Home / Recensioni / Memorie dall'Invisibile / Stefano Calvagna al lavoro su un film su FRANCO CALIFANO

Stefano Calvagna al lavoro su un film su FRANCO CALIFANO

francocalifano1Stefano Calvagna [Multiplex] è al lavoro su Califano… L’ultimo concerto, un film dedicato agli ultimi anni di vita di Franco Califano.

La sceneggiatura è stata scritta con la collaborazione degli amici più intimi che Califano abbia avuto negli ultimi anni, fra i quali figura lo stesso Stefano Calvagna [che è anche stato voluto dal cantante alla regia del suo primo concerto ripreso e pubblicato in DVD “Franco Califano Anniversario“, in occasione dei suoi 70 anni]. Questo permetterà, oltre ad utilizzare gli abiti e gli accessori realmente indossati da Califano, di portare in scena una storia fedele alla realtà dei fatti, in alcuni punti del tutto inedita al grande pubblico.

Il lungometraggio sarà prodotto dalla Poker Entertainment in co-produzione con Tom Del Monaco e verrà distribuito nel 2014 dalla Poker Entertainment.

Nel cast figureranno Gianfranco Butinar nel ruolo di Franco Califano, attore scelto perché ha frequentato e conosce bene il carattere e la gestualità del cantante, in modo da non riportarne una semplice imitazione bensì un ricreare il suo reale modo di fare e di porsi, e Maurizio Mattioli.

[comunicato stampa] 
francocalifano2MOTIVAZIONI
Quello che intendo raccontare con questo film è quella che chiamo la “terza vita” del Maestro Califano. Se consideriamo la prima vita come quella in cui egli conobbe il successo, e la seconda quella in cui lo vide lentamente sgretolarsi, la terza vita è quella in cui lui provò con tutto se stesso a tornare in gioco, sfidando tutto e tutti.

La cosa particolare, per cui valga la pena di realizzare un film per raccontarla, è che proprio in questo periodo il Maestro venne colto dalla malattia che gli impedì di tornare a vivere. È incredibile come egli abbia vissuto questa sua situazione fisica, basti pensare che tutte le volte che gli chiedevano come stesse, lui rispondeva: “Bene, solo un po’ di raffreddore…”.

È stato un uomo che per tante persone ha rappresentato un esempio da seguire nella vita: la ricerca delle cose semplici e la lontananza dai mondi borghesi; la sua costante voglia di stare vicino ai giovani, con i quali si sentiva a suo agio; quella particolare eccentricità che era il suo marchio di fabbrica… Sono tutti elementi che verranno messi in evidenza in questo film, ma ci sarà ovviamente anche spazio per raccontare come il Maestro sia stato spesso etichettato dalla stampa e dall’opinione pubblica dei tempi recenti in modo falso e ipocrita: conseguenza dell’ignoranza su molti aspetti che interessarono la vita personale e professionale del Califfo.
Considero tutto questo come una mia personale dedica a Franco, di cui oltre che fan di vecchia data, sono stato un personale amico. Ho conosciuto che tipo di uomo fosse e che cosa volesse dire per lui “raccontare”: io racconterò la sua persona nella stessa semplicità e nella sincerità in cui lui amava vivere.
STEFANO CALVAGNA

CALIFANO… L’ULTIMO CONCERTO
SINOSSI
La storia parla della “terza vita” di Franco Califano: dal suo declino, alla rinascita fino alla morte. Esperienze di vita, momenti tragici e di sofferenza superati sempre con leggerezza e caparbietà dal cantautore.
Il Maestro cammina per la spiaggia di Ostia. Si allontana dai suoi amici più cari per andare a morire lontano, in solitudine. Nel suo viaggio di allontanamento ripercorre i momenti più duri e belli della sua vita. Rivive attimi di divertimento affiancati ad istanti di solitudine ed amarezza. Scopriamo il rapporto con se stesso, con gli amici, con lo spettacolo ed il suo mondo, con i giornalisti.

Rammenta il suo rapporto con i giovani e quella spinta ricevuta da essi per tornare a scrivere, e riemergere dall’abisso in cui si era confinato. È durante questa riflessione che il Maestro mostra i lati meno conosciuti del suo
animo, attraverso frasi, pensieri ed esperienze. Un lungo e particolare viaggio che ci fa conoscere un Franco Califano inedito, del quale solo i pochi intimi che lo frequentavano ne conoscevano le sfumature; un viaggio per dimostrare che le persone sbagliano, prendono decisioni che possono trasformarsi in boomerang, che bisogna sempre trovare uno spiraglio di allegria anche dalle vicende più dure per trovare poi la forza di risalire, che a volte non conformarsi alla regola può essere deleterio per la società che ci circonda ma è la scelta migliore per rimanere se stessi.

InGenere Cinema

x

Check Also

5 BIGLIETTI PER UN DRIVE-IN di Mattia De Pascali

Mattia De Pascali, amico dell’horror, regista e sceneggiatore, è già stato gradito ...