Home / Recensioni / Animazione / ERNEST E CELESTINE – L’AVVENTURA DELLE 7 NOTE di Jean-Christophe Roger e Julien Chheng

ERNEST E CELESTINE – L’AVVENTURA DELLE 7 NOTE di Jean-Christophe Roger e Julien Chheng

Sono trascorsi dieci anni dall’uscita al cinema nel dicembre 2012 di Ernest & Celestine, diretto da Benjamin Renner, Vincent Patar e Stéphane Aubier, sceneggiato nientemeno che da Daniel Pennac.

Dopo dieci anni la topina Celestine e l’orsacchiottone Ernest tornano in sala con Ernest e Celestine – L’avventura delle 7 note, diretto stavolta da Jean-Christophe Roger e Julien Chheng e sceneggiato da Guillaume Mautalent e Sébastien Oursel.

Nonostante Celestine sia una topolina piccola e aggraziata, non è esente da combinare guai, spesso inconsapevolmente. Inavvertitamente, infatti, rompe il violino Stradivorso di Ernest, che reagisce disperandosi per il danno arrecato allo strumento, in quanto lo stesso è stato costruito dal liutaio Octavius, l’unico che può ripararlo. Octavius, però, vive in Ostrogallia, paese natale di Ernest, che da tanti anni non vi fa più ritorno, e luogo dove vive la sua famiglia. Celestine, che si sente responsabile e vuole farsi perdonare da Ernest, si avventura in un viaggio verso il Paese natio dell’amico, dove la raggiungerà anche Ernest, che avrebbe tanto voluto rimanere a casa, soprattutto nel suo letto, a dormire.

In Ostrogallia nel frattempo molte cose sono cambiate. Il giudice del Paese, nonché padre di Ernest, ha vietato di poter suonare ogni forma di musica, e l’unica nota ammessa è il Do.

Il motivo di questa imposizione è da ricercarsi proprio nei rapporti tra Ernest e la sua famiglia, ma non possiamo anticiparvi troppo.

Possiamo però aggiungere che in Ostrogallia c’è un personaggio coraggioso, che indossa una maschera da uccello e un mantello che non permette di scoprirne l’identità, e che darà filo da torcere al giudice e alle guardie. Al misterioso personaggio si aggiungono i membri della resistenza, musicisti privati dei propri strumenti musicali che hanno trovato un modo per continuare a fare musica….

Ernest e Celestine – L’avventura delle 7 note è un film di animazione classico e incredibilmente poetico. Sono tante le emozioni che questo film suscita, a partire dalla bellezza delle immagini. Si ha come l’impressione di sfogliare un libro illustrato dove tutto prende forma. La descrizione dei paesaggi, autunnali, invernali, primaverili è davvero realistica e soprattutto raffinata. Accompagnano le immagini musiche assolutamente adatte al momento che si sta raccontando, ritmate e piacevoli.

L’uscita a Natale è assolutamente adatta, perché la storia che viene raccontata è una storia per famiglie, molto intelligente, bella da ascoltare e piena di spunti di riflessione. Ancora una volta I Wonder Pictures, insieme a Unipol Biografilm Collection, distribuisce un film di qualità e raro per grazia e profondità.

Ernest e Celestine – L’avventura delle 7 note è sicuramente da non perdere, soprattutto se si ha voglia di andare al cinema e di non assistere al solito film di animazione isterico, ma anzi, di uscire dalla sala con la consapevolezza di aver assistito alla proiezione di un film di qualità, che mette serenità e che, attraverso l’espediente della musica, riflette sul totalitarismo, sulla censura, sulle conseguenze sbagliate dei pregiudizi e scatenati dal troppo orgoglio.

A doppiare le voci di Ernest e Clementine, ancora una volta, Claudio Bisio e Alba Rohrwacher.

In contemporanea con l’uscita nelle sale, sarà possibile trovare in libreria anche l’albo illustrato tratto dal film pubblicato da Gallucci Editore in esclusiva delle opere dell’artista Gabrielle Vincent, creatrice dei personaggi di Ernest e Celestine.

Gilda Signoretti

ERNEST E CELESTINE – L’AVVENTURA DELLE 7 NOTE

Regia: Benjamin Renner, Vincent Patar, Stéphane Aubier

Con: [con le voci di] Claudio Bisio, Alba Rohrwacher, Dario Cantarelli

Uscita in sala in Italia: giovedì 22 Dicembre 2022

Sceneggiatura: Guillaume Mautalent, Sébastien Oursel

Produzione: Studiocanal; Mélusine Production; Folivari

Distribuzione: I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection

Anno: 2022

Durata: 80’

InGenere Cinema

x

Check Also

A WHITE, WHITE DAY – SEGRETI NELLA NEBBIA di Hlynur Pàlmason

“Lei mi bastava, mi tagliava i capelli, mi mancava. Credo che mi ...