Home / Recensioni / Home Video / NUOVO CINEMA PARADISO di Giuseppe Tornatore

NUOVO CINEMA PARADISO di Giuseppe Tornatore

Nuovo Cinema Paradiso copertinaNon poteva farci regalo più bello CG Home Video! É uscito in blu-ray uno dei film più belli e importanti della storia del cinema italiano: Nuovo Cinema Paradiso, il secondo film, dopo Il camorrista, di Giuseppe Tornatore.

Il film, al quale sono stati conferiti numerosi premi, tra tutti l’Oscar per il Miglior Film Straniero nel 1990, è un poetico e commovente tributo al cinema, quasi un atto doveroso verso una forma d’arte che non ha mai smesso di divertire, piangere, spaventare, meravigliare o sognare.

Nuovo Cinema Paradiso è un film drammatico, estremamente sensibile e delicato, scritto dallo stesso regista siciliano. Il film è da considerarsi in parte come un’autobiografia del regista, e dall’altra come un’analisi romantica degli effetti che il cinema ha avuto sugli spettatori da sempre. Tra censure, scandali cinematografici ammoniti dalla chiesa, storie di vita vera legate da medesimi percorsi, e personaggi vinti dai loro stessi rimorsi e dalle scelte compiute in passato che hanno avuto ripercussioni amare sul loro futuro – e molto altro ancora – Nuovo Cinema Paradiso rasenta la perfezione.

Poco importa se il Salvatore impersonato da Jacques Perrin non sia simile d’aspetto al Salvatore bambino impersonato dall’espressivo e bravissimo Salvatore Cascio, perché l’impegno e la maestosità che Tornatore riesce a dare a questa sua seconda fatica è così evidente che anche questo, ed eventuali altre imprecisioni, passano quasi inosservate.

NCD foto 1Il film è un viaggio all’indietro compiuto da Salvatore [Jacques Perrin], un regista cinematografico che, assente dal suo paese d’origine, in Sicilia, da troppi anni, vi ritorna in occasione della morte di un uomo che non solo ha rappresentato la sua infanzia, ma che gli ha fatto, inconsapevolmente, da maestro di vita, facendolo innamorare al cinema: Alfredo [Philippe Noiret]. Questi gestiva un cinema in paese, l’unico presente, nel quale Salvatore, da bambino, si recava, e non solo per vedere i film, ma per osservare le modalità di lavorazione di Alfredo della pellicola, poi proiettata al cinema dalla cabina di proiezione.

La storia e la magia del cinema, le contestazioni da parte della chiesa per alcune scene considerate ignobili e contrarie all’etica cristiana [pur trattandosi di semplici baci], poi oggetto di censura, la passione del pubblico per il cinema,  l’amore, che entra nella vita di Salvatore, ormai adolescente [interpretato da Marco Leonardi], d’improvviso, travolgendolo, sono al centro di questo film, che celebra il cinema al pari di una divinità.

nuovo_cinema_paradisoCome in una storia d’amore vissuta al cinema, la relazione di Salvatore con Elena [Agnese Nano] è intensa, ma anche molto sofferta, e non avrà un lieto fine. É la nostalgia la protagonista di questo capolavoro di Tornatore, che ha tanto da insegnare e tanto su cui riflettere. Salvatore vorrebbe tornare indietro, e rivivere il suo passato, ma ciò per lui costituisce una ferita, meglio quindi fuggire, come ha fatto per tanti anni, nascondendo e cercando di dimenticare anni spensierati, nonostante la povertà e la tragedia della perdita di un padre.

Ad attenderlo c’è lei, la madre [la straordinaria Pupella Maggio], sempre lì, al suo posto, sola da sempre, così felice di rivedere quel figlio che ha cancellato ogni legame con il suo paese, e che si rivela più fragile di quanto essa stessa possa credere.

