Home / Recensioni / Festival / Fantafestival 2011 / TIGRI DI CARTA di Dario Cioni

TIGRI DI CARTA di Dario Cioni

tigri1

Nella primavera del 2007, su www.playthelab.it, veniva annunciato un progetto molto originale, basato sulla realizzazione di laboratori creativi e iniziative di vario genere, nati col fine di lavorare sulla creazione di nuove forme di espressione, nonché di nuovi linguaggi cinematografici, miranti a fondere stili e tecniche diversi, in particolare usufruendo delle nuove potenzialità offerte dai telefoni cellulari, ormai capaci di una qualità fotografica e video di grandi livelli. Veniva inoltre segnalato un concorso molto interessante, sponsorizzato da Nokia, che permetteva agli utenti del sito di partecipare, per la prima volta, come autori o attori, alla realizzazione del progetto di un serial movie dal titolo Tigri di carta, e interagire con gli sceneggiatori e il regista.

La serie, diretta da Dario Cioni, e che si avvale del lavoro di squadra di tre sceneggiatori, ovvero Lorenzo Bartoli e Giacomo Bevilacqua e Danijel Zezeli, ricorre, sia per la fotografia che per il video, all’uso del Nokia N90, Nokia N95 e Nokia93, per poi ricorrere alla tecnica Chroma Key, che arricchisce la visione d’insieme attraverso l’uso di effetti speciali., aggiungendo successivamente la scenografia.

Una volta stabiliti i vincitori del concorso [furono scelti 7 soggetti e 14 attori], ecco che gli sceneggiatori si mettono al lavoro, rielaborando i soggetti, e, con Cioni e tutta la troupe, decidono di realizzare un serial-movie, dai chiari accenti noir, comprensiva di ben 14 puntate.  Purtroppo a lavoro finito, ecco insorgere problemi burocratici e produttivi di ogni sorta, che hanno impedito alla serie di passare in televisione [a ciò si aggiunga anche la chiusura del sito PlayTheLab], ma, nonostante questo,Tigri di carta farà il suo esordio sul web a breve. L’effetto da graphic-novel, ottenuto grazie alla tecnica del Croma Key, ricorda molto Sin city, preso forse troppo da esempio, anche per quanto riguarda l’ambientazione, o il costante uso del nero..

Ieri sera, 13 Giugno, in occasione della quinta serata della 31esima edizione del FantaFestival, tenuta al Cinema Aquila, è stato proiettato il pilot della serie, dalla durata di circa 32 minuti.

tigri2

Ugo Merope [Rocco Papaleo] è un uomo sulla cinquantina, disoccupato. Il suo animo da sognatore incallito, aiutato da una fantasia esplosiva, fa in modo che egli venga notato da una delle assistenti del dottor Enea [Alessandro Haber], un agente speciale a capo di una organizzazione investigativa, denominata il Gruppo Tigri. Superato il colloquio con Enea, grazie alla sua verve, e al suo spirito di utopista e alla sua creatività, armi primarie per i facenti parte del gruppo, Ugo verrà assunto come suo braccio destro, e così, dopo aver preso dimestichezza con le armi, capaci di immobilizzare in men che non si dica, un uomo, eccolo al suo primo giorno di lavoro. La loro missione è impegnativa e pericolosa: dovranno infatti andare alla ricerca delle creature magiche, come fatine, spettri e vampiri, con il concorso delle quali riconsegnare all’umanità la fantasia e l’immaginazione, appannata dal grigiore di una vita stressante e troppo greve. Il loro compito è capire che fine fanno le creature magiche: esseri fantastici realmente esistenti, a dispetto dei luoghi comuni. Medium, fatine e vampiri, capaci di aprire una crepa nel grigiore di una società che mortifica i sognatori. Da qualche tempo le creature magiche spariscono nel nulla. Certamente, la fusione tra cinema e fumetto è una trovata divertente, oltre che poco praticata, soprattutto nel nostro paese. La sceneggiatura, poi, per quel poco che ci è permesso di capire, è variopinta e spiritosa.

tigri3

Al noir si aggiunge un chiaro contesto fantasy, condito da un costante richiamo alla commedia, di cui Papaleo, in questo caso, è certamente il degno rappresentante. È lui, infatti, a strappare sorrisi e risate, già solo con l’espressione imbambolata, ma sempre all’erta, che gli è consona. È lui ad aprire, con una scena esilarante, che lo vede seduto su una panchina accanto ad un matto, armato di giornale, con il quale discorre sulla pazzia e sulla mediocrità di certi uomini.  A lui, agente speciale in azione alle prime armi, si aggiunge Alessandro Haber, che, per fare da contrappeso al suo nuovo collega Ugo, è più serioso, ma sempre ilare. Ai due coprotagonisti in azione ecco affiancarsi una schiera di attori di tutto rispetto, da Iaia Forte a Stefano Dionisi, da Remo Remotti a Rodolfo Laganà, da Valentina Cervi ad Adriano Giannini, da un bizzarro Simone Cristicchi a Ugo De Cesare, e così via. Ad arricchire il tutto, vari camei, ad esempio quello con Andy Garcia, il primo di una lunga serie.

Non ci resta che attendere nuove, e sperare di avere, quanto prima, una visione d’insieme della serie.

Gilda Signoretti

 

Regia: Dario Cioni

Attori: Alessandro Haber, Rocco Papaleo

Sceneggiatori: Lorenzo Bartoli, Giacomo Bevilacqua, Danijel Zezeli

Anno: 2007

Trailer del plot:

InGenere Cinema

x

Check Also

JOHN DOE vol. 5 di Lorenzo Bartoli e Roberto Recchioni

“Non c’è più tempo John Doe. Sei più solo che mai.” Già… ...