Home / Recensioni / Editoria / ORFANI Vol.3 e DIMENTICA IL MIO NOME

ORFANI Vol.3 e DIMENTICA IL MIO NOME

orfanivolume3Torniamo a parlare di Bao Publishing, o meglio, dei preziosi volumi editi e distribuiti dalla rampante casa di libri illustrati e fumetti, per presentarvi due importanti uscite: la prima, il terzo volumone degli Orfani di Recchioni e Mammuccari, rappresenta il penultimo passo della “versione definitiva” della saga war/sci-fi che sembra sia riuscita a donare fresca linfa vitale alla Sergio Bonelli Editore [che fosse la prima serie bonelliana ad essere stata realizzata a colori, ormai, è dato per assodato, ma Ofani ha anche il primato di essere stata la prima serie dell’editore milanese ad approdare in TV con una serie motion comic in onda ogni sabato su Rai4].

L’altro, Dimentica il mio nome è il nuovo atteso libro a fumetti del giovane autore romano noto come Zericalcare, che per i tipi di Bao, ormai, è davvero uno di famiglia.

Cosa succede nel terzo, pregno, volume di Orfani, vi rimandiamo per un “sunto delle puntate precedenti” alle nostre recensioni dei volumi 1 e 2 [qui e qui]. La contemporaneità degli episodi raccolti nel terzo tomo [il 7, l’8 e il 9 usciti in edicola] raccontano il punto di svolta che porterà, chi segue le uscite regolari di Orfani già sa, alla seconda stagione: Ringo.

Ed è proprio il personaggio del “Pistolero” la chiave di volta della guerra condotta dall’esercito terrestre, e dalla squadra degli Orfani in primis, contro la razza aliena che ha ridotto millenni di civiltà umana in polvere, rabbia e rancore.

Proprio Ringo, eclissatosi giusto il tempo per riuscire ad osservare da un’altra prospettiva la realtà armata in cui era stato calato fin da ragazzino, è ora riuscito a rubare la verità di bocca a chi la custodiva gelosamente, gongolandosi come una divinità, e ora sta per regalarla all’intera umanità.

Sarà la rivoluzione, ma c’è qualcuno pronto a rendere molto difficile questa rinascita ad una realtà più cosciente. Importanti colpi di scena ed evoluzioni nei rapporti tra i cinque protagonisti guerrieri della serie di Recchioni e Mammuccari, in un volume che, come dichiarato dagli stessi autori, punta stavolta l’attenzione in modo particolare sul lavoro fatto dagli abili colorist della serie, che vive di nuova vita nel volumone Bao [e lo si può saggiare, soprattutto, nel primo degli episodi raccolti].

Gli autori che troverete in Orfani vol. 3 sono, oltre ai due creatori: Giorgio Santucci, Alessandro Bignamini, Davide Gianfelice, Gigi Cavenago, Werther Dell’Edera, Massimo Carnevale.

Come al solito, grande e accurato lavoro per quanto riguarda il reparto “extra”, con le dichiarazioni degli autori, disegni, bozzetti di preparazione e gli studi di copertine di Carnevale.

dimenticailmionomeDimentica il mio nome, invece, è un prezioso album di famiglia, e come tale è carico di una sacralità “altra”, che sarebbe stata fruibile esclusivamente per i protagonisti degli scatti, se di un verso album di ricordi si fosse trattato, ma che, essendo una storia a fumetti, diventa materia narrativa luminosa, rivolta al grande pubblico.

Zerocalcare, però, usa le pagine di Dimentica il mio nome come un grande diario segreto, per raccontare una storia al tempo stesso molto giovane e matura, sospesa tra il reale e il fantastico, l’immaginato. E racconta in maniera davvero assai originale il passaggio all’età matura  [“Ma poi quando si fa il passaggio da ragazzo a uomo? Possibile che non mi sono accorto che avevo finito il livello? Sicuro mi sono scordato di salvare.”], e il cambio di consegna delle redini della vita [delle responsabilità… dei segreti di famiglia] dalla nonna, alla mamma, allo stesso Zerocalcare.

Il tutto si inserisce perfettamente nel lavoro di popolare fumetto di pancia e di testa portato avanti dall’autore negli altri volumi pubblicati,  o anche sui social network, o ancora sul blog e sulle altre strip pubblicate nei periodici: con la coscienza-armadillo, la cultura nerd fatta di riferimenti riconoscibili, se non addirittura felicemente spiattellati.

E la genealogia fantastica, un po’ vera e un po’ no, che fa da magma narraivo a Dimentica il mio nome suona come uno strano [ma davvero invitante e cordiale] invito dell’autore a condividere, insieme alla storia e alla riuscita ironia, anche un po’ di vita vera.

Luca Ruocco

ORFANI vol. 3

4 Teschi

Autori:  Roberto Recchioni, Emiliano Mammuccari, Giorgio Santucci, Alessandro Bignamini, Davide Gianfelice, Gigi Cavenago, Werther Dell’Edera

Editore: Bao Publishing [www.baopublishing.it]

Pagine: 352

Illustrazioni/Foto:

Costo: 27,00 euro

DIMENTICA IL MIO NOME

3.5 Teschi

Autori:  Zerocalcare

Editore: Bao Publishing [www.baopublishing.it]

Pagine: 236

Illustrazioni/Foto:

Costo: 18,00 euro

InGenere Cinema

x

Check Also

HIDDEN – Verità Sepolte: Online il trailer del film ispirato a fatti realmente accaduti

A distanza di due anni dall’horror Caleb, ecco che il primo poster ...