E che strano effetto, per Salvatore è rivedere Ignazino [Leo Gullotta], l’ormai vecchio custode del cinema “Nuovo Cinema Paradiso”, con problemi mentali, ma soprattutto tornare nella piazza, il luogo in cui, molti anni prima, sorgeva il cinema, e ripercorrere il momento, tormentato, della sua demolizione.

Cinema ParadisoNuovo Cinema Paradiso è un incontro di arti nel quale la scenografia, il montaggio, la sceneggiatura, la fotografia [di Blasco Giurato, che ha curato anche la fotografia di Tornatore, come Una pura formalità e Il camorrista], e ogni altra componente tecnica, si fondono insieme per creare un nucleo unico, inseparabile e compatto. Come non osannare il contributo musicale offerto al film dal maestro Ennio Morricone, probabilmente tra le più belle colonne di sempre: toccante, struggente, eppure così rassicurante.

Non di poco conto il cast, nel quale primeggiano Philippe Noiret,  la compianta Pupella Maggio e, seppur in un ruolo secondario, Leo Gullotta, e nel quale troviamo un giovanissimo Marco Leonardi con Agnese Nano, qui al suo secondo film [attrice molto valida che vorremmo tornare a vedere al film, con ruoli principali], e Antonella Attili, che ritroviamo anche in L’uomo delle stelle di Tornatore.

CG Home Video ci presenta una eccellente edizione blu-ray che contiene numerose, pur se brevi interviste: sia nel cast tecnico che nel cast artistico. Da evidenziare l’intervento di Tornatore, che racconta la genesi del film, l’influenza che ha avuto sulla sua vita il cinema parrocchiale a Bagheria, e il ricordo di un prete [nel film interpretato da Leopoldo Trieste], che, appassionato di cinema, si prodigava ogni giorno affinché le scene passionali venissero tagliate per pudore, per poi raccontare il suo rapporto con Fellini e alcuni aneddoti divertenti che lo legano allo storico produttore cinematografico Franco Cristaldi [di cui troviamo anche un breve intervento].

NCD foto 4Intense poi le riflessioni di Gullotta sul film e sulla sua lavorazione, dedicate anche al contributo che egli ha dato al personaggio di Ignazino, che ritroviamo nel finale, più vecchio e con uno sguardo sofferto.

L’edizione comprende poi alcuni estratti di recensioni apparse su quotidiani e riviste dell’epoca, come quella di Walter Veltroni, pubblicata su “Il Venerdì di Repubblica”, o di Lina Wertmüller; la galleria fotografica, la locandina italiana, francese, e cinematografica del film, e, infine, un piccolo spot dedicato ai premi vinti dalla Cristaldi Film [ad esempio con Cristo si è fermato a Eboli di Francesco Rosi, che ricevette il David di Donatello al miglior film e alla miglior regia, o Sedotta e abbandonata, di Pietro Germi, premiato con due David di Donatelllo, alla regia e alla produzione].

Gilda Signoretti

NUOVO CINEMA PARADISO

Voto film:

5 Teschi

Voto Blu-Ray

5 Teschi

Regia: Giuseppe Tornatore

Con: Philippe Noiret, Salvatore Cascio, Jacques Perrin, Pupella Maggio, Leo Gullotta, Marco Leonardi, Agnese Nano, Antonella Attili, Leopoldo Trieste

Formato: HD 1080 24p 1,85:1

Audio: Italiano DTS HD Master Audio 5,1, Italiano DTS HD Master Audio 2.0, Francese DTS HD Master Audio 2.0, Italiano Dolby Digital 5.1, Italiano Dolby Digital 2.0

Durata: 124′

Distribuzione: CG Home Video [www.cghv.it]

Extra: Commento audio del regista; Speciale interviste; Rencesioni; Locandine originali; Galleria fotografica; Premi Cristaldi Film

Gilda Signoretti

x

Check Also

GLI SPECIALI: Il trailer del film con i suoi supereroi italiani nell’era della pandemia

Rilasciato in anteprima il trailer ufficiale del film sui supereroi italiani Gli ...