Home / Recensioni / In sala / TI RICORDI DI ME? di Rolando Ravello

TI RICORDI DI ME? di Rolando Ravello

locandina01 distribution fa centro: esce giovedì 3 aprile il secondo lungometraggio di Rolando Ravello, uno dei migliori attori del nostro cinema, che dopo Tutti contro tutti [del quale vi abbiamo parlato qui ], torna nel ruolo di regista con una commedia sentimentale che, vi assicuriamo, vi farà molto ridere ma anche commuovere.

Si, perché, come il precedente Tutti contro tutti, anche Ti ricordi di me? ha un’impostazione malinconica, che si sposa perfettamente con l’umorismo di cui si veste il film. La riuscita di questo film è dovuta, oltre che alla bravura registica di Ravello, anche alla completezza della sceneggiatura, scritta da Paolo Genovese, reduce dal successo di Tutta colpa di Freud, di cui è anche sceneggiatore, e Edoardo Maria Falcone [Stai lontana da me, di Viva l’Italia], con la collaborazione di Edoardo Leo.

Proprio Leo, un attore molto quotato, che abbiamo avuto modo di apprezzare nella brillante commedia Smetto quando voglio di Sidney Sibilia, è attore protagonista di Ti ricordi di me?, affiancato da Ambra Angiolini. Arricchiscono il cast Paolo Calabresi e Susy Laude, che fanno da contorno alla coppia protagonista.

Ti ricordi foto 1Ti ricordi di me? è tratta dalla divertente pièce teatrale scritta da Massimiliano Bruno [per la regia di Sergio Zecca], sceneggiatore che certo non ha bisogno di presentazioni, e che è lo sceneggiatore di Tutti contro tutti.

Roberto [Edoardo Leo] è un commesso di un supermercato che, per curare la sua patologia, la cleptomania, ha deciso di rivolgersi ad una psicoterapeuta [Pia Engleberth]. Nel tempo libero Roberto scrive favole surreali dai titoli stravaganti, come “La foresta dei barboni assiderati” o “ Alice nel paese dei terremotati”, che spera di pubblicare. Proprio sotto il portone di ingresso del palazzo dove ha sede lo studio della psicoterapeuta, Roberto incontra Beatrice [Ambra Angiolini], maestra elementare, anche lei in cura dalla psicoterapeuta per curare due disturbi: la narcolessia, che la porta ad avere accessi improvvisi di sonno, e l’ansia, che, come conseguenza di forti shock emotivi, la porta a frequenti perdite di memoria.

Ti ricordi foto 2Beatrice sta per sposarsi con Amedeo [Ennio Fantastichini], ma non è affatto felice della sua situazione sentimentale. Il suo problema è che così insicura da preferire l’idea di stare con un uomo che non la ama e la tradisce, piuttosto che pensare di rimanere sola, in balìa di sé stessa. Roberto perde letteralmente la testa per lei, e inizia a corteggiarla in un modo buffo, ma sincero, e Beatrice non ci metterà molto ad innamorarsi di lui. Nel frattempo, Valeria [Susy Laude] e Francesco [Paolo Calabresi], amici di Roberto, stanno vivendo una crisi matrimoniale, che sembra irreparabile…

Come tutte le favole, però, anche in questa semplice, ma vera storia d’amore, non manca la componente drammatica, che prende vita soprattutto nella seconda parte.

Ti ricordi foto 4La particolarità di Ti ricordi di me? sta proprio nei continui e imprevedibili colpi di scena, creati proprio dall’alternanza tra umorismo e tristezza, legati insieme da una buona dose di romanticismo. Molto divertenti le sedute di psicoterapia di gruppo che Roberto e Beatrice seguono, così come le numerose gag create dai due, con l’apporto di Francesco e di sua moglie Valeria.

Ti ricordi di me? è un film sulla gestione delle emozioni e sulle debolezze umane. I personaggi del film riescono a fare tesoro dei loro difetti per superarli e cercare di essere, in qualche modo, migliori. Apre il film proprio Ravello, nel ruolo di narratore di una favola nella quale prendono vita una Principessa, un Principe, Mangiafuoco e la Fata Turchina.

Gilda Signoretti

TI RICORDI DI ME?

3.5 Teschi

Regia: Rolando Ravello

Con: Edoardo Leo, Ambra Angiolini, Paolo Calabresi, Susy Laude, Pia Engleberth, Ennio Fantastichini

Uscita in sala in Italia: giovedì 3 aprile 2014

Sceneggiatura: Paolo Genovese, Edoardo Maria Falcone, Edoardo Leo

Produzione: Lotus Production con Rai Cinema

Distribuzione: 01distribution

Anno: 2014

Durata: 91′

 

 

Gilda Signoretti

x

Check Also

Vespertilio Awards: Il nuovo premio italiano per il cinema horror!

Arriva la prima edizione del Vespertilio Awards, un riconoscimento cinematografico italiano del panorama ...