Home / Recensioni / In sala / RUSH di Ron Howard

RUSH di Ron Howard

rushlocNel mondo della Formula 1 l’incontro/scontro tra i campioni Niki Lauda e James Hunt è stato più di una semplice rivalità; si trattava di due modi del tutto diversi di intendere la vita, di un rapporto teso che metteva sullo stesso piano due modi di affrontare la vittoria, di due uomini lontani miglia l’uno dall’altro.

Infatti, mentre Lauda era un pilota metodico, freddo e calcolatore, Hunt era più borioso e sicuro di sé; differenze che si ritrovavano anche nel modo di vedere la vita dei due protagonisti della Formula 1; il primo meno portato alla mondanità, il secondo più dedito al vizio e alle belle donne.

Ovviamente questo confronto non poteva essere non preso in considerazione da Hollywood, tant’è che un regista come Ron Howard [premio Oscar per A beautiful mind] ha deciso di mettere mano a questa vicenda raccontando gli anni di conflitto esistiti tra i due piloti, partendo dal 1970.

Da qui si inanellano le loro vicende, fatte di scandali ed incidenti, sfiorando più di una volta la morte sulle piste e cercando, verso la fine, di tirar fuori quella sportività che li condurrà al Gran Premio del 1976, quello decisivo per il rapporto di rispetto che lega Lauda [Daniel Bruhl] a Hunt [Chris Hemsworth].

rush2Siete amanti delle corse e ben poco sapete delle vicende raccontate in Rush?

Poco importa, perché il lungometraggio di Howard è anche per voi un buon motivo per potersi documentare in riguardo, ma ancor meglio, è l’occasione buona per assistere ad un film ricco di emozioni, riuscito e ben fatto.

Non è un’esagerazione dire che Rush è tra le migliori opere sformate dal regista di Apollo 13; uno spaccato dell’epoca e del modo di intendere il mondo delle corse che qualsiasi spettatore non potrà fare a meno di amare.

rush3Supportato da un ottimo script ad opera di Peter Morgan [The queen], col quale aveva già collaborato in Frost/Nixon – Il duello, Howard fa affidamento ad un racconto vero che avrebbe potuto peccare di eccessiva retorica, cosa che per fortuna non succede. Rush è un perfetto meccanismo di sentimenti e forti emozioni, grazie al modo sincero con cui vengono descritti i personaggi e ricostruite le incredibili corse automobilistiche [ovviamente non manca lo scioccante incidente di Lauda], quest’ultime supportate da una fotografia e un montaggio di sublime perfezione.

Nello scontro tra i due attori protagonisti, il bellimbusto Thor Hemsworth e il camaleontico Bruhl, chi ha la meglio è senza dubbio il secondo che, nei panni del pilota austriaco, dà grande prova recitativa senza eccessi di sorta, anche nella mimica ben calibrata.

rush4Tra gli altri interpreti, nella parte del pilota italiano Clay Regazzoni, c’è anche il nostro Pierfrancesco Favino, ormai lanciatissimo anche ad Hollywood [era anche in World War Z] e alla seconda collaborazione con Howard dopo Angeli e demoni.

Rush è cinema con la C maiuscola, accompagnato da un altro paio di parole che sono “Corse” [dato l’argomento] e “Cuore” [data la sensibilità usata nel descrivere questa commovente storia sportiva].

Consigliato vivamente.

Mirko Lomuscio

RUSH

4 Teschi

Regia: Ron Howard
Con: Chris Hemsworth, Daniel Bruhl, Olivia Wilde, Alexandra Maria Lara, Pierfrancesco Favino
Uscita in sala in Italia: giovedì 19 settembre 2013
Sceneggiatura: Peter Morgan
Produzione: Cross Creek Pictures & Exclusive Media
Distribuzione: 01 Distribution
Anno: 2013
Durata: 123’

InGenere Cinema

x

Check Also

IL GATTO CON GLI STIVALI 2 di Joel Crawford

Attendevamo da molti anni il secondo capitolo de Il gatto con gli ...