Home / Recensioni / In sala / IL TERZO TEMPO di Enrico Maria Artale

IL TERZO TEMPO di Enrico Maria Artale

terzotempo1Non è la prima volta che in Italia si affronta il Genere sportivo; già in passato si erano raccontati film sullo sfondo di uno sport che mettesse alla prova i propri protagonisti.

Basti pensare all’antesignano Gambe d’oro con Totò o al buon Ultimo minuto di Pupi Avati, senza dimenticare il lato divertente di questi prodotti con film come Il presidente del Borgo Rosso Football Club con Alberto Sordi o L’allenatore nel pallone con Lino Banfi.

Ora il giovane Enrico Maria Artale ha pensato bene di sviluppare una storia a sfondo agonistico, che però non sia incentrata sul nostro abusato mondo del calcio e che riesca a fare a meno della risata.

La specialità scelta è il rugby e l’ispirazione, più che venire dal nostro cinema, sembra più orientarsi verso i prodotti oltreoceano che recentemente hanno fatto la fortuna di vari lungometraggi analoghi [basti pensare al The fighter di David O. Russell, regista di riferimento di Artale stesso].

Il terzo tempo è la storia del giovane Samuel [Lorenzo Alchemy], un ragazzo problematico che ha da scontare dei domiciliari sotto la custodia di Vincenzo [Stefano Cassetti], un assistente sociale che ha giocato nel rugby e che ora allena una squadra locale.

terzotempo3Quest’ultimo, nonostante l’irruenza del giovane datogli in affidamento, vede in lui del potenziale e lo fa entrare in squadra, sebben Samuel non sia intenzionato a far gruppo con gli altri.

Ma man mano che il gioco si fa interessante, questi, però, trova forse finalmente quella valvola di sfogo e quel desiderio di sentirsi utile per la società e, nel frattempo, sboccia anche l’amore tra lui e Flavia [Margherita Laterza], la giovane figlia di Vincenzo.

In un panorama italiano dove da una parte abbiamo commedie dal facile guadagno e dall’altra film d’autore dall’incasso ben più improbabile, Il terzo tempo sembra essere una buona alternativa nostrana per chi è in cerca di nuove emozioni made in Italy.

E’ vero che qua i punti di riferimento vengono da un cinema internazionale, ma Artale riesce a non distaccarsi troppo dal nostro cinema e rimane in territori italiani per quanto riguarda la descrizione dei suoi personaggi, pedine emblematiche ed esistenzialmente afflitte, ben rese dai suoi protagonisti, tra cui spicca il bravo Richelmy, assecondato dall’incisività dell’affidabile Cassetti.

terzotempo2Nella parte della presidentessa della squadra troviamo, invece, una Stefania Rocca usata meno del previsto e tra gli altri attori l’Edoardo Pesce della serie Romanzo criminale.

Usando un facile gioco di parole, possiamo benissimo dire che Il terzo tempo, come già accennato prima, è una buona “terza” alternativa per chi cerca qualcosa di diverso nel cinema nostrano.

Mirko Lomuscio

IL TERZO TEMPO

3 Teschi

Regia: Enrico Maria Artale

Con: Stefania Rocca, Stefano Cassetti, Lorenzo Richelmy, Edoardo Pesce, Margherita Laterza

Uscita in sala in Italia: giovedì 21 novembre 2013

Sceneggiatura: Enrico Maria Artale, Francesco Cenni, Luca Giordano

Produzione: Filmauro-Centro sperimentale di cinematografia production

Distribuzione: Filmauro

Anno: 2013

Durata: 96’

 

InGenere Cinema

x

Check Also

TEBE AL TEMPO DELLA FEBBRE GIALLA di Odin Teatret

L’Odin Teatret, fondata nel 1964 dal regista italiano Eugenio Barba trasferitosi nei ...