Home / Recensioni / Editoria / BLAXPLOITATION – UNA STORIA AMERICANA

BLAXPLOITATION – UNA STORIA AMERICANA

Certi film di Quentin Tarantino, Spike Lee e Robert Rodriguez, oltre ad alcune ultime distribuzioni targate Netflix, hanno una matrice comune: traggono tutti ispirazione dal Cinema Afroamericano degli anni Settanta, il variegato filone Blaxploitation.  Questo fenomeno cinematografico definito “From Blacks, to Blacks, by Blacks”, che raccoglie tutti i Generi cinematografici esistenti  [dal poliziesco al documentario, dall’horror all’erotico fino al fantascientifico], si sviluppa tra il 1971 e il 1976 creando un vero e proprio “lascito” che si ripercuote nella produzione cinematografica attuale.
Questo saggio, unico nel suo genere ideato e redatto da Mattia Chiarella, illustra al lettore in modo completo e dettagliato le opere più significative, i suoi protagonisti e le ragioni della loro realizzazione in un contesto in cui
uomini e donne di ogni credo, sesso ed etnia vengono presentati come parte di un’unica grande storia.
Cover di Giorgio Finamore.

Scheda Tecnina
Titolo: Blaxploitation – Una storia americana
Autore:  M. Chairella
Editore: Weird Book
Collana: Revolution
Genere: Saggio
Pagine: 184
Prezzo: 24,90 €
Formato: 15 x 22 cm
ISBN: 979-12-81603-03-5

InGenere Cinema

x

Check Also

“Mercoledì” la serie TV firmata da Tim Burton arriva in DVD il 28 marzo 2024

Dal regista Tim Burton [Nightmare Before Christmas; Beetlejuice – Spiritello porcello] e ...