Home / Recensioni / Animazione / MONSTERS UNIVERSITY di Dan Scanlon

MONSTERS UNIVERSITY di Dan Scanlon

MUNIV_016O_G_ITA-IT_70x100.inddPrequel del fortunato Monster & Co. [Peter Docter, Lee Unkrich, David Silverman, 2001], Monster University, ad oggi ultimo capitolo produttivo dell’ormai rodato binomio dell’industria del cinema d’animazione Diseny-Pixar, ritorna alle origini delle storie dei mostriciattoli Mike Wazowski e James P. Sullivan, per raccontare l’infanzia e la giovinezza della piccola creatura verde monoculare, e il suo poco fortuito incontro con il grosso e peloso mostro blu a pois.

Folgorato durante una gita scolastica dentro allo stabilimento atto a testare le porte dimensionali per mettere in comunicazione il mondo dei mostri con quello umano, il piccolo Wazowski decide che, per essere felice, dovrà diventare, da grande, uno spaventatore.

E da quel momento imposta la sua vita in modo da perseguire quotidianamente il suo scopo, finché, diciottenne, non arriva finalmente ad iscriversi alla Monster University, per frequentare il famigerato Corso per spaventatori.

Ma, tra feste di studenti e ingresso nelle confraternite tipiche dei campus statunitensi, Mike sa che per superare l’esame di idoneità imposto dalla ributtante rettrice Tritamarmo, dovrà far suo tutto lo scibile contenuto nei libri di testo: imparare a memoria ogni genere di fobia, e saper rispondere ad ogni paura con il giusto feedback mostruoso.

MONSTERS UNIVERSITYQuello che non sa è che per diventare un vero spaventatore è richiesta una qualità innata: essere spaventoso, un qualcosa che nessun libro e nessun professore potranno insegnargli e che, di certo, non è una qualità che si addice ad un mostriciattolo tondo e tranquillo come lui, ma che, invece, pare essere il punto forte di un bullo che frequenta lo stesso corso. Chi? James P. Sullivan, ovviamente!

Dall’incontro-scontro tra i due avrà origine la scintilla d’accensione che darà il via ad una serie di disastri e che porterà la strana coppia a trovarsi costretta a dover far squadra con la confraternita più sgangherata del campus all’interno della gara di spavento organizzata dall’Università, come unica opzione all’espulsione dal campus.

monsteruniversity4Un momento felice, cinematograficamente parlando, per i giovanissimi appassionati di mostri, freaks e amenità della natura che, in una sola annata, sono riusciti a cibare le proprie fresche menti di futuri appassionati di monster movie con ben cinque titoli d’animazione dedicate alle note più nere della narrativa filmica. Qui sui InGenere abbiamo dedicato già dedicato spazio a ParaNorman, Hotel Transylvania, Un mostro a Parigi, Frankenweenie, e siam pronti a chiudere il cerchio proprio con il film di Dan Scanlon che, pur non dimostrando lo stesso cuore e lo stesso guizzo creativo del primo capitolo della saga, rimane un ottimo esempio di come un progetto filmico dedicato maggiormente al pubblico più giovane possa regalare più di un’intuizione drammaturgica davvero riuscita e una tecnica visiva e registica ottimale.

monsteruniversity3Innanzitutto molto funzionale risulta, nell’economia del prequel, il fatto di voler spostare il focus della storia indietro di parecchi anni, in modo da distaccarsi il più possibile dalla storia narrata nell’episodio del 2001, per calare i due personaggi protagonisti in una realtà diversa che potesse regalare situazioni nuove e sorprendenti.

Non da meno, poi, pensate come il “simulatore” di spaventi: dei bambini meccanici sdraiati nei propri letti atti a misurare il livello di paura scatenata dagli aspiranti spaventatori.

E concludiamo lodando la creatività profusa nella creazione dei nuovi mostri animati: dagli emarginati della confraternita Ohimè Kappa: un ragazzino mammone e troppo paffuto con occhi in abbondanza; uno studente davvero fuori corso molto in sovrappeso, con tentacoli appiccicosi e un paio di baffi che sono, in realtà, ali di pipistrello; un essere solo gambe e faccia che uscito da un film dei Muppets; e un giovane mostro bifronte; ma che si rivolge anche alla creazione di co-protagonisti e comprimari, e a un’infinità di mostriciattoli e creature per i soli ruoli di comparsa.

Luca Ruocco

MONSTER UNIVERSITY

3 Teschi

Regia: Dan Scanlon

Con: Billy Crystak, John Goodman, Steve Buscemi, Frank Oz

Uscita in sala in Italia: mercoledì 21 agosto 2013

Sceneggiatura: Dan Scanlon, Robert L. Baird

Produzione: Pixar Animation Studio

Distribuzione: Disney

Anno: 2013

Durata: 104’

InGenere Cinema

x

Check Also

ELVIS di Baz Luhrmann

Dopo l’uscita a giugno 2022, tanto pubblicizzata ma poco vittoriosa in termini ...