Home / Recensioni / In sala / WARCRAFT – L’INIZIO di Duncan Jones

WARCRAFT – L’INIZIO di Duncan Jones

warcraft1Orchi vs uomini. Su questo epico scontro si è basata la prima edizione di Warcraft, videogame prodotto da Blizzard Entertainment nel lontano 1993. E’ passato molto tempo da allora e il franchise fantasy della società californiana è cresciuto a dismisura diventando fenomeno di massa, nonché prodotto crossmediale, capace di reincarnarsi in fumetto, libro, gioco da tavolo, carte da collezione e webgame. Da anni si aspettava il passaggio al grande schermo e dopo una serie di false partenze – la più nota è quella che voleva Sam Raimi in cabina di regia – la Blizzard è riuscita nell’impresa.

Con Warcraft – L’inizio, si recuperano orchi e uomini per proporre al pubblico della sala la base narrativa che ha reso questo brand così amato in tutto il mondo. Il risultato? Un’opera derivata, meno epica di quanto avrebbe potuto essere, ma di grande impatto visivo.

Il pacifico regno di Azeroth è sul piede di guerra e la sua civiltà è costretta ad affrontare una terribile stirpe di invasori: i guerrieri Orchi in fuga dalla loro terra agonizzante e pronti a colonizzarne un’altra. Quando il portale che collega i due mondi si apre, un esercito va incontro alla distruzione, mentre l’altro rischia l’estinzione. Da fronti opposti, due eroi affronteranno un conflitto che deciderà il destino delle loro famiglie, dei loro popoli e della loro terra. Così ha inizio una spettacolare saga di potere e sacrificio, durante la quale la guerra avrà molte facce, ed ognuno combatterà per la propria causa.

warcraft2Dietro la macchina da presa c’è Duncan Jones – noto per la sua bellissima opera prima, Moon, e per essere figlio del compianto David Bowie – capace di una padronanza tecnica invidiabile ma, ahinoi, di una scarsa sensibilità per esaltare la mitologia fantastica. Il regista inglese ha l’ingrato compito di doversi confrontare con una saga molto seguita e dal fandom molto attivo, che nel film si aspetta di trovare l’anima del videogioco tanto amato. Ma questa non è l’unica pressione che Jones ha dovuto sopportare: infatti, i predecessori cinematografici di Warcraft farebbero impallidire chiunque. Se Il Signore degli Anelli appare il riferimento più immediato e scontato, è la serie HBO Il Trono di Spade a rappresentare la nuova frontiera del fantasy e con la quale fare i conti se si affronta questo Genere.

warcraft3Detto questo, a parere di chi scrive, ogni paragone sarebbe molto azzardato: se la trilogia di Peter Jackson trova il suo punto di partenza nell’opera straordinaria e unica di J.R.R. Tolkien, anche la serie americana giunta alla sesta stagione possiede una base letteraria: i romanzi di George R.R. Martin, A Song of Ice and Fire. Dunque, lo spessore narrativo è decisamente differente rispetto alle base videoludica su cui Warcraft può contare. Ed è proprio un limite di contenuto a rappresentare il punto debole di questa operazione cinematografica. Nonostante gli elementi ci siano tutti per realizzare un’avventura epica e fantastica, la profondità dei suoi personaggi – siano essi orchi o uomini, guerrieri o stregoni – risulta debole e al limite della superficialità.

warcraft4Jones concepisce un mondo estetico molto accattivante e puramente fantasy, ma sfortunatamente è l’impatto emotivo a mancare il bersaglio, senza raggiunge il cuore di chi osserva. Gli eventi appaiono adatti più che efficaci, corretti più che necessari e inevitabili. Non c’è gravitas a sostegno del testo di Warcraft – L’inizio e dei suoi personaggi, che dopo una partenza davvero forte, nella quale il regista opera scelte originali e di personalità, il film si mostra povero di contenuto epico, particolare essenziale per questo Genere.

Che questo linguaggio, fatto di immagini accattivanti e di storie esili, sia il modo giusto per garantire il legame con il pubblico dei videogames, non possiamo ancora dirlo. Di certo, la visione di questa pellicola ai vecchi cinefili, amanti di nani e giganti, di eserciti e creature fantastiche, di battaglie epiche che dilaniano l’anima dell’eroe prima ancora del suo corpo, lascerà una certa amarezza.

Occasione mancata.

Paolo Gaudio

WARCRAFT – L’INIZIO

2.5 Teschi

Regia: Duncan Jones

Con: Ben Foster, Toby Kebbell, Dominic Cooper, Travis Fimmel, Paula Patton, Clancy Brown, Ryan Robbins, Robert Kazinsky,Daniel Wu, Ben Schnetzer, Ruth Negga,Callum Keith Rennie, Anna Galvin, Burkely Duffield, Dean Redman

Uscita sala in Italia: mercoledì 1 giugno 2016

Sceneggiatura: Duncan Jones, Charles Leavitt

Produzione: Atlas Entertainment, Legendary Pictures, Blizzard Entertainment

Distribuzione: Universal Pictures

Anno: 2016

Durata: 123’

InGenere Cinema

x

Check Also

La Loggia Occulta – Democrazia a rischio: dagli accordi di Yalta ai nuovi conflitti bellici

Prodotto da App Moviee Virgo Group, è disponibile sulle migliori piattaforme La Loggia occulta – ...