Home / Recensioni / Home Video / ZOMBI COLLECTION di CG Entertainment

ZOMBI COLLECTION di CG Entertainment

zombi-collectiond-dvd1Ormai cinque anni fa, quasi agli esordi della collana CineKult, i più famosi zombi del cinema italiano avevano invaso gli store e le nostre collezioni DVD con delle curate edizioni home video degli zombie movie di Lucio FulciMarino GirolamiClaudio Lattanzi Claudio Fragasso.

Fra le sue prime uscite autunnali, CG Entertainment ripropone proprio quei cinque film in un unico cofanetto in formato amaray: la Zombi Collection, cinque dischi, contenenti film ed extra di cui vi avevamo già parlato nelle relative recensioni.

Parliamo di Zombi HolocaustZombi 2Zombi 3After DeathKilling Birds, un interessante viaggio nel nostro davvero variegato cinema dei moti viventi, raccolto in un cofanetto che, in cover, riprende il disegno di locandina del primo zombie movie di Fulci, e ripropone in terza e in quarta di copertina, dietro la plastica trasparente del cofanetto, alcune curiosità sui singoli film, mentre propone le sinossi sul retro.

Zombie Holocaust

zombi holocaust fascetta:Layout 1La storia di Zombi Holocaust prende forma all’interno di un ospedale americano, dove un non meglio identificato individuo inizia a violare i cadaveri ospitati nell’obitorio, asportandone parti anatomiche.

A breve giro si arriva all’identità del colpevole: un infermiere di origini caraibiche, che tagliuzzava pezzi di cadaveri per cibarsene, onorando la sua stirpe cannibale.  Trovato con le mani nel sacco […], l’infermiere sceglie di togliersi la vita lanciandosi dalla finestra, non prima, però, di lasciarsi sfuggire un nome, “Kido” [una persona, un luogo o una divinità a cui l’uomo dedicava i suo atti antropofagi?].

Nulla avviene per caso, nel nostro cinema di Genere, difatti all’interno dello staff medico, una giovane dottoressa [Alexandra Delli Colli], riscopre il suo passato amore per gli studi etno-antropologici, e si unisce alla spedizione improvvisata, diretta proprio verso una misteriosa isola chiamata Kido, con lo scopo di trovare un nesso tra le losche vicende ospedaliere e le tribù locali.

Per continuare a leggere la nostra recensione clicca qui.

Zombi 2

zombi2Nato per cavalcare l’onda del successo cinematografico dei morti viventi di George Romero, passato fra le mani di Elisa Briganti e Dardano Sacchetti [uno dei migliori e più prolifici sceneggiatori del cinema italiano] che avevano il compito [pienamente centrato] di innestare uno zombie movie all’interno dei canoni di un film d’avventura, il film è poi arrivato fra le mani del regista Fulci, che ne confezionò un’opera che ancora oggi tutti ricordano, in patria e all’estero.

Zombi 2 è il più riuscito degli zombie movie italiani, e già questo gli attribuisce un aspetto reverenziale, accresciuto dal fatto di riuscire a contenere al suo interno almeno quattro scene da antologia: lo scontro subacqueo tra uno squalo e un morto vivente, lo straziante accecamento di Olga Karlatos, il macabro banchetto degli zombi [sempre a spese della povera Karlatos] e la lenta avanzata dei morti viventi sul ponte di Brooklyn.

Nell’edizione CineKult, il film era stato pubblicato in un prezioso cofanetto a due dischi.

Per continuare a leggere la nostra recensione clicca qui.

Zombi 3

zombi-collectiond-dvd3Un gruppo di scienziati conduce strani esperimenti su cavie umane. Le conseguenze dei test sembrano disastrose già nel prologo, ma non riescono a bloccare le ricerche degli studiosi che arrivano alla creazione di un virus mortale chiamato “Death One”. Una valigia, contenente le fiale dove veniva conservato il virus, cade nelle mani sbagliate. Un gruppo di malviventi attaccano la base militare che faceva da location alle sperimentazioni.

