Home / Recensioni / In sala / AVENGERS: AGE OF ULTRON di Joss Whedon

AVENGERS: AGE OF ULTRON di Joss Whedon

ultron1A tre anni di distanza dal primo capitolo corale sui vendicatori Marvel, gli Avengers tornano in sala con l’atteso sequel Age of Ultron, sempre firmato da Joss Whedon [per noi affezionati, irrinunciabile ricordarlo come il co-sceneggiatore dell’ottimo Quella casa nel bosco], sull’orlo della chiusa della seconda fase della parabola cinematografica di Marvel Studios.

A separare il primo capitolo da questo Agengers: Age of Ultron, quattro film: Iron Man 3 [qui la nostra recensione], Thor: The Dark World [qui]; Captain America: The Winter Soldier [qui] e Guardiani della galassia [qui]. Quasi tutti buoni o ottimi [Guardiani della galassia] passi per avvicinarci alla seconda reunion dei supereoi e all’undicesimo cinecomix messo in cantiere dalla casa di distribuzione statunitense.

Distrutto lo S.H.I.E.L.D., i Vendicatori riuniti all’interno del gruppo degli Avengers [l’Iron Man di Robert Downey Jr.; il Thor di Chris Hemsworth; l’Hulk di Mark Ruffalo; il Captain America di Chris Evans  e la Vedova Nera di Scarlett Johansson; l’Occhio di Falco di Jeremy Renner] si sono fatti carico di vegliare sulla protezione della Terra, inseguendo il sogno di poter condurre l’umanità verso un regno di pace.

ultron2Proprio per raggiungere questo obiettivo, infatti, il magnate ingegnere Tony Stark, stanco di indossare l’armatura di Iron Man, intende dare vita ad Ultron, forma di intelligenza artificiale tanto avanzata da raggiungere il gradi dell’auto-coscienza che, programmata a dovere e inserita all’interno del giusto “congegno”, possa garantire protezione e sopravvivenza alla razza umana.

Peccato che l’esperimento di Stark, accelerato dal ritrovamento di un particolare manufatto [lo scettro di Loki] durante una delle missioni dei Vendicatori, prenda da subito una brutta e prevedibilissima piega: l’A.I. Ultron, infatti, acquista sin da subito una totale autonomia rispetto al suo creatore e ai suoi “soci”, e comincia a coltivare in maniera autodidatta il sogno di Tony.

ultron3Per Ultron, infatti, l’unico modo per portare la Terra ad uno stato totale di pace prevede l’estinzione degli Avengers e dell’intera razza umana.

Due cose saltano subito all’occhio durante la visione di Avengers: Age of Ultron: da un lato il fatto che i cinecomix di tal calibro, ormai, sembrino davvero più una precisa opera di bilancino che un’espressione artistica, un’operazione di precisione di altissimo livello, che segue un preciso dosaggio di scene d’azione e di dialoghi, di ironia e sentimenti.

Ed Age of Ultron risponde in tutto e per tutto a questo schema: mescolando a dovere, ma senza guizzo, scene d’azione ottimamente orchestrate e dialoghi [a volte anche abbastanza di durata eccessiva rispetto al “messaggio” contenuto nei fiumi di parole]; l’ironia di Stark alla seriosità di Captain America… fino ad arrivare ad un amore in incubazione [mai consumato!] tra i due alter-ego umani di Hulk e Vedova Nera.

ultron4E’ forse lo zampino Disney che può essere ritrovato in un’operazione di [freddo] marketing come questo? Di certo la casa madre di Topolino lascia la sua firma proprio all’interno del malvagio personaggio di Ultron che allontanandosi sempre di più dalla figura di “creazione” di Stark per appropriarsi di un’identità propria molto più simile a quella di un nuovo Messia che a un burattino cibernetico, canticchia [e per essere sicuri che il messaggio arrivi lo farà ancora verso la chiusa finale], la canzone “Io non ho fili eppur sto in piè” tratta proprio dal classico Pinocchio.

Avengers: Age of Ultron intrattiene e, contrariamente al precedente capitolo, riesce ad essere fruito in modo più organico, grazie ad un ordine narrativo più metodico… Manca la potenza.

Luca Ruocco

AVENGERS: AGE OF ULTRON

2.5 Teschi

Regia: Joss Whedon

Con: Robert Downey Jr., Chris Hemsworth, Mark Ruffalo, Chris Evans, Scarlett Johansson, Jeremy Renner, Aaron Taylor-Johnson, Elizabeth Olsen

Uscita in sala in Italia: giovedì 23 aprile 2015

Sceneggiatura: Joss Whedon

Produzione: Marvel Studios

Distribuzione: Walt Disney Studios Motion Pictures

Anno: 2015

Durata: 141’

InGenere Cinema

x

Check Also

Vespertilio Awards: Il nuovo premio italiano per il cinema horror!

Arriva la prima edizione del Vespertilio Awards, un riconoscimento cinematografico italiano del panorama ...