Home / Recensioni / Memorie dall'Invisibile / REDNECK CHRISTMAS: Quando il cinema incontra il L.A.R.P.

REDNECK CHRISTMAS: Quando il cinema incontra il L.A.R.P.

Continua il sodalizio fra Cinema e Gioco di Ruolo dal Vivo con la sperimentazione cinematografica su questo corto di Giovanni Bufalini, creato appositamente per le Feste di Natale, realizzato in sinergia tra Spaghetti Larp a.p.s., allievi e docenti del corso Filmaker Factory di Fondazione per il Centro Studi Città di Orvieto, Gabriele Berretta di Rambaldi Promotions e Antes [associazione nazionale trucco effetti speciali].

Redneck Christmas è un corto che unisce i temi delle nostre ambientazioni Larp Western e Horror, ed è l’anteprima della nuova location esclusiva dei prossimi eventi a tema nel centro Italia.
Il Natale diventa l’occasione per omaggiare il genere Horror di fine anni 60-70 che veniva considerato di Serie B prima di essere rivalutato come cult successivamente, in particolare le opere di George A. Romero arrivando fino ad alcuni elementi del cinema di John Carpenter, ma ovviamente tutto in salsa Tuscia all’italiana e con un grande pizzico d’ironia, in perfetto stile stile Spaghetti Larp.

Il mondo del L.A.R.P. o Live Action Role-Playing sta vivendo in Italia e nel mondo intero una crescita esponenziale negli ultimi 15 anni. Con il passaggio dei giochi di ruolo da nicchia a vero e proprio fenomeno della cultura pop, grazie anche all’enorme diffusione di serie TV e fiere tematiche che ne hanno agevolato la diffusione e soprattutto snaturato l’immagine di soggetti in fuga dalla realtà che spesso calava come una scure sugli appassionati di questa attività. Hobby che a dispetto della prima impressione si rivela in realtà essere ricco di lati positivi unendo la fantasia, la creatività e l’attività fisica, ma anche la recitazione e la manualità, tanto da essere stato omaggiato apertamente dalla recente serie dei Marvel Studios Hawkeye sulla piattaforma streaming Disney+.

Gli appassionati di LARP infatti non si limitano ad interpretare il proprio personaggio ma ne creano il background e la storia, realizzano manualmente gli abiti e gli oggetti necessari, imparano a combattere che le armi realizzate adeguatamente in sicurezza da artigiani specializzati e fanno ricerche per rendere sempre più credibile il loro ruolo nella storia scritta dai masters delle varie associazioni.
Proprio le associazioni hanno il difficile compito di essere all’altezza di gestire questa passione dei giocatori, offrendo esperienze di gioco sempre più immersive e coinvolgenti, evitando che i partecipanti si sentano solo spettatori della storia, come se fossero passeggeri trasportati da una autista, ma al contrario, renderli la vera chiave di volta dell’avventura e fare in modo che ogni decisione, per quanto assurda e imprevista possa essere, abbia un peso nel proseguimento del gioco.

Spaghetti Larp A.P.S ha fatto di questa regola il principio fondante della sua costituzione; nei suoi Larp la storia non è un binario, ma una strada con infinite varianti che mettono i giocatori alla guida degli eventi, accompagnati da uno staff e una storia pronta a cambiare ed evolversi in conseguenza ai fatti.
Da appassionati di cinema hanno cercato di portare nei loro live le atmosfere tipiche delle pellicole di Sergio Leone e di H.P. Lovecraft, grazie ai live Western di C.O.L.T. – Chronicles of Lone Town ambientato negli Stati del Sud dopo la Guerra Civile americana e giocato in location storiche del cinema italiano come il Casale delle Pietrische di Manziana, e  quelli dalle tematiche horror di Oltre la Soglia che visto il livello hardcore delle varie sessioni di gioco, richiede un test psicologico ai partecipanti per rendere la loro esperienza unica.

Questa passione ha attirato l’attenzione di Giovanni Bufalini, regista e docente di regia della Filmaker Factory di Fondazione per il Centro Studi Città di Orvieto, e complice l’amore comune per lo Spaghetti Western è nata una prolifica collaborazione fra le due realtà che ha portato alla nascita di progetti come il corto Never Dies e la costruzione di una vera città western che diventerà un nuovo polo di attrazione nel centro Italia per il cinema, il gioco di ruolo e una serie di eventi tematici che punteranno al rilancio di un genere che ha reso famoso il cinema italiano nel mondo con estimatori di gran calibro quali Quentin Tarantino, Robert Rodriguez, Kevin Costner  e tanti altri.

REDNECK CHRISTMAS:

InGenere Cinema

x

Check Also

Andrea Guglielmino torna su SAMUEL STERN con IL QUINTO COMANDAMENTO

Andrea Guglielmino, critico, giornalista cinematografico, amico dell’Horror e di InGenereCinema.com, nonché scrittore ...