Home / Recensioni / Teatro / COME UN ANIMALE SENZA NOME e L’AMMORE NUN’È AMMORE di Lino Musella

COME UN ANIMALE SENZA NOME e L’AMMORE NUN’È AMMORE di Lino Musella

Che Lino Musella a teatro sia una garanzia ce lo aveva già dimostrato con Tavola Tavola, Chiodo Chiodo… [la recensione qui] a cui avevamo assistito al Teatro Vascello la scorsa stagione.

Sempre al Teatro Vascello, Musella torna in una settimana con due diverse messe in scena, entrambe [come era stato la scorsa volta con Eduardo de Filippo] nuovamente adattate dall’opera d’ingegno di due giganti artisti: Pier Paolo Pasolini e William Shakespeare.

Come un animale senza nome è un reading, un’”opera-concerto” [come definita nelle note di regia] su testi di Pier Paolo Pasolini. Musella si lascia accompagnare dal maestro Luca Canciello in una sperimentazione di suono e parola che perfettamente rispecchia il modernismo del pensiero di Pasolini, allora come oggi. Una scena spoglia e un Musella tutto “a levare”, di profilo rispetto al pubblico, a cui quasi mai volge lo sguardo – una scelta registica tesa a sottolineare l’abissale distanza che c’era [e forse ancora c’è] tra Pasolini e la gente, tra Pasolini e il mondo, eterno outsider eppure “pericoloso” profeta di un domani che oggi scontiamo tutto quanto, senza resti alcuni.

Le sorprendenti sonorità elettroniche sposano alla perfezione il verbo poetico e lodevole è il riuscito tentativo di mescolare suoni e parole, musicalità e pensiero; tentativo spinto anche a coraggiosi estremi – il rap, l’autotune

Lino Musella sa bene con chi si sta confrontando e riesce nell’impresa di accostarcisi con umiltà, prestando totalmente la sua voce all’opera, annientando il corpo e conferendo ai testi un’aria di  necessaria e rispettosa sacralità. Fino a liberarsi in un finale che è così doloroso, poiché fa sentire impotenti, inetti, inutili, stupidi, sbagliati. In maniera disarmante, semplicemente, così vero.

Come un animale senza nome è uno spettacolo che mette alla prova, che necessita di impegno e intelligenza da parte dello spettatore; esattamente come Pasolini richiedeva a gran voce che il pubblico facesse.

Con L’ammore nun’è ammore ci troviamo di fronte a tutt’altra operazione; sempre di poesie si tratta, ma stavolta abbiamo a che fare con alcuni sonetti di Shakespeare squisitamente tradotti in napoletano da Dario Jacobelli [artista partenopeo scomparso nel 2013].

Lino Musella torna nella sua comfort zone, recita nel suo dialetto fluidificandosi tra intenso dramma e brillante commedia. Usa il corpo, lo spazio [scenico ed extra-scenico] sfruttando le tre dimensioni, giocando sulle altezze e sulle profondità, allontanandosi e avvicinandosi da un pubblico che mai riesce a staccargli gli occhi da dosso. Musella lo sa e si delizia divertendosi in questo continuo scambio.

Anche qui, le parole si accompagnano alla musica del polistrumentista Marco Vidino, che dà forma e spessore alle emozioni utilizzando un ventaglio di strumenti che sanno modellare il testo, sempre egregiamente recitato senza incertezza alcuna da Lino Musella – che procede letteralmente bendato tra le maglie di una drammaturgia che gli calza a pennello.

La solennità dedicata a Pasolini qui giustamente cade, lasciando spazio al testo popolare nei temi e nei modi più confacenti al Bardo e a quella napoletanità così fieramente incarnata dall’attore.

Insomma, anche stavolta Lino Musella ci dimostra di essere un artista straordinario e un regista cosciente e delicato, che affronta ogni opera con profonda consapevolezza e rispetto, ma soprattutto con la rara capacità di innalzare il lavoro di altri autori, di farlo evolvere, di migliorarlo addirittura, per poi consegnarlo nelle mani e nelle coscienze dei suoi fortunati spettatori.

Irene Scialanca

COME UN ANIMALE SENZA NOME

Testi: Pier Paolo Pasolini

Con: Lino Musella

Musiche dal vivo: Luca Canciello

Drammaturgia: Igor Esposito

Produzione: La Fabbrica dell’Attore – Teatro Vascello – Cadmo

Durata: 60’

Quando: dal 28 al 30 novembre, Teatro Vascello

L’AMMORE NUN’È AMMORE

Testi: William Shakespeare

Traduzione: Dario Jacobelli

Con: Lino Musella

Musiche dal vivo: Marco Vidino

Produzione: Elledieffe, Cadmo associazione culturale

Durata: 60’

Quando: dall’1 al 3 dicembre, Teatro Vascello

InGenere Cinema

x

Check Also

Horror News [7-13 aprile 2024]

NIGHTBITCH: IL NUOVO HORROR CON AMY ADDAMS HA FINALMENTE UNA DATA DI ...