Home / Recensioni / InGenere Doc / BERT STERN – L’UOMO CHE FOTOGRAFÒ MARILYN di Shanna Laumeister

BERT STERN – L’UOMO CHE FOTOGRAFÒ MARILYN di Shanna Laumeister

Bert Stern locandinaEsce martedì 10 dicembre il documentario su Bert Stern, uno dei fotografi più famosi al mondo, e girato dalla  produttrice Shanna Laumeister.

Il documentario, uscito nel 2011, arriva in Italia a distanza di due anni, e per l’occasione anche il Nuovo Cinema Aquila [http://www.cinemaaquila.com/evento/bert-stern-luomo-che-fotografo-marilyn/] lo ha inserito nella propria programmazione, a partire proprio da martedì 10, quando verrà presentato in sala da Massimo Vattani.

Ma chi è esattamente Bert Stern? È su questa domanda che la sua compagna, Shanna Laumeister, concentra il suo film, tracciando con Bert Stern – L’uomo che fotografò Marilyn [titolo originale Bert Stern – Original Madman] la storia professionale e la vita privata di un uomo difficile, molto esigente e talmente appassionato del suo lavoro da confonderlo con la sua vita privata, mettendolo sempre al primo posto, anche sopra gli affetti.

Sì, perché Bert Stein non ha mai scisso la vita privata dal lavoro di fotografo, che lo rese celebre già tra la fine degli anni ’50 e i primi anni ’60, e forse è questo uno dei motivi che lo ha portato ad una infelicità che vive ancora oggi, come dichiara egli stesso, rimanendo prigioniero della fotografia e vittima della sua stessa fama.

Bert Stein foto 3Dal documentario esce un ritratto di Bert Stern insolito, un uomo che ha amato l’arte da diventarne in un certo senso martire, schiavo delle donne e ammalato di sesso, che ha, tra i suoi rimpianti più sofferti, il non essere riuscito a conquistare Marilyn Monroe durante un servizio fotografico.. Fu lei la star che lo rese ancor più rinomato, e le cui foto furono pubblicate su Vogue nel 1962, rivista sulla quale stranamente l’attrice americana non era ancora comparsa. Ed ecco che il furbo Stern, che con le star ci sapeva fare, persuase Marilyn a spogliarsi per creare delle foto “vedo-non vedo”, nelle quali il corpo della star hollywoodiana era vestito da gioielli e foulard. Si trattava degli ultimi due servizi fotografici dell’attrice, che furono pubblicati proprio il giorno dopo la sua morte, avvenuta il 5 agosto 1962.

 A Marilyn, Stern ha voluto fare un tributo pubblicando le foto degli ultimi due servizi fotografici che la ritraevano nel volume Marilyn – L’ultima seduta, edito da Frassinelli, 2012.

Bert Stern non è stato solo un insaziabile donnaiolo in cerca del successo e di tanti soldi, ma anche un uomo irrequieto e folle ma profondamente fragile, motivo per il quale era sempre alla ricerca di tante donne e amori illusori. L’unica vera e importante relazione della sua vita è stata quella con la danzatrice Allegra Kent, con la quale mise su famiglia.

Bert Stern foto 2Con Allegra si venne a creare un rapporto che lo stesso Stern definisce folle, morboso, ma nello stesso tempo elettrizzante e pieno di vibrazioni. Era così conquistato da questa donna, che conobbe a teatro e che fotografò diverse volte, che quando la relazione si interruppe, si ammalò a tal punto da dare di matto e aumentare l’uso di stupefacenti. Le sue foto erano intrise di erotismo, quell’erotismo che Stern stesso considerava l’essenza stessa della fotografia, lui che per scattare foto sensuali si sedeva praticamente sul ventre delle modelle o attrici che fotografava per catturarne proprio la sensualità.

Stern, morto lo scorso giugno all’età di 83 anni, vanta servizi fotografici di tutto rispetto; famosi quelli che ritraggono Julie Andrews e la “Lolita” Sue Lyon [alla quale fece un servizio fotografico in occasione dell’uscita del film di Stanley Kubrick, Lolita, 1962, e proprio sua è la foto della locandina del film], Marcello Mastroianni, Sophia Loren, Twiggy Lawson, Brigitte Bardot e tanti altri.

LC0073_42Shanna Laumeister realizza un interessante documentario [peraltro ben montato da Danny Bresnik e Piri Miller] che ha il difetto però di essere cerimonioso, nel quale, dato il continuo rimando alla turbolenta vita di Stern, sembra quasi di assistere ad una seduta psichiatrica che permette allo stesso fotografo di sfogarsi sul suo”malsano”  passato di uomo sfrenato e pieno di vizi, ed è proprio il continuo riferimento alla sua vita da latin lover a prendere il sopravvento sul racconto della sua carriera di fotografo.

Bert Stern – L’uomo che fotografò Marilyn è prodotto da Magic Film Production, e distribuito da Officine UBU e dall’ormai affermata I Wonder Pictures.

Gilda Signoretti

BERT STERN – L’UOMO CHE FOTOGRAFÒ MARILYN

3 Teschi

Regia: Shanna Laumeister

Con: Bert Stern, Shanna Laumeister, Dorothy Tristan, Allegra Kent, David Montgomery, Peter Deal, Judith Crist, Barbara Slate

Uscita in sala in Italia: martedì 10 dicembre 2013

Sceneggiatura: Shanna Laumeister

Produzione: Magic Film Production

Distribuzione: Officine UBU, I Wonder Pictures

Anno: 2011

Durata: 88′

 

InGenere Cinema

x

Check Also

ENCANTO di Jared Bush, Byron Howard e Charise Castro Smith

I Walt Disney Animation Studios festeggiano il traguardo del 60esimo lungometraggio animato ...