Home / Recensioni / In sala / SOUTHPAW – L’ULTIMA SFIDA di Antoine Fuqua

SOUTHPAW – L’ULTIMA SFIDA di Antoine Fuqua

southpaw-l-ultima-sfida-1In Burton Finck dei Fratelli Cohen, un talentuoso scrittore emergente Newyorkese – interpretato, come ricorderete, da un magistrale John Turturro – si ritrova suo malgrado in California per scrivere uno scontatissimo film sul Wwestling di quelli che piacciono molto ai dirigenti degli studios hollywoodiani.

Lo scrittore ha troppo talento per limitarsi a riproporre tutti i cliché di questo sottogenere, così un lavoro di routine diventa una vera e propria discesa verso la follia dall’epilogo memorabile. Ecco, osservando Southpaw – L’ultima Sfida, ultima fatica di Antoine Fuqua è impossibile non riflettere su come Hollywood detesti il vero talento ed incoraggi ossessivamente la mediocrità ed il già visto.

I Cohen lo dicono da molto tempo, raccontando questa assurda peculiarità nei loro film, mostrando a tutti quanto sia grottesca l’industria cinematografica che involgarisce tutto attraverso la retorica dei buoni sentimenti e della secondo possibilità che da quasi cinquant’anni rabbonisce gli spettatore. Si salvi chi può!

Detroit ai giorni nostri. Billy “The Great” Hope è un campione di boxe. E’ un “southpaw”, un pugile mancino, dallo stile aggressivo e brutale. E’ all’apice della sua carriera, ha una moglie che adora, Maureen, e una figlia piccola. L’incontro con il suo rivale Miguel “Magic” Canto cambierà la sua vita per sempre.

southpaw-l-ultima-sfida-2Durante una violenta rissa Maureen viene uccisa e da quel momento l’esistenza di Billy è sconvolta: la sua carriera è finita, la figlia è affidata ai servizi sociali. Billy deve ricominciare dal nulla, con l’aiuto e gli insegnamenti del vecchio pugile Tick. Giorno dopo giorno inizia la dura risalita…

Bisogna ammettere che la boxe sul grande schermo funziona sempre, è un bacino inesauribile da cui l’industria attinge da decenni. Il contenuto è sempre lo stesso e Southpaw non fa eccezione: abbiamo un pugile aggressivo e grande incassatore che si è tolto dalla strada grazie ai guantoni. Ha un cuore d’oro ed ama la sua famiglia, tuttavia quando sale sul ring diventa una furia che adora darle e prenderle, sanguinando in abbondanza. Ma cosa farà il nostro eroe quando le sue certezze crolleranno e la vita tornerà ad essere quella dura e spietata del passato? Il pugile continuerà a combattere? Riuscirà a risollevarsi e a superare i suoi limiti per amore di chi lo ama?

southpaw-l-ultima-sfida-3Insomma sempre la stessa solfa: prendete Rocky III, mischiatelo con Rocky V, aggiungete il regista più sopravvalutato della storia di Hollywood ed avrete lo scontatissimo, prevedibile, vecchio e ridondante Southpaw.

A salvare questa operazione del tutto evitabile, un cast di primo ordine. Sia Jake Gyllenhaal, che Rachel McAdams che naturalmente, il meraviglioso Forest Whitaker forniscono verità e credibilità ad una storia paragonabile ormai solo ad una favoletta trita e ritrita. Grazie all’interpretazione di questi artisti, il film a tratti diventa coinvolgente e sincero, ma sfortunatamente sparuti momenti di cinema non salvano il film di Fuqua che è destinato all’oblio. Usciti dalla sala non ricorderete nemmeno più il titolo.

Southpaw – L’ultima Sfida… promemoria.

Paolo Gaudio

SOUTHPAW – L’ULTIMA SFIDA

1.5 Teschi

Regia: Antoine Fuqua

Con: Jake Gyllenhaal, Forest Whitaker, Rachel McAdams

Uscita in sala in Italia: mercoledì 2 settembre 2015

Sceneggiatura: Kurt Sutter

Produzione: Escape Artists, Fuqua Films, Riche Productions

Distribuzione: 01 Distribution

Anno: 2015

Durata: 124’

InGenere Cinema

x

Check Also

“Roma amor Mio” allo Spazio ArteAtrio

In un periodo in cui, molto faticosamente, cerchiamo di far tornare tutto ...