Home / Recensioni / Home Video / ELVIS di Baz Luhrmann

ELVIS di Baz Luhrmann

Dopo l’uscita a giugno 2022, tanto pubblicizzata ma poco vittoriosa in termini di successi al botteghino in Italia [dove ha occupato il primo posto nelle prime due settimane], Elvis di Baz Luhrmann arriva in home video in DVD, Blu-ray, 4K Ultra HD e Steelbook 4K Ultra HD grazie a Warner Bros.

Elvis è un biopic musicale che vede coprotagonisti due attori, Tom Hanks e Austin Butler, e che racconta la vita e scalata al successo di una delle star musicali più famose e amate di sempre a livello internazionale, Elvis Presley, ma anche l’intuito e le ombre del suo manager, il colonnello Tom Parker.

Elvis è senz’altro il cantante più famoso a livello mondiale, tanto che ancora oggi la sua vita e la sua carriera sono oggetto di discussioni, rumors, pettegolezzi, leggende. Indubbiamente Luhrmann ha mostrato un certo coraggio nella sua decisione di imbattersi in un biopic proprio su Elvis: se pensiamo alla produzione musicale di Elvis, al suo successo, alla sua vita complicata, alle sue influenze in tutti i campi della cultura, nella moda e nella società, viene davvero difficile pensare alla realizzazione di un film che possa rappresentarlo.

Il film parte dall’ infanzia di Elvis per spiegare le basi musicali di questo straordinario artista, nato nello stato del Mississippi nel 1935, abituato fin da piccolo ad ascoltare la musica blues, jazz, e gospel, a quel tempo generi non indicati per i bianchi, visto che – per motivi puramente razziali e non derivanti da un fondamento scientifico, storico e culturale – la musica veniva considerata come un’ arte che segnava una separazione tra i bianchi e le minoranze. Proprio il rock, di cui Elvis è stato uno dei primi e forse il miglior rappresentante, sarà il Genere musicale che più di tutti riuscì ad abbattere queste distanze, fino ad arrivare, già intorno agli anni ’60, ad una fusione tra musica bianca e musica nera.

La vita musicale di Elvis inizia proprio dalle frequentazioni con gli artisti di colore, con il gospel in chiesa, musica suonata e cantata negli intermezzi durante le funzioni religiose, che inebriava i fedeli [compreso lo stesso Elvis]. A tal proposito, suggestiva è proprio la sequenza che vede il piccolo Elvis entrare in uno stato di estasi proprio grazie alla musica.

Il successo di Presley si deve, tra le altre cose, proprio all’abbattimento di pregiudizi musicali, facendo della sua carriera musicale un innesto di generi musicali che misero subito d’accordo il pubblico più giovane.

Importante nella carriera di Elvis la figura del colonnello Tom Parker, impresario teatrale e imbonitore olandese trapiantato negli USA, che intuì subito le potenzialità artistiche del giovane Elvis, così da diventare suo manager nel 1955, riuscendo a ottenere un importante contratto con la casa discografica RCA. Parker è un uomo subdolo che spingerà Elvis verso una scalata al successo senza precedenti, e che a sua volta sarà responsabile della sua rovina.

Da quel momento la vita artistica di Elvis fu un crescendo di successi mai raggiunti prima, fama, soldi, lusso, sempre più conteso dalle case discografiche e dalle case cinematografiche che se lo contendevano nei film musicali leggeri, con trame molto banali dove era la musica a gestire il tutto.

Luhrmann firma la sceneggiatura del film con Sam Bromell, Craig Pearce e Jeremy Doner; una sceneggiatura che si muove su tre archi temporali, in cui, alla vita di Elvis, si alterna la narrazione dell’evoluzione del mondo dello spettacolo e della musica, in cerca di rivoluzione e nuove prospettive.

Elvis è un film diretto in maniera impeccabile e interpretato egregiamente da Hanks e dal giovane Butler, ma col neo di una profondità scarsa, nel senso che l’uomo Elvis risulterà in fin dei conti poco approfondito.

La versione Steelbook 4K Ultra HD è rilevante, densa di contenuti extra di approfondimento sulla storia musicale di Elvis, sulle sue influenze musicali a partire dal gospel che lo ha formato, su come egli abbia incarnato il mito americano; sull’impatto di Elvis nella società anni ’50 e su quanto il suo essere trasgressivo abbia fatto inorridire una certa parte di stampa e infervorare le masse; sul lavoro che il cast tecnico ha dovuto affrontare nella scelta dei brani di Elvis, dopo una lunga selezione; sulle locations scelte per il film e sul viaggio di parte del cast tecnico e artistico nella tenuta di Elvis a Graceland, a Memphis, nel Tennessee, poi riprodotta sui vari set in Australia; sul lavoro scenografico basato su tre decenni e sullo studio delle architetture e delle mode anni ’50. Chiude la sezione extra, momenti musicali tratti dal film.

Gilda Signoretti

ELVIS

Voto film: 

Voto Blu-Ray: 

Regia: Baz Luhrmann

Con: Tom Hanks, Austin Butler, Olivia DeJonge, Helen Thomson

Formato: 2160p Ultra High Definition 16×9 2.4:1

Audio: Dolby Atmos-TrueHD; Italiano, Inglese, Tedesco Dolby Doigital; Dolby Digital Spagnolo 5.1

Extra: Bigger Than Life: The story of Elvis; Rock’n Roll Royalty: The music and artists behind Elvis; Fit for a King: the style of Elvis; Viva Australia: Recreating Iconic Locations for Elvis; Video Musicale di Trouble con testo; Music moments

Distribuzione: Warner Bros. Pictures

InGenere Cinema

x

Check Also

Visions of Suffering, Hyde’s Secret Nightmare e XXX Collection a novembre in Italia con TetroVideo

A partire da oggi, 23 novembre, sul sito ufficiale TetroVideo e sul sito ...