Home / Recensioni / Animazione / CIP & CIOP AGENTI SPECIALI di Akiva Schaffer

CIP & CIOP AGENTI SPECIALI di Akiva Schaffer

Fra i nati a partire dalla metà degli anni ‘80, c’è chi ha vissuto la maggior parte delle domeniche mattine guardando il programma Domenica Disney su Rai2, dove venivano proposte alcune serie animate classiche e nuove. Fra queste c’era Cip & Ciop agenti speciali, che vedeva i due scoiattoli del titolo svestire i panni dei soliti guastafeste [quasi sempre nei confronti di Paperino], e di indossare, invece, un borsalino e un giubbotto di pelle [Cip] e una camicia hawaiana [Ciop], per aprire insieme un’agenzia investigativa. Non vi ricorda qualcosa, o meglio… qualcuno? Ma certo, proprio lui! Tom Selleck!

I realizzatori della serie, infatti, si sono palesemente ispirati al celebre attore baffuto, che negli anni ’80 ha spopolato con la serie Magnum P.I., interpretando l’investigatore Thomas Sullivan Magnum IV. E per quanto riguarda il cappello e il giubbotto? Harrison Ford in Indiana Jones? Non proprio: Indiana Jones c’entra eccome, ma fra le prime scelte per interpretare il celebre archeologo c’era sempre lui, Tom Selleck, impossibilitato però a prenderne parte proprio a causa delle riprese della serie.

Il duo mette così in piedi quest’attività, affiancati da nuovi compagni d’avventura come Monterey Jack, Scheggia e Zipper, intenti tutti insieme – il più delle volte – a sventare le malefatte del gangster Gattolardo.

In questo film, scopriamo che Cip e Ciop sono un duo inseparabile fin dai tempi della scuola e che insieme hanno cercato di sfondare nel mondo dell’intrattenimento, arrivando a girare proprio la serie a loro dedicata. Tuttavia, dopo la scelta di Ciop di accettare un ruolo da protagonista in solitario, il duo si disfa e la loro serie viene di conseguenza cancellata.

Ritroviamo i due circa trent’anni dopo: Ciop [doppiato in originale da Andy Samberg e in italiano da Giampaolo Morelli] è ora impegnato nel promuoversi durante le convention simil ComicCon ed è reduce da un upgrade in cgi, una sorta di “intervento di chirurgia plastica”, che permette di passare dall’animazione in 2D a quella fotorealistica; Cip [John Mulaney in originale, Raoul Bova in italiano], invece, è un impareggiabile impiegato presso un’agenzia assicurativa. L’ex coppia sarà però costretta a mettere da parte il loro dissapore, quando l’amico Monterey Jack [Eric Bana nella versione originale, Jonis Bascir in quella italiana] sparisce misteriosamente. Grazie all’aiuto della detective – e fan sfegatata del duo – Ellie Whitfield [KiKi Layne, in carne ed ossa], Cip e Ciop cominciano la loro indagine, fino a risalire ad un losco traffico gestito da un “certo”… Sweet Pete [Will Arnett in originale, Riccardo Scarafoni in italiano].

La trovata del regista Akiva Schaffer e degli sceneggiatori Dan Gregor e Doug Mand è stata quella di non realizzare un nuovo adattamento unicamente fedele alla serie originale, ma di catapultare Cip e Ciop in un mondo molto somigliante a quello visto in Chi ha incastrato Roger Rabbit [difatti il coniglio fa una fugace comparsa], dove umani e cartoni animati coesistono.

I due scoiattoli – come accennato poc’anzi – non sono infatti degli avventurieri, ma degli attori che dopo tanta gavetta sono riusciti ad ottenere successo con una serie televisiva, girata in studio con tanto di troupe.

Un ulteriore rimando al film di Zemeckis, dove il coniglio prestava servizio presso la Maroon Cartoni, diretto da uno stressatissimo regista. Grazie a questo modello, il concetto di semplice reboot viene ampiamente scavalcato, tanto da venir ribadito più volte dagli stessi protagonisti, ma con un’analogia che potrebbe essere vista come poco originale.

Va detto, però, che se in Roger Rabbit si poteva notare una straordinaria presenza di personaggi provenienti sia dal mondo Disney, che da quello Warner [i Looney Tunes] e di altri studi [Picchiarello, Droopy, ecc.], in Cip & Ciop la cosa viene portata all’estremo, con ricche comparsate del tutto inaspettate: da He-Man e Skeletor a Beavis & Butt-head, dai personaggi di South Park ad Alvin e i Chipmunks, fino al Sonic dal design scartato per il film Paramount e… perfino Batman! Il tutto condito da un ottimo humor, egregiamente gestito dall’esperto in materia Schaffer e dai suoi collaboratori.

Altra analogia: la modalità con cui la coppia di scoiattoli si separa a inizio film, non può far altro che ricordare quella di un altro illustre duo comico, ovvero Stanlio & Ollio [Stan Laurel e Oliver Hardy], riportata in modo toccante nell’omonimo film del 2018.

In conclusione, Cip & Ciop agenti speciali è un film esilarante, brioso, per niente scontato ai fruitori di quelle domeniche anni ‘90 e che potrebbe incuriosire i più piccoli, che non hanno avuto modo di seguire le originarie avventure negli stessi anni.

Un prodotto, riservato agli abbonati di Disney+, che poteva benissimo meritare un’uscita cinematografica.

Luca Pernisco

CIP & CIOP AGENTI SPECIALI

Regia: Akiva Schaffer

Con: KiKi Layne, Chris Parnell

E con le voci di: John Mulaney [Raoul Bova], Andy Samberg [Giampaolo Morelli], Eric Bana [Jonis Bascir], Tress MacNeille [Francesca Chillemi], Will Arnett [Riccardo Scarafoni], J. K. Simmons [Luca Biagini]

Uscita in Italia: venerdì 20 maggio 2022 su Disney+

Sceneggiatura: Dan Gregor, Doug Mand

Produzione: Walt Disney Pictures, Mandeville Films

Distribuzione: Disney+

Anno: 2022

Durata: 97’

InGenere Cinema

x

Check Also

Visions of Suffering, Hyde’s Secret Nightmare e XXX Collection a novembre in Italia con TetroVideo

A partire da oggi, 23 novembre, sul sito ufficiale TetroVideo e sul sito ...