Home / Recensioni / Home Video / HANSEL E GRETEL E LA STREGA DELLA FORESTA NERA e WE ARE WHAT WE ARE

HANSEL E GRETEL E LA STREGA DELLA FORESTA NERA e WE ARE WHAT WE ARE

hanselegreteforestaneradvd1I giovani fattoni di Pasadena hanno trovato il pusher ideale: una vecchina che coltiva nel giardino della sua casetta la migliore erba mai provata, che pare provenga della Foresta Nera.

La voce si sparge in fretta e in pochissimo tempo fuori dalla porta della casa dell’anziana spacciatrice si viene a creare un continuo circolo di clienti, felici di poter aspettare la propria dose mentre si sorseggia un the caldo sul divano della vecchia.

Peccato che l’anziana Agnes non sia solo una grottesca spacciatrice, ma anche una strega che, con la scusa della droga, attira giovani consumatori nella sua casetta per suggere dai loro corpi l’essenza stessa della giovinezza e tornare a tempi migliori, trasformando i giovani avventori in una sorta di morti viventi.

Ne fa le spese, quasi subito, il ragazzo di Gretel che, dopo essere andato a procurarsi un po’ di erba della Foresta Nera, scompare nel nulla, facendo scattare le ricerche di Gretel e di suo fratello Hansel che, del tutto inconsapevoli si cacceranno nella tana della strega cattiva.

hanselegreteforestaneradvd2Hansel e Gretel, che nel 2013 hanno goduto di un altro adattamento, ad opera di Tommy Wirkola, molto più cupo ed esplicito, tornano sullo schermo diretti da Duane Journey.

Il film, distribuito in DVD da Koch Media, a dire il vero ha assai poco a che fare con la storia dei fratelli Grimm, ma gioca di trasfigurazione calando i due fratelli in un universo grottesco, dove i dolci e il marzapane diventano droga, e la strega non divora i bambini, ma succhia via energia vitale per tornare ad essere giovane e avvenente.

Il film riprende, per spensieratezza, il mood degli horror anni ’80, pur non possedendone in pieno la verve, e dimostra di voler avere con un occhio attento verso le correnti più attuali dell’horror, come il torture, e di caricandosi di un’ironia, nelle intenzioni, diretta ai più giovani.

hanselegreteforestaneradvd3Quel che dispiace, però, è che il film giri a vuoto sin dall’inizio, mettendo sul piatto più di una situazione che avrebbe potuto fruttare bene, in ambito di teen horror o di horror-comedy, senza però riuscire a dominare il bollito messo in pentola… e si passa dal tavolo operatorio con organi asportati, alla deambulazione zombie, al feroce cane-famiglio della strega, che ruba spesso la scena ai fattoni.

Nel cast, interpreta la strega cattiva la Lara Flynn Boyle di Twin Peaks.

Fra gli extra: Spot TV 15’’; Spot TV 30’’; Trailer

Sempre in edizione DVD Koch Media, arriva negli store il We Are What We Are di Jim Mickle, remake americano [sarebbe meglio dire libero riadattamento] del Somo Lo Que Hay di Jorge Michel Grau.

wearewhatweare1Mickle affronta il tema del cannibalismo sotto la fioca luce domestica di una famiglia disfunzionale: i Parker hanno sempre avuto pochi contatti con le altre famiglie della loro piccola comunità e alla morte della moglie, Frank, il capofamiglia, reagisce trincerando sé stesso e i suoi tre figli, dietro una cortina ancor più alta di silenzio e malata religiosità.

E proprio nel distacco autoriale sta la mossa più importante, e riuscita, del remake: se nel film messicano l’antropofagia scavava nel dramma sociale, nel film USA, come da orrorifica tradizione americana, il male si rintana nella piccola provincia, e mette radici all’interno del nucleo familiare, che fa da incubatrice a fatti e “tradizioni incoffessabili”.

L’horror funziona proprio grazia alla commistione con le ambientazioni rurali e l’auto-reclusione fra le maglie di una vita svuotata da qualsiasi cosa e vessata da un modo assai sui generis di vivere il senso di colpa tipico del cattolicesimo, scardinando, però, da questo il peso dell’omicidio: utile a mandare avanti la famiglia, al sostentamento personale ma anche e soprattutto, richiesto da dio stesso, come tradizione di famiglia da perpetrare fino all’aberrazione e alla consunzione del proprio stesso corpo.

wearewhatweare4Il film, pur trattando una tematica assai affine allo slasher, è assai parco di dettagli orrorifici [ma si assapora a più riprese uno indigesto stufato di carne umano, al tavolo coi Parker], e i toni usati da Mickle sono più vicini al drammatico e alla detective story [portata avanti in maniera macabra e casuale, grazie ai ritrovamenti di piccoli frammenti di ossa, o di denti].

Da vedere, come l’originale di Grau.

Nel DVD 12 minuti di interviste ai realizzatori e il trailer, nei contenuti extra.

Luca Ruocco

HANSEL E GRETEL E LA STREGA DELLA FORESTA NERA

Voto film:

2.5 Teschi

Voto DVD: 

3disc copy

Regia: Duane Journey

Con: Molly Quinn, Michael Welch, Lara Flynn Boyle

Formato: 16:9 – 1.85:1

Audio: Italiano, Inglese 5.1 Dolby Digital

Durata: 83’

Distribuzione: Koch Media [www.kochmedia.it]

Anno: 2014

Extra: Spot TV 15’’; Spot TV 30’’; Trailer

WE ARE WHAT WE ARE

Voto film: 

3.5 Teschi

Voto DVD: 

3disc copy

Regia: Jim Mickle

Con: Ambyr Childers, Julia Garner, Odeya Rush, Bill Sage

Formato: 16:9 – 1.78:1

Audio: Italiano, Inglese 5.1 Dolby Digital

Durata: 83’

Distribuzione: Koch Media [www.kochmedia.it]

Anno: 2014

Extra: “La tradizione”; “La fuga”; “L’amore”; Trailer originale

 

InGenere Cinema

x

Check Also

IMMACULATE – LA PRESCELTA di MICHAEL MOHAN

L’estate 2024 pare essere la stagione degli Horror: tante sono le pellicole ...