Home / Recensioni / In sala / IL LIBRO DELLA GIUNGLA di Jon Favreau

IL LIBRO DELLA GIUNGLA di Jon Favreau

Il-libro-della-giungla-1È ormai da qualche anno che la Disney sta proponendo delle versioni in live-action dei suoi classici d’animazione del passato. Dopo Maleficent [tratto da La bella addormentata nel bosco] e Cenerentola [dal classico del 1950], tocca a Il libro della giungla, ispirato ai racconti di Rudyard Kipling.

La storia non è poi così diversa dal classico del 1967: il piccolo Mowgli [Neel Sethi], cresciuto nella giungla, è costretto suo malgrado ad abbandonare il posto dove vive per scampare alle minacce della tigre Shere Khan. Nel suo viaggio per raggiungere un luogo più sicuro, Mowgli si ritroverà fra le spire del pitone Kaa, alla corte del gigantopiteco Re Luigi, ma soprattutto farà la conoscenza dello spensierato orso Baloo.

In questa versione, la figura di Mowgli viene resa ancor più interessante e approfondita: vediamo un bambino più maturo e meno capriccioso rispetto alla versione animata, che dimostra di essere particolarmente ingegnoso costruendo utensili e aggeggi vari, usufruendo della natura attorno a sé e semplificando così la vita di tutti i giorni, cosa praticamente impossibile per i suoi compagni animali. Oltre a questo, dà prova di un enorme coraggio, scegliendo di abbandonare il suo branco per evitare una sanguinosa rappresaglia da parte della feroce tigre, a differenza della controparte animata che intendeva restare imperterrito senza ascoltare i saggi consigli della pantera Bagheera.

Il-libro-della-giungla-2Insomma, giustamente un’evoluzione del personaggio, che dimostra di non essere una presenza del tutto fuori luogo, ma di potersi adattare a suo modo e continuare a vivere in quell’ambiente, senza per forza ricorrere all’esilio nel villaggio degli uomini.

Con Il libro della giungla si ritorna di nuovo bambini, a un tempo in cui si stava seduti a gambe incrociate sul tappeto di casa davanti alla televisione, guardando i personaggi animati presi dalle loro avventure grazie a una videocassetta. E questo salto temporale non è dovuto solo alla somiglianza fisica del piccolo Mowgli alla sua controparte animata, ma anche alle canzoni che sono state riproposte, come “Lo stretto indispensabile” e “Voglio essere come te”, nonché altri temi musicali. Solo che questa volta il “bambino” si ritrova davanti le versioni aggiornate dei vari personaggi, grazie all’impeccabile utilizzo della computer grafica che ripropone gli animali nella maniera più verosimile, senza renderli “cartooneschi”, e una giungla colorata e realistica da lasciare sbalorditi.

Il-libro-della-giungla-3Nella versione originale del film, il regista Jon Favreau ha radunato un cast vocale composto da grandi star: da Bill Murray a Scarlett Johansson, da Sir Ben Kingsley a Idris Elba. Anche per la versione italiana la Disney ha chiamato un gruppo di attori di tutto rispetto, composto da Neri Marcoré, Toni Servillo, Violante Placido, Giovanna Mezzogiorno e Giancarlo Magalli. Questi ultimi due risultano forse essere i più convincenti, insieme a Marcoré, in particolare Magalli come voce di King Louie che regala un’interpretazione recitativa e canora da lasciare stupefatti.

Il-libro-della-giungla-4E sì, non è un errore: viene chiamato “King Louie”, purtroppo. Forse questa risulta essere l’unica pecca della versione italiana, perché naturalmente la Disney non vuole che il bambino italiano interessato a comprare il giocattolo di Re Luigi rimanga troppo confuso nel vedere che sulla scatola c’è scritto “King Louie”, quindi meglio lasciare il nome in originale, onde evitare il dubbio che si tratti o meno dello stesso personaggio e abbandonare l’acquisto.

Per concludere, Il libro della giungla risulta essere una buona riproposizione delle avventure di Kipling, che non mancherà di far sognare le nuove generazioni, sia che scoprano il film sul grande schermo, sia che lo scoprano seduti sul tappeto di casa, con le gambe incrociate, davanti ad uno schermo in alta definizione, grazie a un Blu-ray Disc.

Luca Pernisco

IL LIBRO DELLA GIUNGLA

3 Teschi

Regia: Jon Favreau

Con: Neel Sethi e le voci italiane di Neri Marcorè [versione originale: Bill Murray], Toni Servillo [Ben Kingsley], Alessandro Rossi [Idris Elba], Violante Placido [Lupita Nyong’o], Giovanna Mezzogiorno [Scarlett Johansson], Giancarlo Magalli [Christopher Walken], Luca Biagini [Giancarlo Esposito]

Uscita sala in Italia: giovedì 14 aprile 2016

Sceneggiatura: Justin Marks

Produzione: Walt Disney Pictures, Fairview Entertainment

Distribuzione: Walt Disney Studios Motion Pictures Italy

Anno: 2016

Durata: 106’

InGenere Cinema

x

Check Also

Vespertilio Awards: Il nuovo premio italiano per il cinema horror!

Arriva la prima edizione del Vespertilio Awards, un riconoscimento cinematografico italiano del panorama ...