Home / Recensioni / Home Video / IL COSPIRAZIONISMO SECONDO RON HOWARD

IL COSPIRAZIONISMO SECONDO RON HOWARD

codicedavinci1Sono passati quasi sette anni dall’uscita de Il Codice Da Vinci, uno dei film più discussi della storia del cinema, e quattro dal suo sequel, Angeli e demoni. A dirigere entrambi Ron Howard, il ragazzone che tutti ancora ricordiamo nei panni di Ricky in Happy days, e che ha all’attivo numerosi film [tra cui Cuori ribelli, A Beautiful mind, Cinderella Mind]. Se l’uscita dei due film, in particolare Il Codice Da Vinci, suscitò discussioni e critiche feroci, diatribe non meno violente scatenarono i due romanzi omonimi di Dan Brown, editi in Italia nel 2004, e uguale putiferio scatenerà il suo prossimo romanzo, Inferno, che uscirà nel nostro paese a maggio 2013.

Sony Pictures riporta l’attenzione su i due fanta-thriller, come sono stati curiosamente etichettati Il Codice Da Vinci e Angeli e demoni, e questa volta proponendo una nuova edizione Blu-Ray in versione extended cut [174 minuti il primo, 146 minuti il secondo], versioni impreziosite da una sezione extra davvero originale ed esauriente. In Il Codice Da Vinci, poi, i contenuti speciali sono particolarmente numerosi.

codicedavinci2Intanto è doveroso segnalare, in entrambi i film, il servizio interattivo MovielQ, una sorta di database che lo spettatore può consultare in qualsiasi momento, durante la visione del film, e quindi interrogare, ad esempio per approfondire e chiarire alcuni aspetti del film. A ciò si aggiunge la sezione Cinechat, attraverso la quale è possibile chattare con altri utenti durante la visione del film, o “Svelare il codice”, che ci porta dietro le quinte del film, e che ci accompagna in un viaggio di decifrazione del codice secondo una modalità picture in picture, e molto altro ancora.

Per Angeli e Demoni la sezione extra è più scarna, ma comunque apprezzabile, più mirata a spiegare, attraverso le interviste al regista, agli sceneggiatori e a Dan Brown, come è nata l’idea del film e come si è lavorato alla sceneggiatura. Due riedizioni avvero imperdili.

Il clamore nato intorno a Il Codice Da Vinci è stato senz’altro eccessivo. Il film non è così “potente” e “pericoloso” come è stato fatto credere, e senz’altro la sua struttura filmica ha molti buchi, il principale sta nella sceneggiatura, che tira in ballo troppe cause, e mette insieme tante situazioni e congegni complicati da comprendere, e che è certamente tediosa.

angeliedemoni1Howard punta su scene forti, come quella dell’autoflagellazione col cilicio di Silos, unico personaggio interessante, ma la cui personalità  non è assolutamente espressa, rimanendo perciò ai margini come gli altri personaggi, compreso il protagonista, l’esperto di simbologia Robert Langdon, noioso e per nulla incisivo, interpretato da Tom Hanks.

Più coinvolgente, perché meno complesso, ma ugualmente confusionario, è Angeli e Demoni, che Howard e i due sceneggiatori del film [David Kepp e Akiva Goldsman] hanno voluto rendere più dinamico e ritmico, e ciò attraverso numerose scene di azione. La storia, ambientata a Roma, e girata in gran parte in una San Pietro ricostruita, ruota intorno al rapimento di quattro cardinali, e proprio il prof. Langdon, accolto in Piazza San Pietro dal comandante della gendarmeria vaticana [PierFrancesco Favino], dovrà indagare sulla loro scomparsa studiando i simboli che fanno da contorno a questa storia. Non più quindi l’assassinio di un curatore del museo del Louvre, causa scatenante della fuga di Langdon, accusato dell’omicidio e alla ricerca del Santo Graal.

angeliedemoni3Le quasi due ore e mezza di durata di entrambi i film sono davvero difficili da digerire, perché la monotonia la fa da padrona. Ad ogni modo Howard, sia con Il Codice Da Vinci che con Angeli e Demoni è riuscito a far discutere e a dividere, ed è questo che, nel bene e nel male, non fa passare i due film nel dimenticatoio. Che Howard prenda ispirazione dall’ultimo romanzo di Brown per un adattamento cinematografico?

Da Angeli e demoni:

“Ernesto Olivetti: Lei è anti-cattolico?

Langdon: No, sono anti-vandalismo.”

 

Gilda Signoretti

IL CODICE DA VINCI

3 Teschi

Regia: Ron Howard

Con: Tom Hanks, Audrey Tautou, Paul Bettany, Sir Ian McKellen, Alfred Molina, Jean Reno

Durata: 174’

Audio: Italiano, Inglese 5.1 Dolby Truehd

Formato: 2.40;1 1920 x 1080P

Distribuzione: Sony Pictures Home Entertainment [www.he.sonypictures.it]

Extra: Nuove scene selezionate con il commento del regista Ron Howard; Svelare il codice; Scopri i segreti dietro le quinte de Il Codice Da Vinci con la modalità interattiva picture in picture

ANGELI E DEMONI

3 Teschi

Regia: Ron Howard

Con: Tom Hanks, Ayelet Zurer, Ewan McGregor, PierFrancesco Favino, Nikolaj Lie Kaas, Armin Mueller-Stahl

Durata: 146’

Audio: Italiano, Inglese, Spagnolo 5.1 DTS-HD MA, Catalano 5.1 Dolby Digital

Formato: 2.40:1 1920 x 1080P

Distribuzione: Sony Pictures Home Entertainment [www.he.sonypictures.it]

Extra: Scrivere Angeli e Demoni; Dan Brown e gli sceneggiatori sull’adattamento cinematografico del romanzo best-seller; Angeli e Demoni: tutta la storia – Il dietro le quinte del film

InGenere Cinema

x

Check Also

CURSE OF THE BLIND DEAD di Raffaele Picchio

Raffaele Picchio, regista di Morituris, nel 2020 torna alla regia a quattro ...