Home / Recensioni / In sala / SULLY di Clint Eastwood

SULLY di Clint Eastwood

sully1Che cos’è un eroe? In un mondo cinematografico dominato da supereroi in armature e costumi variopinti, c’è ancora qualcuno che preferisce evitare di celebrare dei personaggi nati da albi a fumetti, guardando verso la realtà. Quel qualcuno, fra tanti, è il leggendario Clint Eastwood, a suo modo un eroe del cinema vecchio stampo, al massimo dotato solo di cappello e cavallo. Arrivato alla sua veneranda età, l’attore-regista deve lasciare il poncho del prode a qualcun altro e la persona scelta in questo caso è il Cap. Chesley “Sully” Sullenberger, un pilota di linea, un uomo semplice che ha evitato di sfregiare ulteriormente la città di New York e di procurarle altro dolore dopo gli attacchi dell’11 settembre.

Nel pomeriggio del 15 gennaio 2009, il volo 1549 della U.S. Airways decolla dall’aeroporto LaGuardia trasportando 155 anime, incluso l’equipaggio. Due minuti dopo l’aereo si ritrova vittima di un bird strike che manda fuori uso entrambi i motori. Dopo essersi accertato che l’aereo è impossibilitato a tornare indietro o atterrare in un altro aeroporto più vicino, il Cap. Sullenberger [Tom Hanks] prende la decisione più audace: effettuare un atterraggio d’emergenza sul fiume Hudson. Le conseguenze delle sue azioni lo porteranno ad affrontare un’inchiesta che determinerà la legittimità delle scelte compiute, nonostante nessuno abbia perso la vita.

sully2Se nel 2012 la finzione ha regalato al pubblico Flight di Robert Zemeckis, dove il pilota Denzel Washington si ritrova eroe in una vita fatta di demoni contenuti nelle droghe e nelle bottiglie, la realtà ora regala il Cap. Sully, ovvero una persona normale, riservata, dotata di un forte senso del dovere e a cui non piace molto stare al centro dell’attenzione. La forza del film staziona proprio nella semplicità di questo personaggio, determinandone la sua grandezza.

Di certo il Cap. Sully non ha l’aspetto dell’uomo senza nome col poncho, ma questo non esclude il fatto che sia ugualmente un individuo pronto ad agire, il cui ostacolo in questo caso sono dei burocrati dietro a una scrivania, intenti a fare i loro freddi calcoli sulle probabilità di successo o meno di tornare, in stato d’allarme, su una pista d’atterraggio. Un branco di animali selvatici affamati, con la sola voglia di strappare l’incredibile onore ottenuto da Sully, quasi come se fosse carne. Lo si può definire un gruppo di “cattivi” che aggiungono un peso ulteriore allo stress subito per via dell’evento, portando il nostro eroe ad avere dei seri dubbi sulle sue scelte.

sully4Eastwood, con la sua regia lineare, afferra il pubblico dalle viscere, tenendolo col fiato sospeso nonostante sia già al corrente che la vicenda andrà a buon fine. Lo sbatte all’interno di quell’aereo, trasformandolo nel passeggero, nel co-pilota e nel comandante, facendogli così sentire il freddo gelido dell’Hudson, allo stesso tempo fonte di salvezza e di morte. Con la successiva inchiesta, lo spettatore si addentra ancora di più nelle dinamiche del caso, vivisezionando e studiando ogni particolare, ma senza il distacco emotivo di un chirurgo.

Sully è un trionfo di maestria registica e di splendide performance.

sully3E così, anche se alla continua ricerca di qualcuno a cui lasciare il testimone, il vecchio Clint dimostra a suo modo che difficilmente smetterà di rimanere in sella al suo cavallo, completando un cerchio iniziato più di cinquant’anni fa, che è proseguito con un mondo fatto di colori e realtà fantastiche che non gli appartengono e concluso con uno sguardo alla vita di tutti i giorni: un eroe non si nasconde nelle pagine di un fumetto o in un grosso blockbuster di cassetta. Un eroe si nasconde nelle persone più umili e corrette che ci circondano, che non esitano a fare la differenza nel momento del bisogno.

Luca Pernisco

SULLY

4 Teschi

Regia: Clint Eastwood

Con: Tom Hanks, Aaron Eckhart, Laura Linney, Anna Gunn, Autumn Reeser, Ann Cusack, Holt McCallany, Sam Huntington, Michael Rapaport

Uscita sala in Italia: giovedì 1 dicembre 2016

Sceneggiatura: Todd Komarnicki

Produzione: Village Roadshow Pictures, Malpaso Productions, The Kennedy/Marshall Company, RatPac Entertainment, Flashlight Films

Distribuzione: Warner Bros. Pictures Italia

Anno: 2016

Durata: 96’

InGenere Cinema

x

Check Also

PLEASURE di Ninja Thyberg

Quando la giovane Linnéa lascia la Svezia per approdare a Los Angeles ...