Home / Recensioni / In sala / POWER RANGERS di Dean Israelite

POWER RANGERS di Dean Israelite

Cinque studenti provenienti da situazioni borderline, famiglie disfunzionali e con apparentemente un unico grande dono: sapersi cacciare nei guai. Guai grossi, con la “G” maiuscola, come quello in cui riesce ad infilarsi il promettente Jason Lee Scott [Dacre Montgomery] che, proprio sulla soglia di una carriera sportiva che lo avrebbe portato tra le stelle del football, riesce ad architettare uno scherzo che, invece di finire con una grande mucca legata negli spogliatoi della squadra, si conclude con un inseguimento della polizia, un plateale incidente e l’arresto ai domiciliari! Così, o quasi, è anche per gli altri: Kimberly [Naomi Scott], collegata ad un caso di cyber-bullismo; Billy, orfano di padre e con lievi problemi di autismo, per questo bersagliato dai bulli della scuola [RJ Cyler]; e gli aspiranti duri Trini [Becky G.] e Zack [Ludi Lin].

È proprio la loro naturale propensione all’affidarsi all’accidentale per farsi trasportare dal caos che, invece di passare il proprio tempo sui libri in vista del corso di recupero che sono costretti a seguire, si ritrovano nottetempo all’interno di una miniera.

Billy, che da ragazzino frequentava quel posto insieme al padre, a caccia di tesori, porta con sé una carica esplosiva e fa saltare in aria parte della parete rocciosa, riportando in superficie cinque medaglioni colorati: uno rosso, uno rosa, uno nero, uno blu e uno giallo.

Dopo l’ennesima fuga rocambolesca e un altro incidente apparentemente mortale, i cinque ragazzi si ritrovano all’interno delle loro stanze da letto, con in tasca un medaglione… e dei poteri inaspettati che gli regalano agilità, potenza e resistenza davvero fuori dall’ordinario. Questo, ovviamente, è soltanto l’incipit che accompagnerà i cinque giovani, fino ad allora sconosciuti l’uno all’altro, ad ascoltare gli apparenti vaneggiamenti dall’anima di un extraterrestre, Zordon, rinchiusa nei monitor di un’astronave e quelli di un simpatico robot, Alpha 5.

Nonostante siano inizialmente molto restii ad accettare la loro nuova realtà, i 5 protagonisti sono destinati a diventare i nuovi Power Rangers, guerrieri interplanetari con il compito di difendere il cristallo della vita nascosto all’interno del pianeta Terra, in questo caso dalle brame dalla malvagia Rita Repulsa [Elizabeth Banks].

Il franchise nipponico, ritradotto e riadattato dagli americani negli anni ’90 per diventare un successo televisivo anche in occidente, ritorna a vivere su grande schermo, affidato alle mani artisticamente giovani del regista sudafricano Dean Israelite.

I nuovi Power Rangers partono davvero bene! Un incipit ben riuscito, quello che presenta i vari ragazzi, li cala nella realtà della piccola cittadina di Angel Grove, che sonnecchia placida non potendo ancora sapere di essere la custode del cristallo della vita dell’intero pianeta!

I personaggi vengono descritti bene, e gli attori sanno accompagnarli tra una scena e l’altra, facendo facilmente interessare il pubblico… Ma qualcosa smette di funzionare, maledizione, proprio quando i cinque normali perdigiorno iniziano il loro cammino iniziatico di trasformazione!

Subito dopo aver scoperto di possedere poteri straordinari, l’interesse scema proprio durante il primo ingresso all’interno dell’astronave. Ma come?!?

Purtroppo sì: i cinque accettano l’esistenza stessa di una nave spaziale bloccata tra le rocce in maniera troppo passiva, discutono con un alieno defunto e con un robot… per poi iniziare un “allenamento” che pare davvero infinito, e conducono con troppa faciloneria lo spettatore ad uno scontro finale con mostroni, robottoni e tutti gli “effetti speciali” che la vecchia serie TV presentava in modo più casereccio e “orientale”, qui realizzati in CGI.

Ingredienti usati in maniera più sapiente e amalgamati con qualcosa di differente dal moralismo un po’ fastidiosetto che, invece, decide di scaricarci dentro lo sceneggiatore Gatins, avrebbero dato al film uno svolgimento e una chiusa assolutamente più organici e riusciti. Coscienti sempre di star parlando di qualcosa di dolcemente ludico… Ah! A questo proposito c’è anche un cattivone che viene spedito fuori dall’orbita terrestre con un pugno!

Luca Ruocco

POWER RANGERS

Regia: Dean Israelite

Con: Dacre Montgomery, Naomi Scott, RJ Cyler, Becky G., Ludi Lin

Uscita in sala in Italia: giovedì 6 aprile 2017

Sceneggiatura: John Gatins

Produzione: Saban Brands, Toei Company, Temple Hill Productions, Lionsgate

Distribuzione: 01 Distribution

Anno: 2017

Durata: 124’

InGenere Cinema

x

Check Also

RAVENNA NIGHTMARE FILM FEST: Tutte le novità dell’edizione 2021

Ravenna, 19 ottobre 2021. Si è conclusa la conferenza stampa di presentazione ...