Home / Recensioni / Memorie dall'Invisibile / VERSIPELLIS di Donatello Della Pepa

VERSIPELLIS di Donatello Della Pepa

Versipellis_coverVersipellis presentato in anteprima durante una proiezione privata a Roma, il 21 gennaio 2012 alla Casa del Cinema, è un cortometraggio di 23 minuti circa, parto delle menti folli di Donatello Della Pepa [regia, soggetto e sceneggiatura] e Luca Ruocco [soggetto e sceneggiatura], che ai frequentatori di InGenere Cinema dovrebbe ricordare qualcosa.

La Roma che Della Pepa dipinge è quella attuale: sporca, fredda, cinica, che porta lo spettatore a fare un balzo indietro nel tempo, allontanandosi dalle immagini a cui il buonismo gratuito del cinema nostrano lo hanno abituato.

C’è da dire che il panorama cinematografico indipendente già da tempo ha ospitato nel suo grande e troppe volte dispersivo contenitore una Roma violenta, proprio per contrapporsi alle varie commedie all’italiana ricche di stereotipi e macchiette varie.

Allo staff della Revok Film, però, questo non bastava e l’introduzione di un mostro, un lupo mannaro come non lo si vedeva da tempo, vale a dire fatto artigianalmente [merito degli effetti speciali di Luigi D’Andrea], colloca questa pellicola a pieno titolo nell’universo del sovrannaturale, contrapponendolo all’estremo realismo con la quale è stata girata e recitata.

Versipellis_2La trama cerca di dare una duplice veste al fenomeno della licantropia, ascoltando sia il punto di vista scientifico e sia quello più leggendario.

I due fratelli Giulio [Lorenzo Pedrotti] e Francesco Ferretti [Francesco Nappi] si cercano: sono legati da un filo sottile ma allo stesso tempo ingarbugliato e ognuno scoprirà, insieme allo spettatore, quanto sia stato torbido il passato dell’altro.

A parere di chi scrive, opere come queste non servono solo per proporre un film o una buona sceneggiatura: esse sono fondamentali per promuovere tutta una squadra di lavoro [davvero riuscito anche il montaggio di Federico Conforti], che va dalle mansioni più tecniche a quelle più artistiche, e in questo corto si ha la sensazione che ognuno abbia compiuto il suo dovere al massimo delle proprie potenzialità.

Ovviamente ci sono anche i contro perché un cortometraggio ha dei seri limiti di tempo per dare ampio respiro a tutte le sfaccettature di una sceneggiatura così articolata, quindi alcuni colori sono stati semplicemente abbozzati sulla tela, mentre con un minutaggio maggiore a disposizione il regista avrebbe potuto approfondire meglio determinate tematiche semplicemente enunciate.

Paolo Corridore

 

Regia: Donatello Della Pepa

Con: Lorenzo Pedrotti, Francesco Nappi, Sergio Di Giulio

Sceneggiatura: Donatello Della Pepa, Luca Ruocco

Produzione: Revok Film

Distribuzione: Revok Film

Anno: 2011

Durata: 23’

Blog Ufficiale: http://versipellisblog.wordpress.com

Teaser:

VERSIPELLIS TEASER01 from Revok Film on Vimeo.

InGenere Cinema

x

Check Also

CRIMES OF THE FUTURE di David Cronenberg

L’apparire. Condiziona la nostra vita, la maggior parte di essa. Dal gusto ...