Home / Recensioni / Home Video / CANNIBAL HOLOCAUST di Ruggero Deodato

CANNIBAL HOLOCAUST di Ruggero Deodato

cannibalholocaust_bluray_1Mentre in Italia si attende l’uscita in sala di The green inferno del tarantiniano Eli Roth, suo personale omaggio al Genere Cannibale e, in particolare [nonostante i botta e risposta dovuti ad un probabile tentativo, iniziale, di prendere le distanze dai b-movie per cercare una parentela molto meno probabile con i film di Werner Herzog ambientati in Amazzonia] a Cannibal Holocaust, CG Home Video e il clan di Nocturno rispolverano, anche in edizione Blu-Ray, il cult dei cult dei cannibal movie!

Edito in versione integrale da nuovo transfer HD, il Cannibal Holocaust di Ruggero Deodato, il film sacrilego censurato in 23 paesi del mondo, che da pochi mesi è riuscito a bucare la cortina di ferro della censura inglese che solo ora ha accettato il film cannibalico all’interno del mercato cinematografico nazionale, vive di nuova vita in un’edizione davvero di tutto rispetto!

Il lungometraggio racconta il viaggio del professor Monroe che organizza una spedizione in Amazzonia per cercare notizie di una troupe di giovani reporter partiti per le terre selvagge con la propria attrezzatura video, senza mai fare ritorno.

cannibalholocaust_bluray_2Arrivato sul posto, nei pressi di un villaggio abitato da indios cannibali, rinviene il cadavere di uno dei giovani reporter, accanto alle pizze con il materiale girato prima del decesso.

Ritornato a New York, Monroe e il suo staff avranno modo di visionare lo shockante contenuto delle pizze, e di venire a conoscenza dell’oscena metamorfosi [morale] subita dai reporter addentratisi nella giungla, così come della loro tragica fine in odore di contrappasso.

Al di là del film in sé e per sé, che racchiude alcune delle scene più realistiche e aberranti del Genere Cannibale, oltre a quelle [drammaticamente vere] di uccisioni di animali [topi, tartaruga e maialino..!], il Blu-Ray CG Home Video raccoglie tra gli extra tre interessantissime interviste, che già da sole valgono l’acquisto del disco.

Realizzate da Manlio Gomarasca e il clan Nocturno, il BD CineKult punta davvero tanto sul diventare oggetto di culto per gli appassionati del Genere e, ancor più, per i cultori del film di Deodato, proprio grazie alle testimonianze davvero uniche [per specificità e durata] raccolte dalla viva voce del regista [“The Cannibal Files” intervista a Ruggero Deodato]; dell’attore protagonista [“The Alan Yates Files” intervista a Carl Gabriel Yorke]; e di quello che si è da sempre dimostrato un fan del regista italiano: Eli Roth, tanto da omaggiarlo con il suo ultimo lungometraggio [“The Green Inferno Files” intervista a Eli Roth].

cannibalholocaust_bluray_3Nella lunga intervista a Deodato [della durata di circa un’ora] si potrà percorrere idealmente tutto l’iter produttivo del film cannibale, originato dalle richieste commerciali dovute al grande successo internazionale di Ultimo mondo cannibale, inizialmente non considerate dal regista, a cui faceva seguito una feroce critica al mondo giornalistico, nella quale la spietatezza e la crudezza delle immagini [di guerra, terrorismo…] si andava facendo [proprio in quegli anni] ancora più feroce di quella fiction propria dei film horror.

E la più corretta chiave di lettura di Cannibal Holocaust sta, infatti, proprio nella critica [morale] al mondo del giornalismo [incarnato nei quattro disumani reporter], che riesce a sfigurare anche se paragonato ad un feroce clan tribale di cannibali.

Inizialmente pensato come un documentario alla mondo movie, Cannibal Holocaust fu poi lavorato come una sorta di canovaccio ampliato e modificato, al bisogno, di volta in volta; e proprio per questo suo viaggiare sul doppio binario di vero e finto, documentario e film fiction, che il film di Deodato è stato più volte citato tra i precursori dei Generi mockumentary e found footage.

cannibalholocaust_bluray_4Nell’intervista di Deodato, davvero ricca di aneddoti particolarmente curiosi, si potrà conoscere la realizzazione improvvisata e cheap della scena della ragazzina indigena impalata, realizzata in poche ore utilizzando un palo interrato che ultimava in un sellino di bicicletta su cui la “vittima” si sistemava, con un altro palo infilato in bocca, per dare un’illusione “di continuità”… ; ma anche la considerazione di Deodato verso il suo stesso lavoro, che ritiene molto più vicino al cinema realista che a quello horror.

cannibalholocaust_bluray_5Molto interessante è anche l’incontro-confronto tra Deodato ed Eli Roth, realizzata in occasione della proiezione di The green inferno: oltre a mettere i puntini sulle “i” sull’iniziale mancata comunicazione di Roth riguardo la lavorazione di un film dalla tematica così vicina a quella del maestro-amico Deodato, e all’apparentamento del giovane regista con il Fitzcarraldo [film che a quanto pare causa in Deodato un improvviso e indomabile sonno atavico] e l’Aguirre – Furore di dio  di Herzog, l’intervista regala allo spettatore altri aneddoti indimenticabili, primo fra tutti quello che vede un giovanissimo Roth che, dopo aver visionato Cannibal Holocaust in VHS, iniziò a cercare ovunque notizie sul film, del tutto convinto che il regista avesse realmente ucciso della gente sul set, visto l’altissimo realismo delle scene gore.

Un Blu-Ray, insomma, da visionare con attenzione!

Luca Ruocco

CANNIBAL HOLOCAUST

Voto film:

3.5 Teschi

Voto DVD: 

5disc copy

Regia: Ruggero Deodato

Con: Carl Gabriel Yorke, Francesca Ciardi, Robert Kerman, Luca Barbareschi

Durata: 91’

Formato: HD 1080 16:9 – 1.66:1

Audio: Italiano Dolby Digital 2.0, Inglese Dolby Digital 2.0

Distribuzione: CG Home Video – CineKult [www.cghv.it]

Extra: “The Cannibal Files” intervista a Ruggero Deodato; “The Alan Yates Files” intervista a Carl Gabriel Yorke; “The Green Inferno Files” intervista a Eli Roth; Trailer; Easter Egg

 

 

 

InGenere Cinema

x

Check Also

DEAD BRIDE: Giovedì 19 Maggio in anteprima a Pisa

Dead Bride, lungometraggio di genere horror/thriller, girato interamente in Toscana in lingua ...