Home / Recensioni / In sala / THE NICE GUYS di Shane Black

THE NICE GUYS di Shane Black

Si scrive buddy movie si legge Shane Black. Sceneggiatore specializzato nel Genere – a lui dobbiamo perle come Arma Letale, L’ultimo Boy Scout, Last Action Hero e Scuola di Mostri – anche da regista si diverte a calare coppie improbabili in situazioni noir e poliziesche nelle quali l’umorismo la fa da padrone. Dopo il suo esordio con Kiss Kiss Bang Bang e il supereroistico Iron Man 3, e in attesa di vederlo all’opera con il nuovo Predator, Black torna in grande forma con The Nice Guys.

Siamo nella Los Angeles degli anni 70, libertina, stravagante e decisamente trendy, un investigatore privato, Holland March, e un detective senza scrupoli, Jackson Healy, si alleano per risolvere il caso di una ragazza scomparsa e la morte di una pornostar che apparentemente non sembrerebbero correlate: scopriranno che un semplice omicidio nasconde il caso del secolo!

Prendete Vizio di Forma di P.T. Anderson e mescolatelo con i film di Bud Spencer e Terrence Hill. Aggiungete i geniali dialoghi di cui è capace questo regista e, prima di servire, anche due grandi star hollywoodiane come Russell Crowe e Ryan Gosling. Il risultato è questo divertentissimo poliziesco nel quale il contesto seventies rintracciabile nelle pagine di Thomas Pynchon, incontra l’umorismo, la velocità di esecuzione e la visione vecchio stile del cinema d’azione a stelle e strisce.

the-nice-guys-2Shane Black maneggia alla perfezione questa materia, bilanciando magistralmente le due anime della pellicola: quella comedy con quella action e viceversa. La sensazione è che il cineasta sia il primo spettatore a divertirsi e a godere del suo film, infondendo al progetto freschezza e spontaneità.

Ogni sequenza trasuda l’amore che il suo direttore ha per la settima arte e in particolare per il Genere noir. Tuttavia, evita accuratamente di riproporre statici cliché, bensì li reinventa contaminandoli con altro cinema, fornendone una visione maggiormente moderna. Assolutamente folgorante, a questo proposito, la scena d’apertura che sembra provenire direttamente da un film di Richard Donner o Joe Dante e che vede come protagonista un bambino che non riesce ad addormentarsi [se così si può dire…].

the-nice-guys-3Dopo un inizio interlocutorio o semplicemente prevedibile, la scena viene stravolta da un evento del tutto inaspettato che introduce magistralmente il delitto sul quale si concentreranno le indagini dei nostri protagonisti.

E proprio l’intesa di questi due attori, fornisce un altro punto a favore di The Nice Guys. Crowe e Gosling fanno subito squadra, incarnando alla perfezione lo spirito del buddy movie tanto amato dal regista. I due si detestano, eppure si stimano, si prederebbero a schiaffi, tuttavia appaiono legati da una forte amicizia. Sono diversi in tutto, ma il volare di giustizia e verità che li anima è il medesimo che li tiene uniti e insieme. Così come la follia, il cinismo, un certo pragmatismo, la capacità di essere sé stessi sempre – anche in situazioni “difficili” – e la geniale tendenza all’insolito, all’errore, al caos.

the-nice-guys-4Tutti elementi che compongono l’identikit del perfetto detective, almeno nell’universo bizzarro, dissacrante e folle costruito da Shane Black. Sono tantissimi i momenti memorabili di questa coppia, ma tra i tanti ci piace segnalare una corsa in macchina di notte sull’autostrada di Los Angeles: con il procedere del dialogo, la sequenza tende verso l’onirico permettendo la comparsa di una gigantesca ape parlante. Eccentrico, originale e molto divertente.

Film da non perdere assolutamente.

Paolo Gaudio

THE NICE GUYS

3.5 Teschi

Regia: Shane Black

Con: Ryan Gosling, Russell Crowe, Matt Bomer, Yaya DaCosta, Margaret Qualley, Rachele Brooke Smith, Kim Basinger, Ty Simpkins, Keith David, Yvonne Zima

Uscita sala in Italia: mercoledì 1 giugno 2016

Sceneggiatura: Shane Black

Produzione: Silver Pictures, Waypoint Entertainment

Distribuzione: Lucky Red

Anno: 2016

Durata: 116′

 

InGenere Cinema

x

Check Also

A WHITE, WHITE DAY – SEGRETI NELLA NEBBIA di Hlynur Pàlmason

“Lei mi bastava, mi tagliava i capelli, mi mancava. Credo che mi ...