Home / Recensioni / Editoria / Crime City Comics 2015: DYLAN DOG BLACKSTAGE

Crime City Comics 2015: DYLAN DOG BLACKSTAGE

blackstage-2Ne aveva parlato già lo scorso anno in occasione della tre giorni di incontri, mostre ed eventi legati all’imminente inizio della Fase 2 della storia dell’Indagatore dell’Incubo guidata da Roberto Recchioni.

A un anno di distanza, con lo scarto di qualche mese dall’esordio del “nuovo/vecchio” Dylan Dog, lo staff del Crime City Comics torna sul pezzo con maggiore cognizione rispetto ai momenti, interni ed esterni, che la gestione Recchioni ha già messo in atto sul personaggio e sulle varie proposte editoriali legate alla testata.

Castiglione dei Pepoli è stata, quindi, anche stavolta, cornice di un Crime City Comics legato alla testata horror di casa Bonelli: ancora una volta tre giorni, 10-11-12 luglio, in cui appassionati del fumetto e interessati hanno avuto l’occasione di vivere, all’interno della suggestiva location dell’appennino tosco-emiliano, incontri, tavole rotonde e workshop insieme ad alcuni dei fautore della seconda fase della saga di Dylan Dog.

blackstage-1Roberto Recchioni, Paola Barbato, Angelo Stano, Nicola Mari, Gigi Simeoni, Bruno Brindisi, Carlo Ambrosini, Lorenzo De Felici… Autori che sarà possibile ritrovare all’interno del sempre curatissimo catalogo [Blackstage è il titolo di quest’anno]: un volume che raccoglie interviste inedite, tavole [alcune ancora non pubblicate], disegni e schizzi inerenti la serie regolare e tutte le altre pubblicazioni parallele di casa a Craven Road 7.

Il lavoro redazionale impostato da Recchioni nella Fare 2 si è da subito distinto per un essere riuscito a creare un interesse ormai sopito intorno alle uscite legate all’indagatore londinese [solleticando non poco anche gli appetiti di contestatori e rimpiangenti].

Ancor più della concreta funzionalità del nuovo corso narrativo delle storie [l’attenzione degli autori delle nuove storie sembra finora volta principalmente al creare un terreno fertile per dei frutti ancora in via di maturazione], il reale carico esplosivo messo finora in atto è stato proprio quello di regalare un’identità 2.0 non tanto all’Indagatore di Tiziano Sclavi, ma ad ognuna delle pubblicazioni legate al personaggio.

blackstage-4È così che al fianco di importanti cambiamenti strutturali come il pensionamento dell’ispettore Bloch [e la scoperta del suo nome di battesimo], l’arrivo di un nuovo ispettore davvero poco collaborativo nei confronti di Dylan, l’inserimento del nuovo super-villain John Ghost, l’adombrarsi della figura di Groucho e l’avvicinamento forzato di Dylan Dog alla per tanto tempo rifiutata tecnologia, la prima vera rivoluzione che salta all’occhio è proprio quella di voler specializzare ogni uscita ad una precisa realtà del multi-universo di Dylan Dog.

Proprio in linea con questo nuovo lavoro, Crime City Comics struttura l’imperdibile catalogo [e le mostre dell’evento].

Come lo scorso anno, Marco Nucci conduce il lettore attraverso le varie tappe del discorso a due voci [la sua e quella dell’intervistato] su Dylan Dog.

Dopo un’introduzione di Franco Busatta, “Alla fine dell’adolescenza”, che fotografa il momento di passaggio alla nuova fase, il volume segue i gradini della “serie regolare” [con interviste a Roberto Recchioni, Gigi Simeoni e Paola Barbato]; del “magazine”, ormai dedicato alle avventure da solista dell’ex ispettore Bloch, [con intervista a Bruno Brindisi]; dello “speciale” – spazio per l’universo parallelo di Alessandro Bilotta con un Dylan Dog abitante di una Londra invasa dai morti viventi – [con intervista a Giampiero Casertano, e uno speciale intervento dello stesso Bilotta]; dell’”Old Boy” [ex Maxi] – lo spazio narrativo in cui Dylan Dog e il suo mondo rimarranno immutati, come se mai fosse stata attuata la Fase 2 [interviste a Montanari e Grassani; Carlo Ambrosini; al “Color Fest” [con intervista a Lorenzo De Felici].

blackstage-3All’interno le incursioni di Michele Medda, Nanni Cobretti, Alessandro Ercolani, lo speciale di Nucci su Paolo Bacilieri, autore del rebus-logo di questa testata del CCC e la postfazione di Giampiero Casertano.

In chiusa dei brevi estratti dagli script di “…E cenere tornerai”, di Paola Barbato, Anime di Pietra di Ambrosini e Il male sotto il mare di Ratigher  con raffronto disegnato [da Raul e Gianluca Cestaro; Ambrosini; Baggi]  a lato.

Per acquistare il prezioso catalogo e il resto del merchandising: http://www.crimecitycomics.com/shop/

Luca Ruocco

Crime City Comics 2015: DYLAN DOG BLACKSTAGE

3.5 Teschi

Autore: Marco Nucci [a cura di]

Editore: Ass.ne Culturale Officina >15 – Crime City Comics [www.crimecitycomics.com]

Pagine: 128

Illustrazioni/Foto:

Costo: 24,00 euro

InGenere Cinema

x

Check Also

CURSE OF THE BLIND DEAD di Raffaele Picchio

Raffaele Picchio, regista di Morituris, nel 2020 torna alla regia a quattro ...