Home / Recensioni / Memorie dall'Invisibile / INTOLERANCE: un fantasy in lingua dei segni

INTOLERANCE: un fantasy in lingua dei segni

In un ambiente metropolitano filtrato dal bianco e nero si muove un solitario senzatetto sordo fin dalla nascita. Durante una nottata piovosa la sua quotidianità viene rotta da un evento inaspettato: vestendo per una volta i panni dell’eroe il senzatetto salva una ragazza indifesa da un tentativo di stupro.

La ragazza, scossa e commossa e anch’essa sorda, vuole trovare un modo per sdebitarsi. Il senzatetto non vuole nulla in cambio fino a quando dalla schiena della ragazza non escono due incredibili ali…

Questa è la trama di Intolerance, il nuovo progetto firmato a quattro mani da Giuliano Giacomelli [Gemma di Maggio Profondo] e Lorenzo Giovenga [Happy BirthdayDaitona], un piccolo-grande esperimento nel mondo della produzione cinematografica indipendente nostrana, che mescola tematiche sociali e immaginario fantastico.

Un progetto collegato ad una campagna crowdfunding che ha preso il via da pochi giorni, utile proprio per sostenere di quello che gli autori definiscono come il primo fantasy di produzione italiana interamente nella lingua dei segni!

Intolerance nasce da un ragionamento di Giacomelli e Giovenga: “Il cinema è immagine e suono, ma non tutti vi possono accedere allo stesso modo. Cosa si prova a eliminare una di queste due componenti? È quello che ci siamo chiesti immaginando la storia di un personaggio sordo, un cortometraggio girato dal suo punto di vista.”.

L’idea del duo di giovani autori si è trasformata in realtà, grazie alla vittoria del bando Nuovo IMAIE 2019.

Interamente in bianco e nero, ambientato in un contesto urbanizzato e straniante, Intolerance trasporta lo spettatore verso un’esperienza di percezione fuori dall’ordinario, all’interno della testa di una persona sorda: niente musica né rumori.

In questo  mondo senza colori e suoni, il tocco fantasy è dato da una misteriosa creatura alata in VFX, realizzata da Nicola Sganga [David di Donatello per Il racconto dei racconti].

Nel cast Marco Marchese [Oltre il guado], Marial Bajma Riva [Scatola nera] e Carmelo Fresta [La macchinazione], mentre le musiche originali sono curate da Dimitri Scarlato [Sweeney Todd Youth].

Se, come anticipato, la vittoria al Nuovo IMAIE ha permesso di coprire tutti i costi di produzione, il percorso post-produttivo è ancora lungo… ed ecco il perché del crowdfunding. I soldi raccolti con la campagna serviranno a coprire i costi di montaggio ed effetti visivi e a trovare soluzioni efficaci per la distribuzione nelle sale italiane.

Se volete sostenere con un piccolo contributo lo sviluppo di questo progetto, cliccate qui per accedere alla pagina del portale produzionidalbasso.com dedicata al film, dove è possibile avete ancora più informazioni su Intolerance!

Qui un video di backstage in cui autori, produttori e interpreti ci fanno entrare ancora meglio all’interno del progetto:

Luca Ruocco

InGenere Cinema

x

Check Also

Visions of Suffering, Hyde’s Secret Nightmare e XXX Collection a novembre in Italia con TetroVideo

A partire da oggi, 23 novembre, sul sito ufficiale TetroVideo e sul sito ...