Home / Recensioni / InGenere Doc / IL MONDO DI MAD di Anna Di Francisca e Zoltan Horvat

IL MONDO DI MAD di Anna Di Francisca e Zoltan Horvat

Locandina Il mondo di MadMaddalena Sisto, morta purtroppo prematuramente, all’età di 49 anni, nel 2010, è stata una importante designer italiana, nonché illustratrice. La sua carriera ha inizio nel mondo del giornalismo, quando, ancora studentessa di architettura a Milano, rispose ad una inserzione apparsa su Vogue che, con delle brevi domande di premessa, cercava una persona che sapesse scrivere didascalie di moda. Maddalena Sisto studiò tutti i numeri del periodico dell’anno precedente, e poco dopo venne assunta.

É da questo momento che l’importante carriera di Maddalena ha una svolta, lei che ha collaborato con esclusive riviste di moda, oltre Vogue, come Elle o The New Yorker, e che ha descritto, facendo ricorso alla sua arte e alla sua stravagante fantasia, la storia e l’evoluzione della moda italiana nell’arco di trent’anni di vita.

Quando era giornalista Maddalena, per rendere meno noiose le lunghe sfilate di moda, descriveva i vestiti indossati dalle modelle attraverso degli schizzi, evitando quindi appunti disordinati. Il disegno ha fatto parte della sua vita fin da quando era bambina, quando riempiva il tavolo della cucina di colori e fogli.

Mad2É nel mondo di questa famosa designer che Di Francisca e Horvat, che cura le sequenze animate [La bruttina stagionata, 1996; Como Estrallas Fugaces, 2011], ci portano con il documentario dal titolo Il mondo di Mad, che sarà presentato questa sera, alla presenza della stessa regista, alle ore 22, al Nuovo Cinema Aquila, e in programmazione fino a mercoledì 9 Ottobre.

Prodotto dalla casa di produzione torinese Stelefilm International, e dalla svizzera Nadasdy Film, Il mondo di Mad è un documentario particolare, classico e moderno insieme, nel quale, ai ricordi di stilisti [Ottavio e Rosita Missoni, Elio Fiorucci], giornalisti e redattori [Franca Sozzani, Maria Luisa Agnese, Flavio Lucchini], direttori di esclusive fiere della moda [come Rietta Messina], modelle [come Benedetta Marzini] e designer [Alessandra Mendini], si associano i curiosi e sempre ironici disegni, schizzi e illustrazioni di Maddalena per case di moda quali Armani, Fiorucci, Ferré, Versace, Trussardi, che sono l’espressione più alta della sua personalità e della sua raffinatezza, sui quali erano impressi dei personaggi fantastici, simili a delle fatine.

É nello studio di Maddalena che ci accompagna suo marito, Riccardo Legnani, scomparso nel 2011, al quale Di Francisca e Horvat dedicano questo documentario. Ed è entrando nel suo studio, piccolo e vivace, che ci sembra di entrare in contatto con la sua arte, lei che, nell’angolo dello studio che fa da cucina, amava accumulare oggetti singolari.

Foto 1Le protagoniste dell’arte di Maddalena Sisto, sempre attenta a curare le sfumature e i colori, come mostrano i disegni esposti nel film,  erano esclusivamente le donne, mai gli uomini, che non appagavano la sua curiosità soprattutto perché non riusciva a trovare elementi creativi dall’osservazione del loro abbigliamento. Le donne di Maddalena sono filiformi, spigolose e dagli abiti svolazzanti, un po’ come lei, che, proprio per via della sua magrezza, del suo classico caschetto nero, del particolare taglio degli occhi e delle labbra lunghe, era a suo modo unica. Maddalena amava giocare con i corpi delle donne, che disegnava ricorrendo ad anomalie: busti stretti e fianchi larghissimi, colli lungi e teste grandi, divertendosi poi, come in un gioco di montaggio e smontaggio, a dividere come in un puzzle i corpi delle donne che ritraeva scambiando a suo piacimento la parte superiore o inferiore, compresa la testa, o addirittura arrivando a sostituire le teste con degli oggetti o piante. Maddalena non cambiava l’abito, ma la donna, convinta che il corpo cambiasse parallelamente alla mutazione della moda, la moda che seguiva con viva attenzione e protagonismo, descrivendone ogni fase. Molte le curiosità sul suo lavoro descritte nel documentario, che non vogliamo svelarvi.

Di Francisca e Horvat dirigono un buon documentario, ben montato e variegato, che merita attenzione.

Gilda Signoretti

IL MONDO DI MAD

3.5disc copy.

Regia: Anna Di Francisca, Zoltan Horvat

Con: Riccardo Legnani, Franca Sozzani, Maria Luisa Agnese, Flavio Lucchini, Ottavio e Rosita Missoni, Elio Fiorucci, Rietta Messina, Benedetta Marzini, Alessandra Mendini

Sceneggiatura: Anna Di Francisca

Produzione: Stelefilm International, Nadasdy Film

Distribuzione: Stelefilm International, Nadasdy Film

Anno: 2012

Durata: 52′

InGenere Cinema

x

Check Also

HAROLD RAMIS – MIO PADRE L’ACCHIAPPAFANTASMI di Violet Ramis Stiel

Amici di InGenereCinema.com, se anche voi amate quanto il sottoscritto il dottor ...