Home / Recensioni / In sala / DENTI DA SQUALO di Davide Gentile

DENTI DA SQUALO di Davide Gentile

Un’opera prima di solito presenta molte irregolarità, molte sgrammaticature figlie dell’inesperienza ma soprattutto della voglia di osare, di sperimentare, da parte dell’autore.

Molto del bagaglio culturale dello stesso influenza la narrazione, ma tutto questo non è un male. Ci vuole del tempo per crearsi un gusto proprio, una poetica e soprattutto per capire come comunicare allo spettatore il proprio messaggio.

Da Denti da squalo, ad esempio, ci aspettavamo quel “morso” che è indiscutibilmente venuto a mancare.

La storia in breve è una sorta di “battesimo” di un adolescente – Walter – che, come dice sua madre Rita [Virginia Raffaele] sta diventando grande un po’ troppo in fretta e subito la vita lo pone di fronte a un bivio epocale: deve scegliere se seguire le orme del padre defunto Antonio [Claudio Santamaria] oppure imboccare un’altra via ignota.

Il padre ha provato a cambiare vita proprio quando lui nacque, passando da malavitoso a semplice operaio, e non vorrebbe che il figlio commettesse i suoi stessi errori, ma il rischio che la mela non cada troppo lontano dall’albero è dietro l’angolo.

Parallelamente a tutto ciò c’è una villa apparentemente abbandonata ma tutt’altro che spenta, morta. La potremmo considerare uno dei protagonisti e non una semplice location.

In una sontuosa piscina all’esterno nuota uno squalo, nato da un capriccio, da uno sfoggio di ego da parte di coloro che avevano fatto di quella villa il covo dei loro traffici illeciti e proprio in quel luogo invece nasce una solida amicizia tra Walter e Carlo, che vorrebbe dimostrare più coraggio e spavalderia di quella che invece ha.

Non possiamo dire che Denti da squalo, opera prima di Davide Gentile e prodotto dalla Goon Films di Gabriele Mainetti [Lo chiamavano Jeeg Robot e Freaks Out], sia un’operazione non riuscita, ma forse è proprio questo il problema, magari in questo caso avremmo preferito un passo falso, un azzardo in più piuttosto che un opera ben confezionata, ma che potrebbe tranquillamente passare direttamente sulle piattaforme o in qualche festival di cinema per ragazzi senza passare dalla sala.

Non si può dire che mancassero le carte giuste: Virginia Raffaele, Claudio Santamaria e Edoardo Pesce sono perfettamente calati nella parte, ma anche i giovani esordienti Tiziano Menichelli e Stefano Rosci sono molto azzeccati per i loro ruoli, però questo film corre il rischio di non lasciare mai il segno.

Una menzione speciale va fatta agli effetti speciali e in particolar modo a David Bracci che ha dato vita allo squalo protagonista del film.

Paolo Corridore

DENTI DA SQUALO

Regia: Davide Gentile

Con: Virginia Raffaele, Claudio Santamaria, Edoardo Pesce, Tiziano Menichelli, Stefano Rosci

Uscita in sala in Italia: giovedì 8 giugno 2023

Sceneggiatura: Valerio Cilio, Gianluca Leoncini

Produzione: Goon Films, Luckyred, Ideacinema, Raicinema, Primevideo

Distribuzione: Lucky Red

Anno: 2023

Durata: 90′

InGenere Cinema

x

Check Also

Vespertilio Awards: I vincitori della terza edizione!

Il Vespertilio Awards arriva alla sua terza edizione: questi i vincitori delle ...