Sfortunatamente, il ladro fuggito con la valigia, si ferisce con le fiale, infettandosi. Barricatosi in una camera d’albergo, il ladro subisce impotente le metamorfosi inflittegli dal progredire dell’infezione. In breve tempo tutto il suo corpo si incancrenisce, mentre “Death One” conduce il suo ospite ad un’atroce morte e alla successiva resurrezione in forma di cadavere vivente. I militari, si sa, non sono famosi per le buone maniere…una volta “recuperato” il cadavere dell’infetto, e minacciato la distruzione dell’albergo [in cui già un cameriere era stato infettato], decidono di cremare il fuggiasco, per cancellarne per sempre traccia dalla faccia della terra.

Niente di più sbagliato: il fumo e le ceneri si propagano per la città causando l’infezione e la contaminazione di stormi di uccelli che una volta morti e resuscitati diventano degli alati predatori di carne umana, oltre ad essere  il principio di diffusione più massiccio del virus. Il solito gruppo variegato di giovani [in questo caso delle giovinette neanche troppo allegrotte e tre militari] dovranno fronteggiare l’avanzare dei cadaveri antropofagi, lottando come al solito per la loro stessa vita.

Per continuare a leggere la nostra recensione clicca qui.

After Death

zombi-collectiond-dvd4Su una misteriosa isola dei mari del sud, un gruppo di scienziati compie dei fantascientifici esperimenti sugli indigeni alla ricerca del siero della vita eterna. Uno stregone voodoo affida la figlia malata alle cure degli scienziati, ma la malattia è già in fase terminale, e la piccola muore.

Lo stregone, ritenendo gli studiosi colpevoli del decesso, scatena contro di loro un’orda assassina di morti viventi. Nessuno sfugge alla furia cieca degli zombi, fatta eccezione per la piccola Jenny, figlia di due scienziati. Poco prima di essere assalita dai cadaveri viventi, la madre dona a Jenny un amuleto che l’avrebbe protetta dagli esseri infernali, poi le ordina di correre lontano da lì. Nessuno avrebbe puntato un soldo su quella bambina bionda, anche perché a circa sei anni sfuggire da un’isola sperduta popolata da cadaveri antropofagi non è facile, ma Jenny ce la fa. Dopo un balzo temporale, la ritroviamo ormai donna su di un motoscafo in compagnia di un’amica, Louise, e di quattro reduci della guerra del Vietnam [!?!].

La stranezza non sta nel fatto che le due ragazze se ne vadano in giro con quattro ex-militari su un motoscafo, ma nell’eccezionale coincidenza che vede il motore dell’imbarcazione iniziare a fare le bizze proprio nei pressi dell’isola maledetta, costringendo il gruppo ad una sosta forzata. Nel mentre un gruppo di ricercatori sta perlustrando l’isola alla ricerca della “Terza Porta dell’Inferno”, luogo da cui, secondo la leggenda, avrebbe avuto inizio la maledizione che ha decimato il gruppo di scienziati, anni prima.

Per continuare a leggere la nostra recensione clicca qui.

Killing Birds

killing birds fascetta:Layout 1Un gruppo di giovani ricercatori universitari parte per una spedizione col fine di raccogliere prove video e fotografiche riguardo l’esistenza allo stato brado di una specie ornitologica dichiarata estinta: il picchio dal becco d’avorio.

Arrivati sul posto, i giovani studiosi si troveranno invischiati dentro a un’oscura storia di sangue, che affonda le sue radici in un passato non troppo lontano, quando, all’interno della stessa abitazione che ora ospita i ricercatori, il dottor Brown [Robert Vaughn], di ritorno dalla guerra del Vietnam, si macchiò le mani col sangue della moglie fedifraga, del suo giovane amante, e con quello di due vicini di casa, casuali testimoni oculari degli omicidi, prima di perdere la vista a causa dell’attacco di alcuni degli uccelli rapaci che lo stesso Brown allevava nella veranda della sua villa, e nel bosco limitrofo.

Uccelli rapaci che danno il titolo al film di Claudio Lattanzi: Killing Birds [1988], entrato a far parte [forse fuori luogo] della saga italiana dedicata ai morti viventi, col titolo apocrifo di Zombi 5.

Per continuare a leggere la nostra recensione clicca qui.

Luca Ruocco

InGenere Cinema

x

Check Also

ENCANTO di Jared Bush, Byron Howard e Charise Castro Smith

I Walt Disney Animation Studios festeggiano il traguardo del 60esimo lungometraggio animato ...