Home / Recensioni / In sala / IL PRINCIPE ABUSIVO di Alessandro Siani

IL PRINCIPE ABUSIVO di Alessandro Siani

principeabusivo1Attore napoletano, nome di punta nel suo Genere, Alessandro Siani, dopo aver contribuito al successo di un paio di cinepanettoni [Natale a New York e Natale in crociera] e del dittico Benvenuti al sud/Benvenuti al nord, fa il grande passo ed esordisce dietro la macchina da presa, realizzando la sua opera prima. Il principe abusivo sulla carta è una commedia dai facili toni per palati non troppo complicati, che strizza l’occhio alla risata italiana ed alla favoletta in stile cinema americano.

Tutto ha inizio nel suntuoso castello della principessa Letizia [Sarah Felberbaum], una nobile di un noto principato che, però, soffre di scarsa popolarità, ritenendosi, così, indegna dei suoi antenati, nonostante suo padre il Re [Marco Messeri] la conforti spesso.

L’idea per far cessare tale delusione viene di conseguenza al ciambellano Anastasio [Christian De Sica], che ritiene opportuno creare una falsa storia d’amore tra Letizia ed un uomo che fa parte del mondo dei poveri, cosicché i media si interessino alla particolare situazione.

La scelta cade sul napoletano Antonio [Alessandro Siani], un personaggio un po’ scroccone che vive alla giornata accanto alla cugina Jessica [Serena Autieri], nel quartiere meno signorile di Napoli.

principeabusivo2Una volta arrivato a corte però, il nostro, saprà solo combinare guai e creare situazioni imbarazzanti, nonostante Anastasio ce la metta tutta per farlo diventare un vero nobile. Ma mai dire mai.

Siani è un attore napoletano che ha il suo seguito soprattutto nel cabaret, il cinema gli ha regalato quei momenti di successo citati prima ed anche un paio di film con lui per protagonista [Ti lascio perché ti amo troppoe La seconda volta non si scorda mai], che però non brillano per la completa riuscita.

Ed è proprio per quest’accoppiata di malriusciti prodotti da primo attore che Il principe abusivo avrebbe potuto far temere il peggio; invece Siani regista, nonostante questa premessa, non è così male…

Prende un avvio solito, da commedia italiana, con i vezzi del mondo napoletano di Antonio messi alla berlina e poi confrontati con la nobiltà principesca di Letizia, poi nella seconda parte diventa un prodotto dal respiro internazionale e punta molto sulla commedia romantica [oltre alla storia tra i due protagonisti c’è anche quella tra Jessica e Anastasio], riportando Il principe abusivo sulla linea sentimentale per cui è stato concepito.

MERANO (BZ), SET DEL FILM "IL PRINCIPE ABUSIVO" DI ALESSANDRO SIANI.NELLA FOTO ALESSANDRO SIANI E SARA FELBERBAUM.FOTO DI GIANNI FIORITOSiani attore, se ben si accetta la sua comicità [a volte è fin troppo caotica], può risultare simpatico ed in parte, mentre per il resto c’è tanta ironia tra il demenziale [da citare il traduttore di napoletano Ruotolo] e il sofisticato [la scena citazione a Cyrano de Bergerac] che a tratti funziona e a tratti no, ma non infastidisce mai.

Citazione d’obbligo la partecipazione di un De Sica in parte, memore del padre ne Il conte Max[quello con Alberto Sordi protagonista], che trattenuto e per nulla volgare si rende partecipe della riuscita de Il principe abusivo.

Mirko Lomuscio

IL PRINCIPE ABUSIVO

2.5 Teschi

Regia: Alessandro Siani
Con: Alessandro Siani, Christian De Sica, Sarah Felberbaum, Serena Autieri, Marco Messeri
Uscita in sala in Italia: giovedì 14 febbraio 2013
Sceneggiatura: Alessandro Siani, Fabio Bonifacci
Produzione: Cattleya, Rai Cinema
Distribuzione:
01 Distribution

InGenere Cinema

x

Check Also

GLI SPECIALI: Il trailer del film con i suoi supereroi italiani nell’era della pandemia

Rilasciato in anteprima il trailer ufficiale del film sui supereroi italiani Gli ...