Home / Rubriche / Video On Demand / BASTARDI A MANO ARMATA di Gabriele Albanesi

BASTARDI A MANO ARMATA di Gabriele Albanesi

La vita è dura per Sergio Diotallevi [Marco Bocci], detenuto in un carcere algerino per chissà quale crimine. L’opportunità di poter riabbracciare la sua bambina sembra ormai un sogno irrealizzabile, ma quando un giorno riceve la visita di un avvocato [Bruno Conti] per conto di un misterioso cliente, le cose sembrano apparentemente migliorare. In cambio della libertà e di un lauto compenso, Sergio dovrà raggiungere una villa situata in Italia, dove gli verranno date istruzioni su cosa fare al momento dell’arrivo. La casa è abitata da una famiglia agiata, composta dal capofamiglia Michele [Peppino Mazzotta], da sua moglie Damiana [Maria Fernanda Candido] e dalla figliastra Fiore [Amanda Campana], perennemente immersa nei social. L’ex carcerato sarà costretto, una volta ricevuti gli ordini, a sequestrare i tre abitanti e a cercare in un’area della proprietà qualcosa di molto prezioso per il suo mandante. Man mano che la ricerca procede, Sergio scoprirà che non tutto è come sembra all’interno di quel nucleo familiare e che presto il suo passato verrà a bussare alla porta a suon di pallottole.

A circa una settimana di distanza dall’uscita in streaming di Calibro 9, diretto da Toni D’Angelo, Minerva Pictures distribuisce Bastardi a mano armata di Gabriele Albanesi, di nuovo con il pacchetto comprendente Marco Bocci alla guida del cast e una sceneggiatura firmata ancora una volta – in collaborazione con il regista – da Luca Poldelmengo e dal produttore Gianluca Curti.

Albanesi – già autore degli horror Il bosco fuori e Ubaldo Terzani Horror Show – dirige un buon thriller dalla sceneggiatura solida, anche se non troppo originale, con alcune coincidenze negli eventi che risultano lievemente forzate. E non poteva di certo mancare il sangue che ha contraddistinto i suoi primi lavori, sparso fin dai primi minuti. Misteri e torbidi inganni la fanno da padrone e il mastro burattinaio di tutto questo, ossia il boss Caligola, è interpretato dall’ottimo Fortunato Cerlino, entrato ormai nell’immaginario comune come il gangster per eccellenza, dopo il successo riscosso negli anni con la serie Gomorra.

Oltre ai segreti e alla violenza, vi è anche una forte critica sull’utilizzo sconsiderato dei social, dove il continuo mettersi in mostra potrebbe gravemente nuocere non solo alla propria privacy, ma letteralmente alla propria persona.

Come suggerito dal titolo stesso – una fusione fra Bastardi senza gloria e Roma a mano armata – i realizzatori non si sono risparmiati nel rendere omaggio ad opere del passato, come per esempio al Tony Arzenta [Big Guns] di Duccio Tessari, esplicitamente nominato e riprodotto, o allo stesso Milano calibro 9 di Fernando Di Leo, dove lo sfogo finale di Mario Adorf viene quasi interamente replicato dal buon Cerlino.

Anche il rapporto che si crea fra Sergio e Fiore, potrebbe essere riconducibile a quello fra Seth Gecko [George Clooney] e Katherine Fuller [Juliette Lewis] nell’altrettanto sanguinolento Dal tramonto all’alba di Robert Rodriguez.

Fa sorridere il fatto che, involontariamente o meno, ce ne siano altri di natura più comica: quando madre e figlia riescono a trovare un modo per scappare, si ritrovano a chiedere aiuto alla prima macchina che passa per strada, senza accorgersi che è guidata proprio dal gangster Caligola. La stessa sorte che è toccata al povero Chunk de I Goonies con il rapitore Jake Fratelli.

Sorprendentemente, pare che ci siano omaggi anche nelle musiche composte da Emanuele Frusi, che sembrano ispirate in parte alle composizioni di Hans Zimmer, in particolar modo al tema di Wonder Woman scritto per Batman v Superman: Dawn of Justice di Zack Snyder.

In conclusione, nonostante lo svolgimento della trama di Bastardi a mano armata non sia del tutto innovativo, Albanesi è riuscito a confezionare un film ben girato, nuovamente tinto di rosso, con un susseguirsi di intrighi, segreti rivelati e colpi di scena correttamente orchestrati.

Luca Pernisco

BASTARDI A MANO ARMATA

Regia: Gabriele Albanesi

Con: Marco Bocci, Fortunato Cerlino, Peppino Mazzotta, Amanda Campana, Maria Fernanda Candido, Bruno Conti

Uscita in streaming: giovedì 11 febbraio 2021

Sceneggiatura: Luca Poldelmengo, Gabriele Albanesi, Gianluca Curti

Produzione: Minerva Pictures, Rai Cinema, Boccato Productions, Amazon Prime Video

Distribuzione: Minerva Pictures, Amazon Prime Video

Anno: 2020

Durata: 90’

InGenere Cinema

x

Check Also

LATER + NUOVE MAPPE DEL PARADISO +IL DEMONE DI MASCON

Il giovane protagonista di Later, l’ultimo romanzo di Stephen King vede “la ...