fabio Meloni comunica quanto segue:

Il 27 aprile 2015 il Comune di Roma ha notificato al consorzio Sol.Co la revoca della concessione del Nuovo Cinema Aquila. Con l’atto viene chiesto, entro e non oltre il 9 giugno 2015, lo sgombero della struttura, delle attrezzature necessarie allo svolgimento di tutte le attività e – più importante – quello del personale.
Con tre anni di anticipo rispetto alla scadenza del regolare contratto di concessione, si chiede quindi un licenziamento in tronco, con il preavviso di un solo mese, dimostrando una mancanza totale di sensibilità.

I lavoratori del cinema, non potendo accettare questo stato di cose, denunciano all’opinione pubblica quella che ritengono essere un’ingiustizia e creano una mobilitazione per la raccolta firme rivolta al Sindaco Ignazio Marino a favore della solidarietà e della trasparenza.
Tale mobilitazione avanza inoltre le seguenti richieste: la tutela e la continuità dei posti di lavoro; la conferma dei criteri presenti nel bando del 2004; la tutela dell’autonomia e dell’indipendenza politica della programmazione e delle attività svolte [così come è stato fino ad oggi]; il riconoscimento pubblico da parte dell’amministrazione comunale del valore e della qualità delle attività realizzate durante questi sette anni.
L’Assessore alla Cultura Giovanna Marinelli risponde con una nota del 30 aprile 2015, all’interno della quale si apprende con entusiasmo che una delle richieste è stata accettata: l’Assessore dichiara infatti che il nuovo bando“ripercorrerà nelle sue linee quello precedente, a salvaguardia delle finalità socio culturali di un bene con queste caratteristiche” riservandolo così alle cooperative sociali.
Nella stessa nota, però, non è presente alcun riferimento alla tutela dei lavoratori e alla continuità della loro occupazione.
Stupisce infatti che Roma Capitale non riconosca il lavoro che, durante questi anni, ha reso il Nuovo Cinema Aquila uno dei più grandi poli italiani del cinema indipendente.
E’ davanti agli occhi di tutti, infatti, l’esclusività e la qualità della sua programmazione, la professionalità dello staff, l’elevato spessore culturale e sociale degli eventi realizzati e ospitati, il numero corposo degli incontri e dei dibattiti culturali [nel solo bimestre marzo-aprile in media ce n’è stato uno ogni tre giorni].
Quale altra realtà legata al cinema fa questo in Italia soltanto con le proprie forze e senza alcun sostegno pubblico?
Per questo la parola “rilancio” utilizzata all’interno della stessa nota appare irrispettosa e preoccupante nei confronti dei lavoratori, nonché inutile: il cinema non ha bisogno di alcun rilancio, e questo è testimoniato dalla solidarietà che sta ricevendo in queste ore da migliaia di cittadini del quartiere e della città, nonché dagli esponenti del mondo del cinema e dello spettacolo di tutta Italia.
Le oltre duemila firme raccolte nei soli primi due giorni ne sono infatti una prova.
Nuovo-Cinema-Aquila2Le presunte irregolarità gestionali sollevate dal Dipartimento Cultura [che diventeranno reali solo se confermate dal Giudice Amministrativo] lasciano molte perplessità, pur non essendo diretta
responsabilità dei lavoratori del cinema.
Perché tali irregolarità vengono rilevate dal Dipartimento Cultura solo ora, avviando un procedimento irrevocabile e celere senza passare attraverso chiarimenti, diffide o valutazioni legali approfondite?
Qualcuno è stato forse folgorato sulla via di Damasco?
Se invece si trattasse solo di interpretazioni della normativa vigente eccessivamente forzate? In quest’ottica bisognerebbe ricordare che alcuni dirigenti di Roma Capitale nel 2004, in prima istanza, assegnarono il Nuovo Cinema Aquila ad un soggetto che non aveva i requisiti richiesti dal bando, così come poi venne confermato dal Tar e dal Consiglio di Stato.
La maggior parte dei dirigenti che già all’epoca tentò quindi di assegnare il Nuovo Cinema Aquila senza il rispetto delle norme, oggi continua ad operare con ruoli di alto profilo e responsabilità amministrativa della cosa pubblica: perché chi sbaglia per conto della pubblica amministrazione resta a governare per questa città mentre chi subisce eventuali errori commessi dagli altri perde il proprio posto di lavoro senza alcuna tutela?
Chi ripagherà i lavoratori per i rischi e lo stress subito?
Va ricordato inoltre che il sottoscritto dal 2001 al 2007 è stato protagonista della lotta alla mafia ad Ostia, subendo aggressioni e minacce, quando ancora nessun politico e nessuna associazione denunciava la criminalità organizzata presente sul litorale. Ad Ostia, come al Pigneto, l’impegno contro la criminalità e le ingiustizie è stato perseguito e rappresenta un punto di forza e un obiettivo continuo dell’attività dei lavoratori del cinema.
Per tutti questi motivi e per i cittadini che invece hanno da sempre riconosciuto e sostenuto lo spirito, l’indipendenza e le attività del Cinema Aquila, il giorno giovedì 7 maggio alle ore 12:00, presso la Sala Magnani del Nuovo Cinema Aquila di Via l’Aquila 68, verrà indetta una conferenza stampa aperta al pubblico, con la quale verranno spiegati tutti i dettagli e i retroscena di questa vicenda e quali sono le presunte irregolarità imputate dall’Assessorato alla gestione del cinema.
Direttore Nuovo Cinema Aquila
Fabio Meloni

Qui la raccolta firme: http://www.cinemaaquila.com/