Home / Recensioni / Home Video / R.I.P.D. – Poliziotti dall’Aldilà di Robert Schwentke

R.I.P.D. – Poliziotti dall’Aldilà di Robert Schwentke

ripd1Nick Walker [Ryan Reynolds] è un giovane poliziotto in carriera. Pur non navigando nell’oro, è felice della sua professione e della sua vita di coppia con la donna di cui è innamorato, e alla quale vorrebbe poter dare più di quanto il suo stipendio gli permette.

Proprio per questo il poliziotto si invischia, insieme al suo collega [Kevin Bacon], nell’occultamento di alcuni corposi manufatti d’oro massiccio rinvenuti durante una retata presso il covo di alcuni narcotrafficanti.

Nick non sa che proprio quel furto sarà la rampa di lancio per un passaggio esistenziale molto più “importante” di quello che lo vede trasformarsi da poliziotto onesto in corrotto.

Ne andrà, infatti, della sua stessa vita: Nick Walker sarà ucciso durante una sparatoria, ma non per mano di un malvivente.

ripd2La vita oltre la morte? Certo che esiste! E, anzi, da sempre uno speciale dipartimento delle forze dell’ordine dell’oltretomba, è intento a sorvegliare gli instabili equilibri tra aldiqua e aldilà, soprattutto sull’inquieta razza ibrida di alcuni deceduti ritornanti dalle fattezze mostruose e dal carattere iracondo, che riescono a mutare il loro aspetto fisico per introdursi tra i vivi e tentare di portare a termine il loro secolare piano di conquista del pianeta.

Nick viene subito arruolato nel Rest in Peace Department, con la promessa di un trattamento di tutto rispetto nel giorno del giudizio, e viene affidato alle cure del ben più rodato Roy Pulsipher [Jeff Bridges in un ruolo quasi auto-parodistico!], ex pistolero del west logorroico e pedante, con enormi manie di grandezza e un decesso vissuto in malo modo tra le fauci di un branco di coyote.

Il rapporto tra i due è inizialmente molto burrascoso, per l’impossibilità di accettare una morte così improvvisa del primo, la boriosa sicurezza di sé del secondo, e la difficoltà con cui entrambi si rapportano verso l’avere un partner di cui doversi fidare al cento per cento.

ripd4Ma tutto dovrà piegarsi ad una logica superiore quando il pericolo dell’invasione dei morti più iracondi si fa imminente e concreta.

Divertente filmetto ludico firmato da Robert Schwentke, tratto dall’omonimo fumetto di Peter M. Lenkov, R.I.P.D. – Poliziotti dall’Aldilà non tenta nemmeno di nascondere, fra i milioni di pixel che formano le sue creature mostruose, i suoi sfondi e vortici infradimensionali, i tanti punti di contatto con importanti cult della commedia fantastica internazionale.

Difficile scegliere, infatti, quale tra Ghostbusters  e Men in Black sia il film seminale più importante per la nascita e lo sviluppo di questo R.I.P.D., ma di certo più che numerosi sono i punti di contatto tra i tre titoli.

ripd3In Poliziotti dall’Aldilà, infatti, si ritrovano situazioni molto simili a quelle già viste nel film di Reitman, con gli acchiappa fantasmi all’inseguimento di creature goffe e orripilanti, in verità solo anime erranti di uomini non inclini all’idea di accettare il decesso! Per collegarci alla trilogia di MIB, invece, basterebbe iniziare a riconoscere la somiglianza tra la coppia formata da Tommy Lee Jones e Will Smith e quella Bridges/Reynolds, con l’elemento più anziano restio e sbruffone, e il nuovo arrivato del tutto impreparato agli eventi che dovrà affrontare.

Ma ci sono altre analogie: innanzitutto l’esistenza stessa di un’organizzazione para-militare segreta [gli Uomini in Nero e i Poliziotti Fantasma] che veglia sull’esistenza di una razza “altra” e pericolosa [gli alieni, e i morti mutanti].

Da non sottovalutare il fatto che entrambe queste razze possano vestire sembianze umane per nascondere un aspetto deforme e mostruoso.

ripd5Altre due analogie si ritrovano nel metodo adottato dai “difensori” per non lasciare traccia della propria esistenza nella memoria degli uomini che sono testimoni dei loro interventi: i MIB utilizzavano un piccolo apparecchio dotato di un flash capace di cancellare la memoria a breve e a lungo temine, mentre i RIPD appaiono alla vista dei vivi con le sembianze di persone del tutto differenti da come gli agenti sono in realtà [Roy è una vamp bionda, Nick un vecchio cinese].

Anche la struttura con cui alieni e morti sono organizzati, molto simile a quella di un’organizzazione criminale, ritorna da un film all’altro [con tanto di scena dell’informatore “costretto” a trasformarsi].

In definitiva un remake apocrifo in salsa Ghost di Jerry Zucker.

Luca Ruocco

R.I.P.D. – Poliziotti dall’Aldilà

Voto film

3 Teschi

Voto DVD

2.5dsc copy

Regia: Robert Schwentke

Con: Jeff Bridges, Ryan Reynolds, Kevin Bacon, Mary-Louise Parker

Durata: 92’

Formato: 2.35:1

Audio: Inglese, Italiano, Francese, Spagnolo 5.1

Distribuzione: Universal Pictures [www.universalpictures.it]

Extra: /

 

InGenere Cinema

x

Check Also

ABIGAIL di Matt Bettinelli-Olpin e Tyler Gillett

Matt Bettinelli-Olpin e Tyler Gillett sono due veri amici dell’horror. Con il ...