Home / Recensioni / Delicatessen / SHARKNADO 2 di Anthony C. Ferrante

SHARKNADO 2 di Anthony C. Ferrante

sharknadoc2Dopo aver fatto esultare i nostri increduli occhi con il primo, grandioso titolo della saga, Ferrante torna a dirigere un seguito che soddisferà per certo i palati medio/esigenti, deludendo forse un pizzico i cultori della Asylum.

Il film si beneficia di una partenza assai godibile: a bordo di un aereo, nel quale regna la tipica atmosfera alla Snakes on a plane, il protagonista dell’episodio precedente, eroicamente sopravvissuto alle originali “precipitazioni”, gode del meritato riposo, assieme alla ritrovata moglie: a New York, meta del viaggio, la consorte presenterà il suo libro, dal titolo “Come sopravvivere ad uno Sharknado ed altri disastri soprannaturali” [..?]; questa idillica scena di rinnovata serenità famigliare, viene interrotta dall’intravedersi dietro le nubi in quota, illuminate sporadicamente dal sopraggiungere di un temporale, di ombre di grossi squali intenti a muoversi come girandole! Come il tutto continui, è facilmente immaginabile!

Che splendore, direte voi affezionati lettori di InGenere Cinema! Difatti, sino a questo spudorato teatrino d’apertura, il film sembra dover bissare la raccolta di “premi Oscar” fatta da Ben Hur. Riuscirà il belloccio Steve Sanders di Beverly Hills a salvare la Grande Mela, prima che un carcarodonte pasteggi con le sue interiora? [O prima che il regista stesso ne distrugga la dignità, seppellendo sotto metri di terra ciò che resta della sua carriera di attore con una terza pellicola?].

sharknadoc2-2Passiamo ora al lato critico: iniziamo col dire che il film merita pienamente di essere visto! Tutte le idee che avevano reso famoso [o famigerato, come dir si voglia] il primo capitolo, sono presenti: un misterioso tornado, intento a rastrellare con attenzione maniacale dall’oceano gigantesche e letali creature, senza però al suo interno far intravedere neanche un piccolo tonnetto o una semplice sardina [che gli squali siano dei grandi predatori anche in volo?]; il fatto che i suddetti pescioni, dopo aver percorso migliaia di chilometri turbinando ad oltre 500 km/h, una volta catapultati con la velocità di un missile fuori da una baraonda di squali terrorizzati dal vuoto, non trovino altro interesse che lo sbranare violentemente qualunque essere umano capiti a tiro; l’assoluta noncuranza riguardante le leggi fisiche che regolano il muoversi dei liquidi [l’acqua è praticamente un elemento semivivo, un golem elementare, intento a mitragliare di pesci ogni cosa che si muova e possegga un codice fiscale]; avvenimenti atti a rafforzare l’immagine del super uomo americano presente nel film, talmente sproporzionati da fare impallidire Rambo.

sharknadoc2-4Proprio riguardo quest’ultimo aspetto, dobbiamo fare una piccola nota di biasimo: in alcuni punti, le scene divengono così allucinanti da risultare esagerate, persino per un film dell’Asylum: sembra quasi si voglia dare un contentino ad un pubblico di fan affezionati, defraudando il titolo da ogni traccia di coerenza e lavandosi così letteralmente le mani per quanto concerne ogni altra qualità apprezzabile in un titolo di questo Genere. Per farla breve, una persona che non ami ridere – osservando un uomo saltare da un dorso all’altro di squali martello in puro tile “Frogger”,  o lo stesso roteare in aria, lanciato a chilometri di altezza da una titanica esplosione, intento ad uccidere squali sia nella fase di ascesa che in quella di discesa – difficilmente riuscirà a seguirlo, magari seduto accanto a voi; si aggiunge un’ulteriore nota negativa: probabilmente atto ad ovviare alle povertà di trama esagerata, prevista durante la fase di produzione, si è cercato di creare un momento di dramma famigliare davvero tedioso per la tipologia di pellicola.

sharknadoc2-5Ne risulta un film spezzato letteralmente a metà, con un inizio epico, una continuazione prolissa e balorda, ricca di banali moralismi, per poi nuovamente sfociare nelle più grandi esagerazioni mai create dinanzi allo schermo di un computer, punto cardine, l’eterna lotta uomo e squalo.

Senza pensarci troppo: guardatelo, non ve ne pentirete affatto; consigliato però espressamente ai soli fan sfegatati. A persone “felicemente normali” potrebbe risultare intollerabile e noioso.

Giuseppe Samuele Costantino

SHARKNADO 2 – THE SECOND ONE

3 Teschi

Regia: Anthony C. Ferrante

Con: Ian Ziering, Tara Reid, Vivica A. Fox, Kari Wuhrer

Uscita in sala in Italia: /

Sceneggiatura: Thunder Levin

Produzione: David Michael Latt

Distribuzione: /

Anno: 2014

Durata: 90 min.

InGenere Cinema

x

Check Also

Vespertilio Awards: Il nuovo premio italiano per il cinema horror!

Arriva la prima edizione del Vespertilio Awards, un riconoscimento cinematografico italiano del panorama ...