Home / Recensioni / In sala / HUNGER GAMES: Il canto della rivolta – Parte II di Francis Lawrence

HUNGER GAMES: Il canto della rivolta – Parte II di Francis Lawrence

 

Hunger_Games_-_Il_Canto_della_Rivolta_-_Parte_2_Poster_Italia_midL’ultimo capitolo della saga di Hunger Games riparte da un Paese in conflitto. Il mondo distopico creato dalla fantasia di Suzanne Collins è imploso in una guerra civile, dove Capitol City, l’epicentro culturale e legislativo del paese, dopo anni di sopraffazione totalitaria ai danni dei distretti che lo circondano, è preso d’assedio.

I ribelli, capitanati da Alma Coin [Julianne Moore], ormai strutturati in un esercito, si preparano a rovesciare il potere detenuto dal tirannico Presidente Snow [Donald Sutherland], che in quest’ultimo capitolo riconferma la statura degna di un antieroe shakespeariano data al suo personaggio.

Come nei capitoli precedenti, la grande innovazione di questa saga è nella sua modernità. L’eroismo non è più quello muscolare, tanto caro al fantasy, dove sbaragliare orde di nemici all’ora del thè è una condizione necessaria all’epica che contraddistingue il Genere.

In Hunger Games, Katniss Everdeen [Jennifer Lawrence] è un leader mediatico: la Ghiandaia Imitatrice, e aldilà delle imprese che l’hanno giustamente portata a ricoprire quel ruolo, strettamente dipendenti da uno stoicismo e un coraggio fuori dal comune, il suo impiego nella guerra in atto è quello di ispiratrice.

Katniss è la figura iconica che incarna i valori della rivoluzione, perché come ci insegna la realtà, giusto e sbagliato sono solo punti di vista, e la capacità di essere percepiti come paladini dipende frequentemente solo da un ottima propaganda.

hungergamescantoparte2-2Quello che era nato come un film fantasy, tra i tanti che hanno annacquato il Genere sulla scia de Il Signore degli anelli, è diventato adulto, e con lui i suoi protagonisti, la Lawrence stessa è ormai una celebrata diva da red carpet e anche lo spessore cinematografico è aumentato, rendendo l’ultimo capitolo un fenomeno main stream, ormai radicato nella coscienza collettiva.

Unico neo di questo film è forse quell’atmosfera un po’ melo che si respira nel rapporto a tre che condiziona i sentimenti della protagonista e che, tra un oceano di esplosioni e qualche freccia infuocata, non riesce a raggiungere la caratterizzazione emotiva che sarebbe stata necessaria, e il ruolo di Gale [Liam Hemsworth] cuspide sfortunata del trio amoroso, è piuttosto marginale e si fa notare più per l’apatia con cui si fa soffiare la ragazza che non per meriti propri.

hungergamescantoparte2-3Rimane comunque un senso di profondità nella trilogia vissuta in tutta la sua interezza, con un epilogo degno di una tragedia classica, dove Katniss, messa al bando la sua percezione manichea delle parti, impugna una scelta radicale e impopolare, dettata dalla propria coscienza e dalla consapevolezza che, almeno nel cinema, si può essere padroni non solo del proprio destino, ma anche del destino del mondo.

Francesco Rombaldi

HUNGER GAMES: Il canto della rivolta – Parte II

3.5 Teschi

Regia: Francis Lawrence

Con: Jennifer Lawrence, Josh Hutcherson, Liam Hemsworth, Philip Seymour Hoffman, Julianne Moore, Natalie Dormer, Stef Dawson, Evan Ross

Uscita in sala in Italia: giovedì 19 novembre 2015

Sceneggiatura: Suzanne Collins

Produzione:  Lions Gate Entertainment, Color Force

Distribuzione: Universal Pictures

Anno: 2015

Durata: 136’

InGenere Cinema

x

Check Also

CIP & CIOP AGENTI SPECIALI di Akiva Schaffer

Fra i nati a partire dalla metà degli anni ‘80, c’è chi ...