Home / Recensioni / In sala / JURASSIC WORLD di Colin Trevorrow

JURASSIC WORLD di Colin Trevorrow

jurassic-world-1Jurassic World è un buon monster movie, quasi un kaiju, anche preso al di fuori della saga di Jurassic Park.

Ma è anche un buon sequel, e funziona decisamente meglio rispetto all’indeciso capitolo 3, e all’amabile Il mondo perduto – Jurassic Park.

Jurassic World sposta, innanzitutto, il livello di narrazione e di intrattenimento su una struttura molto più simile a quella di un godzilla-movie, con un grande, cattivo e pericolosissimo mostro a far da protagonista, e da primaria minaccia per gli altri personaggi [umani e non].

Un mostro, sì, e non propriamente un dinosauro, proprio perché, il nuovo arrivato, l’Indominus Rex, è una creatura creata in laboratorio combinando i DNA di diverse specie di dinosauri [T-Rex, Velociraptor…] e quelli di altre specie viventi, che riescono a donargli capacità specifiche da non sottovalutare, e che ne accrescono di molto il potenziale distruttivo.

Il primo punto fermo, quindi, è questo: l’Indominux Rex, il carnivoro più pericoloso che abbia mai messo piede sulla Terra, occuperà gran parte della percentuale di scene dedicate ai dinosauri, ma non sarà assolutamente da solo.

jurassic-world-2Ma partiamo dal principio: Jurassic World parte dal concetto, condivisibile e veridico, che dopo alcuni anni dall’apertura del parco a tema completamente ricostruito e messo in sicurezza, il numero di turisti e interessati inizia a subire un’importante flessione.

Questo perché il concetto di “de-estinzione” è ormai entrato nel pensiero comune, come realtà accettata e “normale”.

Proprio per questo, la InGen ha messo in cantiere l’idea di dare al pubblico nuove e inedite specie [“Più grandi, più cattive… con più denti.”] capaci di accendere la scintilla della curiosità nella gente, e quella del bonifico nei finanziatori interessati a legare le nuove creature al proprio brand.

Jurassic WorldI dinosauri sono, ancora una volta, legati ai numeri, alle cifre, ai soldi… e la saga di Jurassic Park, da buon eco-vegeance, ha già più volte evidenziato che questa non è mai una scelta fortunata.

Quando l’Indominus, infatti, evaderà dal suo recinto-prigione insinuandosi nel parco giochi, l’instancabile manager Claire Dearing [Bryce Dallas Howard] sarà costretta a rivolgersi al più ruspante Owen Grady [Chris Pratt], per evitare la carneficina e riuscire a salvare, in primis, i suoi due nipoti [Nick Robinson e Ty Simpkins] in giro per Jurassic World proprio quel giorno.

Ma torniamo ai dinosauri: quali le specie che faranno bella presenza nel quarto scoppiettante capitolo della saga?

jurassic-world-5I raptor, innanzitutto, legati a doppio nodo a Owen: quattro esemplari della pericolosa specie, infatti, sono stati allevati dall’uomo fin da piccolissimi, e ormai lo riconoscono come il loro maschio alpha. Saranno loro [Echo, Blue, Charlie e Delta] i principali sauri comprimari, impegnati anche in una bella scena d’inseguimento anticipata anche in uno dei poster del film.

Posto di tutto rispetto anche per un gruppo variegato di pterosauri e un paio di sorprendenti entrate in scena di un enorme mosasauro, in principio impiegato quasi come un’orca ammaestrata.

E il T-Rex? Certo c’è anche lui, e gli sarà riservato un posto di tutto rispetto, di cui non vi anticipiamo nulla.

Luca Ruocco

JURASSIC WORLD

3.5 Teschi

Regia: Colin Trevorrow

Con: Chris Pratt, Bryce Dallas Howard, Vincent D’Onofrio, Jake Johnson, Nick Robinson, Ty Simpkins

Uscita in sala in Italia: mercoledì 10 giugno 2015

Sceneggiatura: Colin Trevorrow, Derek Connolly

Produzione: Universal Pictures, Legendary Pictures, Amblin Entertainment

Distribuzione: Universal Pictures

Anno: 2015

Durata: 130’

InGenere Cinema

x

Check Also

Vespertilio Awards: Il nuovo premio italiano per il cinema horror!

Arriva la prima edizione del Vespertilio Awards, un riconoscimento cinematografico italiano del panorama ...