Home / Recensioni / Animazione / ALLA RICERCA DI NEMO 3D di Andrew Stanton e Lee Unrich

ALLA RICERCA DI NEMO 3D di Andrew Stanton e Lee Unrich

allaricercadinemo1Quando uscì in sala, nel dicembre del 2003, in Italia, Alla ricerca di Nemo, diretto da Andrew Stanton [WALL•E, 2008; John Carter, 2012] Lee Unkrich [coregista di Toy Story 2, 1999,  e Toy Story 3, 2010, Monster & Co, 2001], ebbe subito un gran successo, che concordava con l’affluenza di pubblico ottenuta in America e nel resto del mondo. Dopo quasi dieci anni, ecco che Alla ricerca di Nemo torna al cinema, ma questa volta in una nuova versione, rimasterizzata in 3D. È il primo film d’animazione Pixar ad avvalersi di questa riproposizione. Se spesso si è portati a pensare che il ricorso al 3D sia sempre e solo una trovata commerciale senza sostanza, questo non è il caso diAlla ricerca di Nemo che, invece, propone una tridimensionalità davvero incantevole, che si sposa perfettamente con una luminosissima fotografia.

Marlin [Luca Zingaretti] è un pesce pagliaccio, padre di Nemo [Alex Polidori], unico sopravvissuto della sua cucciolata che, ancora all’interno delle uova, venne attaccata da un barracuda, al quale non sopravvisse neanche sua moglie.

Marlin ha cresciuto da solo Nemo, nei confronti del quale mostra davvero troppa apprensione. È il primo giorno di scuola, e per Nemo comincia una nuova fase della sua vita. Suo padre gli ha insegnato a prestare sempre la massima attenzione nell’esplorare la barriera corallina. Ma Nemo, curioso, finirà per essere catturato da un sub, e filerà dritto nell’acquario di un dentista [zio di una bambina dall’aspetto spaventoso], insieme con altri pesci, tra i quali Branchia, con il quale il nuovo arrivato studierà il piano di una fuga.

allaricercadinemo2

Marlin, disperato, si mette da subito alla ricerca di suo figlio, aiutato da Dory [Carla Signoris], un pesce blu, che si rivelerà essere una compagna di viaggio stralunata, per via delle continue perdite di memoria.

Alla ricerca di Nemo, premiato nel 2004 all’Academy Awars come miglior lungometraggio d’animazione, è un film completo, ben scritto, ben girato, dal ritmo costante ma mai compulsivo. La musica non è invasiva, come magari ci si aspetterebbe da un film d’animazione Disney, e non ci sono parti cantate, il che è un bene.

Anticipa la visione del film il cortometraggio Non c’è festa senza Rex, di Mark Walsh, che vede protagonista il dinosauro Rex, uno dei personaggi della serieToy Story [alla cui sceneggiatura dei primi due episodi lavorò lo stessoStanton], alle prese con un gruppo di compagni per organizzare, in una vasca da bagno, la più grande festa mai vista. Davvero un bel corto, allegro, fantasioso e molto colorato, ma non certo originale [ricorda, anche se a grandi linee, il capolavoro di Enzo D’AlòLa freccia azzurra, 1996].

Alla ricerca di Nemo uscirà al cinema da giovedì 25 ottobre: un appuntamento che i piccoli fan non disdegneranno!

Gilda Signoretti

 

Regia: Andrew Stanton e Lee Unkrich

Con: Luca Zingaretti, Alex Polidori, Carla Signoris

Uscita in sala in Italia: giovedì 25 Ottobre

Sceneggiatura: Andrew Stanton, Bob Peterson, David Reynolds

Produzione: Pixar Animation Studios

Distribuzione: Walt Disney Pictures

Anno: 2012

Durata: 100’

InGenere Cinema

x

Check Also

Vespertilio Awards: Il nuovo premio italiano per il cinema horror!

Arriva la prima edizione del Vespertilio Awards, un riconoscimento cinematografico italiano del panorama ...