Home / Recensioni / Memorie dall'Invisibile / SPAGHETTI STORY di Ciro De Caro

SPAGHETTI STORY di Ciro De Caro

Spaghetti story locandinaSe aggirandovi nella capitale doveste imbattervi in uno dei quattro gatti meccanici made in Japan, con la zampa sinistra che fa su e giù, statuette assai gettonate nei negozi cinesi, niente paura: è iniziato il concorso Urban Game – Vinci il cinema con Spaghetti story, che vi permetterà di vincere un biglietto omaggio per assistere  alla visione di Spaghetti story, il primo lungometraggio di Ciro De Caro.

Il film, in uscita giovedì 19 dicembre, è distribuito nei cinema e nella associazioni culturali che collaborano al progetto Distribuzione Indipendente, una realtà distributiva nata per promuovere  il cinema indipendente d’autore e di genere. Per ogni informazione relativa sia al concorso che alle sale disponibili alla programmazione di Spaghetti story, potete visitare il sito web www.distribuzioneindipendente.it, così come la pagina facebook o il contatto twitter.

Vi segnaliamo inoltre che proprio giovedì 19 dicembre, alle 20:30, al Nuovo Cinema Aquila, che programmerà Spaghetti story, si terrà un incontro alla presenza del regista e dell’intero cast [http://www.cinemaaquila.com/evento/incontro-con-regista-e-cast-di-spaghetti-story/].

Spaghetti story foto 3Spaghetti story è una commedia con rimandi al giallo che arriva in sala dopo aver felicemente suscitato interesse in diversi festival italiani e stranieri. Il film si regge su quattro protagonisti, due ragazzi, Valerio [Valerio Di Benedetto] e Scheggia [Cristian Di Sante], e due ragazze, Giovanna, sorella di Valerio [Rossella D’Andrea] e Serena [Sara Tosti], compagna di Valerio.

Scheggia è un giovane spacciatore che, seppur mai a corto di soldi, rifiuta l’idea di andare a vivere da solo, preferendo continuare ad abitare in casa con sua nonna, un po’ svampita ma felice di occuparsi di lui. È un ragazzo molto furbo, che paventa una sfacciata sicurezza, dietro la quale, invece, si nasconde una profonda incoscienza unita a una certa fragilità e una buona dose di immaturità.

Scheggia e Valerio sono amici da una vita, ma pur condividendo alcuni aspetti, sono piuttosto diversi: Valerio infatti è un sensibile sognatore, mentre Scheggia è un freddo realista. Valerio è un trentenne che aspira a diventare attore, ma fa molta fatica ad emergere nell’ambiente. Non si accorge, però, che Serena, che cela un desiderio forte di maternità, è preoccupata per il loro futuro, così incerto. I lavori part-time che svolgono non bastano ad arrivare alla fine del mese, e rappresentano la causa delle loro tensioni.

Spaghetti story foto 4Giovanna, invece, non ha problemi economici, poiché vive nella casa lasciatela dei genitori e lavora come massoterapista. Vuole bene a Valerio, ma lo rimprovera continuamente perché egli continua a incaponirsi nel voler fare a tutti i costi  l’attore, non prendendo in considerazioni altre alternative. Anche Giovanna però ha le sue debolezze, e avrà modo di mostrarlo.

Tutti e quattro i personaggi hanno un animo buono, a partire da Valerio, che smetterà di dormire sonni tranquilli nel momento in cui gli capita di assistere alle violenze di una giovane prostituta da parte del suo sfruttatore.

Alla sceneggiatura De Caro ha lavorato con Rossella D’Andrea, che ha curato in particolar modo i personaggi femminili, cercando comunque con il regista di non perdere mai l’attenzione nei confronti di tutti e quattro i caratteri. Spaghetti story riflette le insicurezze dei giovani d’oggi, costretti a mettere da parte le loro ambizioni per fare lavori occasionali sottopagati e per nulla appaganti. È sbagliato però parlare di film drammatico, perché seppur De Caro tratta il tema della precarietà, che è spesso sinonimo di frustrazione, lo fa con leggerezza, servendosi della comicità.

Spaghetti story foto 1Spaghetti story, girato peraltro tre anni fa, è un film che permette dunque all’ironia di smorzare i toni amari e scoraggianti di una realtà lavorativa e sociale negativa, ma è un peccato però che lo faccia attraverso la costruzione di un ritmo lento, che fa perdere vivacità al film, colpa di un montaggio rigido che tronca spesso, e di netto, alcune sequenze. Non male la sceneggiatura, attenta proprio a caratterizzare [forse troppo] i protagonisti, ma che ha il grosso difetto di esasperare troppo la relazione tra Valerio e Serena, imbrigliandosi nella voglia di maternità di Serena che non aggiunge in fondo niente al personaggio, che è il meno interessante dei quattro.

Gilda Signoretti

SPAGHETTI STORY

2 Teschi

Regia: Ciro De Caro

Con: Valerio Di Benedetto, Cristian Di Sante, Rossella D’Andrea, Sara Tosti

Uscita in sala in Italia: giovedì 19 dicembre

Sceneggiatura: Ciro De Caro, Rossella D’Andrea

Produzione: PFA Films, Enjoy Movies

Distribuzione: Distribuzione Indipendente

Anno: 2013

Durata: 82′

Trailer:

InGenere Cinema

x

Check Also

LA FIERA DELLE ILLUSIONI – NIGHTMARE ALLEY di Guillermo del Toro

Guillermo del Toro torna al cinema con La fiera delle illusioni – ...