Home / Recensioni / Delicatessen / ACCADDE AL COMMISSARIATO di Giorgio Simonelli

ACCADDE AL COMMISSARIATO di Giorgio Simonelli

Accadde_al_commissariato_1Giorgio Simonelli [1901 – 1966] è un regista specializzato in pellicole comiche e parodie, attivo sin dagli anni Trenta, spesso impegnato a dirigere Totò, Eduardo e Peppino De Filippo, Walter Chiari, Ugo Tognazzi, Macario e negli anni Sessanta la coppia comica Franco Franchie Ciccio Ingrassia. Simonelli è uno dei registi più prolifici e meno considerati del cinema italiano. Tra i suoi film più divertenti citiamo: Due cuori tra le belve [1943], Non mi muovo! [1943], La paura fa 90 [1951], Io, Amleto [1952], Un dollaro di fifa [1960], I magnifici tre [1961], I due mafiosi [1963], Due mafiosi contro Goldginger [1963].

Accadde al commissariato [1954] è forse il miglior lavoro di Giorgio Simonelli, perché non si limita a girare una serie di episodi comici dotati di buon ritmo, ma cerca di realizzare uno spaccato della società italiana dei primi anni Cinquanta. Molto bravi gli attori. Nino Taranto è un commissario napoletano, preoccupato per il possibile furto della sua 1100 nuova e infastidito dai casi che deve risolvere.

Alberto Sordi è un esilarante venditore di bolle di sapone che per attirare i clienti gira per le strade di Roma indossando la gonna. Il personaggio non è una novità, ma viene ripreso dalla rivista E lui dice!. Sordi è il solito italiano medio, truffatore e bugiardo, che si spaccia per nobile decaduto mentre è solo un modesto venditore ambulante. Riccardo Billi e Mario Riva sono due simpatici crumiri che approfittano di uno sciopero per fare un po’ di soldi con un trasporto illegale.  Walter Chiari, Carlo Dapporto, Lucia Bosé e Lauretta Masiero danno vita agli altri episodi che vedono il litigio di una coppia di sposi, una compagnia di rivista abbandonata dall’amministratore e un bambino abbandonato. Lo schema è simile a Un giorno in pretura [1954] di Steno, solo che invece del giudice Peppino De Filippo abbiamo il commissario Nino Taranto chiamato a giudicare su casi di varia umanità. Il livello è inferiore, ma interpretazioni esilaranti come quella di Sordi, fanno perdonare alcune ingenuità di scrittura.

Gordiano Lupi

 

Regia: Giorgio Simonelli

Con: Nino Taranto, Alberto Sordi, Walter Chiari, Lucia Bosé, Carlo Dapporto

Sceneggiatura: Giovanni Grimaldi, Ruggero Maccari, Ettore Scola, Vincenzo Talarico

InGenere Cinema

x

Check Also

La casa di Alberto Sordi apre al pubblico fino al 31 gennaio 2021

È stato un lungo e doloroso calvario, ma finalmente è successo: ha ...