Home / Recensioni / Delicatessen / EXTRATERRESTRIAL di Colin Minihan

EXTRATERRESTRIAL di Colin Minihan

extraterrestrial-1Quando il caso Roswell fece la sua comparsa sulle prime pagine delle maggiori testate giornalistiche americane, apparve chiaro nulla sarebbe tornato come prima: quasi 50 anni trascorsero prima che l’incidente fosse considerato ufficialmente chiarito. Anni durante i quali leggende metropolitane, mitomani, cinema e letteratura, sfruttarono il fenomeno e l’interesse da quest’ultimo esercitato.

Soffermandoci sulla settima arte, nacque in quegli anni una fruttuosa appendice del Genere horror, riguardante incontri con forme di vita aliene, orribili quanto moleste. In queste pellicole si riscontrava spesso il classico stereotipo della donzella rapita, prassi del tempo.

Tuttavia non tutti sanno i casi di rapimento alieno di epoca moderna, a partire da Antonio Villas Boas considerato il primo degli attendibili, non poggiano le loro basi su questa moda semisecolare, bensì su avvenimenti, rinvenute testimonianze scritte e spesso sulle stesse Divinità adorate da popoli scomparsi secoli orsono; a partire dal libro di Enoch, da molti considerato il primo resoconto di un addotto, in tutte le epoche della nostra storia, uomini e donne sono stati portati in cielo, per poi a volte fare ritorno con cronache stupefacenti da raccontare.

extraterrestrial-4Passando ora al titolo sotto esame, sorgono alcuni timorosi dubbi: questo film mira forse a far conoscere quanto qui appena denunciato? Oppure si tratta di un nozionistico polpettone stellare per i soli cultori del Genere? Siamo lieti di poter annunciare Extraterrestrial si è ben distanziato da entrambe le aspettative, puntando… verso il basso.

La trama vede impegnata la classica brigata di giovani in attesa di trapianto celebrale, annoiati dalla lunga fila d’attesa ospedaliera [gli scemi sono tanti, milioni di milioni..], decidono di trascorrere un tranquillo weekend in una villetta proprietà della sventurata famiglia di uno di questi ultimi.

Di lì a poco i decerebrati assisteranno atterriti ad un devastante UFO-crash, causato da una tempesta in corso nelle sfere atmosferiche più alte [imprevisto che fa decadere il contratto assicurativo in tutta Zeta Reticuli e provincia, i dischi volanti sono allergici alla pioggia].

extraterrestrial-5Da questo punto in poi il film diventa una continua, insipida lotta alla sopravvivenza [classico spara e fuggi american-televisivo] contro alieni di tipologia “piccoli grigi”, intenti a ghermire ogni bipede fuggiasco scovato; trama banale a parte, il resto è persino peggio: i protagonisti, scelti esclusivamente in quanto nipoti di Massoni associati al “New World Order” [unica motivazione plausibile alla loro scritturazione], risulteranno duri da sopportare, trascinandosi malamente per l’intera pellicola, portando infine gli stessi  visitatori a volersi sbarazzare in fretta di loro; gli altri attori in scena sono per certo inservienti dello staff, rapiti [si resta in tema] dagli studi cinematografici limitrofi e fatti lavorare sotto minaccia di licenziamento.

extraterrestrial-3Le musiche sono ispirate ai primi videogiochi Atari [quelli in cui non c’era audio], mentre il disco volante schiantato resta l’unico aspetto visivo presente e godibile durante il lungo strazio. Un’ultima nota va spesa per gli extraterrestri: scorgendo in coloro che avrebbero visto la sua opera dei provetti Conan Doyle, il regista ha ben pensato di sostituire le fatine cartonate di Cottingley con alieni digitali, altrettanto statici e fittizi, creando così il primo film del Genere alien abduction degno di un posto nell’Olimpo degli inguardabili.

Legate il vostro acerrimo nemico ad una scomoda seggiola e costringetelo a guardare questo capolavoro. Vendetta assicurata, parola di lupetto [mannaro].

Giuseppe Samuele Costantino

EXTRATERRESTRIAL

1.5 Teschi

Regia: Colin Minihan

Con: Brittany Allen, Freddie Stroma, Jesse Moss

Uscita in sala in Italia: N.A.

Sceneggiatura: Colin Minihan, Stuart Ortiz

Produzione: Shawn Angelski

Distribuzione: N.A.

Anno: 2014

Durata: 101’

InGenere Cinema

x

Check Also

HAROLD RAMIS – MIO PADRE L’ACCHIAPPAFANTASMI di Violet Ramis Stiel

Amici di InGenereCinema.com, se anche voi amate quanto il sottoscritto il dottor ...