Home / Recensioni / In sala / TARTARUGHE NINJA – FUORI DALL’OMBRA di Dave Green

TARTARUGHE NINJA – FUORI DALL’OMBRA di Dave Green

Tartarughe-Ninja-Fuori-DallOmbra-Poster-Ufficiale-Italia-656x1024Il secondo film del nuovo franchise dellle Tartarughe ninja è meno centrato del precedente.

L’aria che tira è la stessa di quel grosso giocattolone tirato fuori dalla stanza del produttore Michael Bay e lasciato in mano a Jonathan Liebesman, ma questo secondo film, firmato da Dave Green, è ancor più puntato sul versante dell’azione che basti a sé stessa, senza bisogno di una storia.

Il piano è chiaro: stordire chi guarda con i combattimenti acrobatici dei quattro fratelli guscio-muniti, per poi nascondere la mancanza di ciccia con gli assi nella manica disponibili: Megan Fox nei panni della giornalista April O’Neil e una sequela di comprimari pittoreschi tirati fuori per l’occasione.

Non si era fatto, infatti, mistero che i quattro mutanti ninja avrebbero affrontato in Tartarughe Ninja – Fuori dall’ombra Bepop [Gary Anthony Williams] e Rocksteady [Stephen Farrelly], due delinquenti di bassa lega mutati in un uomo-facocero e un uomo-rinoceronte, e Crang, alieno “cervelliforme”, reso particolarmente bavoso da una produzione esagerata di liquidi corporei che lo rendono viscido ancor più che pericoloso.

tartarugheninja-fuoridall'ombra2Al fianco delle tartarughe e di April si schiererà, invece il Casey Jones di Stephen Amell.

L’equazione “più fracasso uguale più distrazione e intrattenimento”, però, trova triste specchio in quella “più azione uguale più noia”, nonostante alcuni buoni momenti che raccontano la quotidianità delle tartarughe e del maestro Splinter, o il pur assai didascalico momento di presentazione [se ce ne fosse stato bisogno] dei quattro protagonisti al pubblico, ognuno con le proprie caratteristiche caratteriali e fisiche spiattellate come si deve per non lasciare nulla all’immaginazione e all’intuito di chi guarda.

tartarugheninja-fuoridall'ombra3Rugginoso e con qualche buco funzionale anche l’inserimento del meccanismo di teletrasporto attraverso cui Crang e Shredder avrebbero dovuto conquistare il mondo.

Un film che lascia davvero poco da dire e che si esaurisce nell’ancora una volta buona caratterizzazione e realizzazione dei suoi personaggi mutanti.

Ah, c’è anche un cosplay assai evoluto che fa il verso ai Transformers di Bay per le strade dell’Halloween di New York.

Poi basta.

Luca Ruocco

TARTARUGHE NINJA – FUORI DALL’OMBRA

Regia: Dave Green

Con: Pete Ploszek, Noel Fisher, Jeremy Howard, Alan Ritchson, Danny Woodburn, April O’Neil, Stephen Amell

Uscita in sala in Italia: giovedì 7 luglio 2016

Sceneggiatura: Josh Appelbaum, André Nemec

Produzione: Gama Entertainment Partners, Nickelodeon Movies, Paramount Pictures

Distribuzione: Universal Pictures

Anno: 2016

Durata: 112’

InGenere Cinema

x

Check Also

Cubo Cine Award 2021: tra i Freaks di Gabriele Mainetti e il premio alla carriera per Enrico Vanzina

“Con Cubo Cine Festival si arricchisce ulteriormente il calendario di eventi che ...