Home / Recensioni / In sala / DIO ESISTE E VIVE A BRUXELLES di Jaco Van Dormael

DIO ESISTE E VIVE A BRUXELLES di Jaco Van Dormael

Dio esiste locandinaCome cambierebbe la vita delle persone se venissero a conoscenza della data della propria morte? Un cambio decisamente radicale, ed è quello che succede in Dio esiste e vive a Bruxelles, intelligente commedia francese tra le più geniali degli ultimi anni.

Il ‘padrone di casa’ è lo stravagante attore Benoit Poelvoorde, che nel film veste i panni di Dio. L’altissimo é un uomo burbero e dispettoso e poco curato, e la scelta del figlio Gesù di andare via di casa per predicare e sacrificare la propria vita, va contro la sua morale: ogni insegnamento del messia sembra essere per lui un affronto. Dio tiene prigioniere in casa la moglie [Yolande Moreau] e la figlia di dieci anni, Ea [Pili Groyne] ma, mentre la prima é sua succube, la seconda si ribella al padre, e trama vendetta contro i dieci anni di reclusione e dittatura ‘domiciliare’ che è stata costretta a subire.


La vera svolta avviene nel momento in cui la bambina, con l’aiuto del fratello Gesù, che comunica con lei attraverso una statuina parlante, prima accede al pc del padre per avvertire con un sms tutti gli esseri umani della data della propria morte, poi scappa entrando in una lavatrice, il tutto con un obiettivo: trovare 6 apostoli per scrivere un nuovo Vangelo e far decadere tutte le regole bizzarre fissate da Dio.

Dio esiste 1I sei nuovi apostoli sono tutti diversi tra loro: alla ragazza bellissima ma triste, desiderata da tutti ma che non ha mai conosciuto l’amore, si affianca un potenziale assassino, un ‘cacciatore di esseri umani’ che se va in giro armato fingendo di colpire poveri malcapitati, come reazione emotiva alla scoperta della sua morte. C’è poi il  bambino che esprime il desiderio di vestirsi da ragazza, dopo aver scoperto che gli manca poco da vivere; la donna ultrasessantenne [Catherine Deneuve] in crisi con il marito che si troverà a riscoprire l’amore grazie ad un gorilla; un erotomane frequentatore di locali di spogliarelliste, innamorato da sempre di una avvenente ragazza incontrata sulla spiaggia quando era ancora un bambino, che si ritrova a doppiare film hard proprio insieme all’amore della sua vita; e  infine un avventuriero che riscopre l’amore per l’ignoto in età matura, e inizia a seguire in giro per il mondo un uccello, fino ad arrivare al Polo Nord.

Dio esiste 2Prima di scegliere gli apostoli, però, Ea fa la conoscenza di un clochard [George Nixon], a cui affiderà il compito di scrivere il vangelo e riportare fedelmente su carta le sue conversazioni con gli apostoli.

Dio esiste è vive a Buxelles [titolo originale di Le tout nouveau testament] é un film originale e assolutamente spiritoso, graffiante e divertente.

Davvero una sorpresa piacevole, che poggia su un soggetto eccellente e con una sceneggiatura che pecca un po’ nello sviluppo, molto attenta a esprimere al meglio la personalità dei personaggi secondari, ma che ad un certo punto sembra perdere le fila, nell’incantevole giostra generale, dei caratteri primari. Ottime le interpretazioni dei protagonisti, in primis Poelvoorde che, grazie alla sua verve ironica e sarcastica, csi fa beffe dell’integralismo religioso e delle battaglie storiche cristiane in nome di Dio, con una spigliata intelligenza, in un periodo in cui proprio l’integralismo religioso è alla base di tristi pagina di cronaca.

Dio esiste 4Dio prova invidia per i suoi due figli perché a differenza loro non sa fare i miracoli, e perché detesta il loro fare spigliato e la loro pessima considerazione nei suoi confronti. Lo spettatore ride delle sue frustrazioni e delle sue isterie, così come delle sue leggi dispettose per divertirsi con gli esseri umani. Risate garantite in un film originale di quasi due ore che scorre piacevolmente e che non si dimentica.

Gilda Signoretti e Luca Ruocco

DIO ESISTE E VIVE A BRUXELLES

4 Teschi

Regia: Jaco Van Dormael

Con: Benoit Poelvoorde, Yolande Moreau, Pili Groyne, Catherine Deneuve, George Nixon Francois Damiens, Laura Verlinden, Serge Larivière, Didier De Neck, Marco Lorenzini, Anna Tenta, Johan Heldenberg, Gaspard Pauwels, Bilal Aya

Uscita in sala in Italia: giovedì 26 novembre 2015

Produzione: Climax Films, Terra incognita Films, Caviar Films, Après le Déluge, Juliette Films

Distribuzione: I Wonder Pictures, Unipol Biografilm

Anno: 2015

Durata: 113′

Gilda Signoretti

x

Check Also

LA CROCE DALLE 7 PIETRE: Annunciata la release con TetroVideo in collaborazione con Luce Cinecittà

In collaborazione con Luce Cinecittà, TetroVideo distribuirà per il mercato home video ...